VISIONI

Mina vagante nell’universo di Ozpetek

SIGLE
STEFANO CRIPPAITALIA

«E così, io ti guardo buttare l’amore, resto qui e finisco per farmi del male passerà, serviranno altre mille persone e va bene così». All’universo di donne dolenti e affrante cantate in 64 anni di carriera dalla diva cremonese, si aggiunge questo brano «donato» a Ferzan Ozpetek (che ne ha ricavato un video), diventato sigla finale della trasposizione televisiva in otto puntate de Le fate ignoranti. Dopo Luna diamante del sommo Fossati inserita in La dea fortuna, il secondo capitolo della collaborazione con il regista turco è ancora all’insegna del dramma e del pathos. 

Supporta il manifesto e l'informazione indipendente

Il manifesto, nato come rivista nel 1969, è sinonimo di testata libera, indipendente e tagliente.
Logo archivio storico del manifesto
L'archivio storico del manifesto è un progetto del manifesto pubblicato gratis su Internet e aperto a tutti.
Vai al manifesto.it