INTERNAZIONALE

Sánchez cede un seggio al Pp e resta appeso a Puigdemont

Riconteggio dei voti dall’estero in Spagna. Aumenta la pressione sui catalani di Junts
LUCA TANCREDI BARONEspagna

La strada si fa più in salita per Pedro Sánchez. Venerdì notte, il conteggio dei voti giunti dall’estero e che in Spagna si contabilizzano per ciascuna delle circoscrizioni in cui è diviso il paese, ha fatto cambiare gli equilibri. Un cambiamento piccolo ma molto significativo. Nella circoscrizione di Madrid, il riconteggio fa perdere un seggio ai socialisti in favore del Partito Popolare. Nelle altre circoscrizioni, i nuovi voti degli expat - in totale hanno votato 230 mila persone sui 2 milioni 300 mila aventi diritto - non hanno inciso sui seggi. La partecipazione degli elettori esteri ha raggiunto il record da 12 anni a questa parte (circa il 10%; l’ultima volta erano stati il 6%): il governo ha infatti semplificato il sistema di voto. I risultati definitivi per camera e senato verranno resi pubblici solo oggi, ma non ci si aspettano nuovi colpi di scena.
A QUESTO PUNTO la situazione è che i popolari, con Vox e due piccoli alleati (Upn e Coalición canaria) raggiungono 172 seggi, mentre il Psoe, Sumar e tutti i loro alleati della scorsa legislatura non superano i 171. Nessuno dei due grandi da solo ha la maggioranza assoluta di 176 voti, ma stavolta se l’ultimo partito, i catalani di Junts, si astengono in seconda votazione, ad avere la maggioranza relativa sufficiente per formare il governo, sarebbe Alberto Núñez Feijóo e non Sánchez.
Ora deve prendere una decisione chiara Junts, il cui leader, Carles Puigdemont, ex presidente catalano autoesiliatosi e attuale eurodeputato, ha passato tutta la campagna elettorale dicendo che non avrebbe fatto presidente Sánchez. Fino a venerdì sarebbe bastata un’astensione; ora, se non vogliono Vox e il loro centralismo anticatalano al governo a Madrid, devono votare sì a Pedro Sánchez.
Nonostante questo colpo di scena, che regala al Pp un piccolo vantaggio, sembra ancora più probabile un Sánchez ter che un governo Feijóo. Ma Junts è stretto nel dilemma se rimangiarsi le proprie promesse elettorali per evitare un governo fascista a Madrid o riprendere le ostilità, ma con un governo, almeno a parole, più aperto al dialogo sulla questione catalana. Rimane sempre aperta la via della ripetizione elettorale, che scatta se nessun candidato ottiene più sì che no, a 60 giorni dalla prima sessione di investitura. È successo due volte negli ultimi 10 anni, ma ad ora l’ipotesi è scartata da tutti gli alleati veri o potenziali di Sánchez, consapevoli che vorrebbe dire rischiare, stavolta sì, di consegnare il paese alla destra.
Esquerra Republicana, che nella scorsa legislatura ha appoggiato quasi sempre il governo, prova a coordinarsi con Junts per portare assieme le proprie istanze catalaniste al tavolo. E un fedelissimo di Ada Colau, l’ex deputato e avvocato del lavoro Jaume Assens, è stato spedito a trattare discretamente con Junts e il mondo indipendentista da parte di Sumar e Yolanda Díaz.
TROVARE LA QUADRA non sarà semplice: le principali richieste di bandiera degli indipendentisti sono sempre amnistia per tutti i condannati per i reati connessi con l’indizione del referendum di indipendenza nel 2017 e referendum di autodeterminazione, due linee rosse per i principali partiti di Madrid (ma non per Sumar).
Di amnistia in Spagna ce n’è stata solo una nel 1977, dopo la fine della dittatura. E un referendum lo può convocare solo il presidente del governo: in teoria si potrebbe trovare una formula non vincolante per farlo, ma è un passo che il Psoe non è pronto a fare (anche se i voti indipendentisti sono a un minimo rispetto al 2017). Saranno le promesse economiche e di decentralizzazione a giocare un ruolo da centrale nelle trattative.

Supporta il manifesto e l'informazione indipendente

Il manifesto, nato come rivista nel 1969, è sinonimo di testata libera, indipendente e tagliente.
Logo archivio storico del manifesto
L'archivio storico del manifesto è un progetto del manifesto pubblicato gratis su Internet e aperto a tutti.
Vai al manifesto.it