VISIONI

Beat e Africa, le identità multiple di Ghali

URBAN
STEFANO CRIPPAitalia

Giunto al suo terzo lavoro, Ghali alza l’asticella: non solo trap, uso più parco dell’autotune, apertura verso sonorità internazionali e riferimenti sempre più espliciti ai suoi miti: Stromae e Michael Jackson. Insomma, si cresce anche se il prezzo del successo impone qualche concessione di troppo. Così se la bella apertura di Bayna e Walo - con ritmi nordafricani - lascia presagire paradisi, altre tracce non rifuggono a (inutili) comodità radio friendly.
S.Cr.

Supporta il manifesto e l'informazione indipendente

Il manifesto, nato come rivista nel 1969, è sinonimo di testata libera, indipendente e tagliente.
Logo archivio storico del manifesto
L'archivio storico del manifesto è un progetto del manifesto pubblicato gratis su Internet e aperto a tutti.
Vai al manifesto.it