VISIONI

Senti comesi alza forte il cantopopolare

FOLK
NAZIM COMUNALEITALIA

«Siamo nate in Emilia, un’area dove la cultura rurale ha radici profonde ed è stata parte della nostra esperienza da bambine. Qualche anno fa abbiamo introdotto reintrepretazioni del foklore locale nei nostri progetti di musica contemporanea». Ecco come nasce questo lavoro della violinista Silvia Tarozzi e della violoncellista Deborah Walker, pubblicato dalla prestigiosa etichetta americana Unseen Worlds. Dodici tracce splendide dove memorie nitide di canti popolari indossano nuovi vestiti: si ascolti ad esempio la versione de La lega con il coro di Bentivoglio, la prima canzone di lotta proletaria femminile, parte del repertorio delle Mondine sin dagli albori del XX secolo.
OPPURE Il bersagliere ha cento penne, la cui melodia viene trafitta da lampi e rumori acustici e catapultata in un scenario totalmente differente da quello originario, in due versioni, una con la cantante gospel nigeriana Ola Obasi Nnanna. Arrangiamenti avventurosi eppure accoglienti, canzoni che sanno di storia ma suonano ancora urgenti e attuali, prive di qualsiasi intenzione retorica o didascalica. Un viaggio che prosegue quello prezioso di Giovanna Marini, dando nuova voce e luce a tesori del passato. Un disco necessario.

Supporta il manifesto e l'informazione indipendente

Il manifesto, nato come rivista nel 1969, è sinonimo di testata libera, indipendente e tagliente.
Logo archivio storico del manifesto
L'archivio storico del manifesto è un progetto del manifesto pubblicato gratis su Internet e aperto a tutti.
Vai al manifesto.it