POLITICA

Musumeci si dimetteperché vorrebbe tornare

SICILIA
DOMENICO CIRILLOITALIA/sicilia

All’ultimo momento utile lo ha fatto. Il presidente della regione Sicilia Nello Musumeci si è dimesso ieri sera, nell’isola si potrà così votare per il rinnovo del parlamento regionale assieme alle elezioni politiche nazionali, il 25 settembre. E il presidente uscente, di cui i suoi alleati mettono in forse anche la ricandidatura, punta a sfruttare il traino della sua leader di riferimento, Giorgia Meloni.
La presidente di Fratelli d’Italia, non a caso, è stata velocissima ieri sera ad attribuire a Musumeci - una storia tutta di destra che va dall’Msi alla lista personale Diventerà bellissima - anche il pregio del «buon senso e lodevole spirito istituzionale». Lui infatti dichiara di aver preso questa decisione per far risparmiare i soldi ai contribuenti siciliani e per evitare una doppia chiusura delle scuole - la seconda, quella per le regionali, sarebbe stata a novembre.
«Sono pronto a guidare ancora la coalizione», ha detto ieri sera Musumeci, facendo finta di dimenticare il fatto che sia la Lega sia Forza Italia vorrebbero al contrario liberarsi di lui. Il suo grande avversario è il presidente dell’Assemblea regionale Gianfranco Miccichè, ma anche Salvatore Cuffaro - di recente grande elettore del sindaco di Palermo Lagalla - ha detto che adesso il centrodestra deve «cercare un candidato unitario». Mentre Salvini, che proprio ieri era a Lampedusa, una tappa della campagna elettorale, ha detto che «la Lega è prontissima» e ha aggiunto che «mi vedrete spesso qui». E il segretario regionale dei leghisti ha chiarito i termini dello scontro tra alleati: «Noi abbiamo già le liste e chiedevamo da tempo queste dimissioni, dopo decenni di chiacchiere garantiremo una politica seria e dignitosa». Da ieri c’è anche la Sicilia sul tavolo del centrodestra.

Supporta il manifesto e l'informazione indipendente

Il manifesto, nato come rivista nel 1969, è sinonimo di testata libera, indipendente e tagliente.
Logo archivio storico del manifesto
L'archivio storico del manifesto è un progetto del manifesto pubblicato gratis su Internet e aperto a tutti.
Vai al manifesto.it