VISIONI

Stop a «Batwoman»: la Warner cancella il film costato 90 milioni di dollari

HOLLYWOOD
REDAZIONEusa/hollywwod

La Warner Bros - la fonte è il New York Times e la notizia è stata ripresa anche da Variety, , ha deciso di cancellare Batgirl, il nuovo film dell’universo dell’Uomo Pipistrello incentrato sull’eroina di Gotham City. Il ruolo della protagonista era stato affidato a Leslie Grace, che aveva anche rilasciato diverse interviste. Nel film, inoltre, era previsto il grande ritorno di Michael Keaton nei panni di Batman, ruolo che l’attore aveva impersonato nei due film diretti da Tim Burton Batman (1989) e Batman – Il ritorno (1992). Batgirl è stato diretto da Adil El Arbi e Bilall Fallah e aveva concluso le riprese con un budget iniziale di 75 milioni di dollari, lievitato a 90. In un comunicato i due registi si sono detti: «Rattristati e scioccati dalla notizia. Non possiamo crederci. Come registi, è fondamentale che il nostro lavoro venga mostrato al pubblico e, sebbene il film fosse tutt’altro che finito, avremmo voluto che a giudicare fossero stati gli stessi spettatori. Forse un giorno...».
LA WARNER BROS,ha optato a sorpresa per la rinuncia alla distribuzione del film a seguito dei primi test che non hanno riscontrato soddisfazione da parte dei produttori. A tal proposito, onde evitare di bruciare immediatamente il franchising, la Warner Bros non se l’è sentita e ha preferito rinunciare ai 90 milioni di dollari già spesi per provare a risalire la china ideando altri lungometraggi sulla DC Comics. Batgirl, inoltre, non uscirà nemmeno sulla piattaforma a pagamento Hbo Max. Secondo la stampa specializzata di Hollywood, dietro la decisione ci sarebbe probabilmente un cambio di strategia dopo la sua fusione con il gruppo Discovery.

Supporta il manifesto e l'informazione indipendente

Il manifesto, nato come rivista nel 1969, è sinonimo di testata libera, indipendente e tagliente.
Logo archivio storico del manifesto
L'archivio storico del manifesto è un progetto del manifesto pubblicato gratis su Internet e aperto a tutti.
Vai al manifesto.it