VISIONI

Primo Maggio a San Giovanni, la musica si mette «al lavoro per la pace»

STEFANO CRIPPAITALIA/ROMA

C’è che ricorda la prima edizione post pandemia su Rai3, con squarci di una piazza San Giovanni desolatamente vuota alternati a montaggi di performance video degli artisti in diretta o in differita. Gianna Nannini sul grattacielo milanese per solo pianoforte e voce, ne è il simbolo. Inevitabile ma da stretta al cuore, come anche l’edizione 2021 alla presenza di un piccolo parterre di pubblico «migrato» negli spazi della Cavea dell’Auditorium Parco della Musica di Roma. Il Concertone del Primo Maggio a San Giovanni ha vissuto - come tutto il comparto spettacolo dal vivo, due anni di stop and go - si riprende e ci si riferma, tutti i tormenti della pandemia.
ORA SI RIPARTE davvero e l’evento promosso eorganizzato da Cgil, Cisl e Uil, si riprende il suo spazio e la sua gente, e torna in piazza, oltre alla sua consueta diretta su Rai3, Rai Radio2 - anche visual, con il commento di Diletta Parlangeli ed Elena Di Cioccio, nella prima parte, e di Gino Castaldo e Melissa Greta Marchetto nella seconda - e Rai Play (dove sarà disponibile anche on demand), dalle 15.30 alle 19 e dalle 20 alle 24.
CHIARO che l’attualità stretta fra pandemia, venti di guerra e la lista impressionante di morti sul lavoro rende ancor più inevitabile contestualizzare il concerto. Così lo slogan scelto per l’edizione 2022 è «Al lavoro per la pace», includendo i temi trattati dagli organizzatori e dai singoli artisti nel corso delle performance: lavoro, sicurezza, diritti, sanità, condizione femminile, tolleranza e accoglienza. E la guerra. Non a caso sono stati scelti come unici - e chiaramente simbolici ospiti internazionali - i Go_A, un gruppo musicale ucraino. A condurre - un record, la quinta volta consecutiva- Ambra Angiolini che accoglierà i 30 artisti, mai come quest’anno specchio delle tendenze musicali del Belpaese. Sarà la «prima volta» in piazza San Giovanni per Marco Mengoni e Max Pezzali, torna Carmen Consoli e ci sarà anche Ornella Vanoni. E ancora fra gli altri: Coez, Rkomi, Mecna, Mr. Rain, Rancore, Fasma , Tommaso Paradiso, Willie Peyote, Fabrizio Moro, Enrico Ruggeri. Luca Barbarossa sarà con gli Extraliscio, la Bandabardò con Cisco. Tornano i Coma_Cose, La Rappresentante di Lista, Clementino e l'Orchestraccia, Ariete, HU. Extra musicali, infine, gli interventi di Francesca Barra e Claudio Santamaria, Giovanna Botteri, Marco Paolini, Riccardo Iacona, Stefano Massini e Valerio Lundini.

Supporta il manifesto e l'informazione indipendente

Il manifesto, nato come rivista nel 1969, è sinonimo di testata libera, indipendente e tagliente.
Logo archivio storico del manifesto
L'archivio storico del manifesto è un progetto del manifesto pubblicato gratis su Internet e aperto a tutti.
Vai al manifesto.it