ECONOMIA

Wärtsilä: sciopero di otto ore

REDAZIONEITALIA/BAGNOLI DELLA ROSANDRA (TRIESTE)

La protesta a Trieste, Genova, Taranto e Napoli. Centinaia di berretti in un flash mob in Piazza della Borsa a Trieste. 450 le vite stravolte dalla chiusura dello stabilimento di Bagnoli della Rosandra e dalla delocalizzazione in Finlandia della produzione dei motori navali Wärtsilä. Un migliaio gli esuberi. Grande partecipazione dei cittadini. Tra gli altri in piazza l'assessore regionale al lavoro Alessia Rosolen e il sindaco di Trieste Roberto Di Piazza. I sindacati chiedono «che la procedura cessi immediatamente». «La realtà di Wartsila è unica in Friuli Venezia Giulia, ci sono tante piccole aziende che non possono riassorbire le competenze iperspecializzate. L'unica speranza ora è nella mediazione delle istituzioni». Prossimo appuntamento in piazza a inizio settembre.

Supporta il manifesto e l'informazione indipendente

Il manifesto, nato come rivista nel 1969, è sinonimo di testata libera, indipendente e tagliente.
Logo archivio storico del manifesto
L'archivio storico del manifesto è un progetto del manifesto pubblicato gratis su Internet e aperto a tutti.
Vai al manifesto.it