INTERNAZIONALE

40 stranieri in cella, 56 uccisi in Rojhilat

REDAZIONEiran/Rojhilat (kurdistan ircheno)

«Finora 40 stranieri sono stati arrestati perché coinvolti nelle proteste». Ieri Teheran ha dato conto di quelli che per l’Iran sono «nemici stranieri» inviati per destabilizzare il paese. Nelle stesse ore le Guardie rivoluzionarie proseguivano nei raid aerei contro postazioni curdo-iraniane nel nord dell’Iraq. Nel Kurdistan iraniano (Rojhilat), invece, secondo l’ong Iran Human Rights, 56 manifestanti sono stati uccisi in una settimana.

Supporta il manifesto e l'informazione indipendente

Il manifesto, nato come rivista nel 1969, è sinonimo di testata libera, indipendente e tagliente.
Logo archivio storico del manifesto
L'archivio storico del manifesto è un progetto del manifesto pubblicato gratis su Internet e aperto a tutti.
Vai al manifesto.it