POLITICA

Fontana dice sì al giurì d’onore

REDAZIONE italia/roma

Il presidente della Camera Lorenzo Fontana ha acconsentito alla richiesta di Giuseppe Conte di istituire un giurì d’onore sulle parole di Giorgia Meloni a proposito del sì al Mes del governo presieduto dal leader M5S. «Il giurì sarà presieduto da Giorgio Mulè – fa sapere Fontana – a uspico che si possa dirimere la questione». Conte definisce quella di Fontana «scelta doverosa ed apprezzabile». Dieci giorni fa aveva chiesto di «accertare le menzogne denigratorie del presidente del consiglio». Meloni, durante le comunicazioni a Camera e Senato sul Consiglio europeo aveva detto che la ratifica del Mes «l’ha fatta il governo Conte, senza mandato parlamentare e un giorno dopo essersi dimesso». È poi emerso che il governo Conte bis ha approvato il Mes giorni prima di cadere. È il secondo giurì d’onore della legislatura. Prima era accaduto quando Giovanni Donzelli, di FdI, aveva utilizzato carte riservate dell’amministrazione penitenziaria per polemizzare in aula con le opposizioni.

Supporta il manifesto e l'informazione indipendente

Il manifesto, nato come rivista nel 1969, è sinonimo di testata libera, indipendente e tagliente.
Logo archivio storico del manifesto
L'archivio storico del manifesto è un progetto del manifesto pubblicato gratis su Internet e aperto a tutti.
Vai al manifesto.it