CULTURA

Momo, l’infanzia che scala la vita e i trampoli «sconfiggi-noia»

ALBI
ARIANNA DI GENOVAitalia

 In un porto della Normandia, c’è una casa abitata da una indomabile bambina di cinque anni e sua nonna. Il padre è via, lunghi periodi li passa in mare.
IL GRAPHIC NOVEL Momo di Jonathan Garnier e Rony Hotin (Tunué, pp. 176, euro 16,90) è un piccolo capolavoro che ricorda le atmosfere di Miyazaki. Il Giappone scorre nei paesaggi, nelle piogge, negli incontri stralunati fra adolescenti e nel tono del racconto se è vero - come narra Garnier - che la protagonista da cui è scaturito questo romanzo di formazione, pervaso da un’infanzia a ostacoli che deve fare i conti con un doloroso lutto, è una piccola ritratta dal fotografo Katori Kawashima. È «tornata» nella ventosa Normandia solo per assonanze affettive e biografiche del suo creatore che si è avvalso della perizia di Hotin (realizzatore di personaggi Disney) per darle vita: un connubio d’oro tanto che la storia ha fatto incetta di premi.
IN TEMPI ASFITTICI e di chiusura di orizzonti, si può ovviare alla noia rasentando con lo sguardo le cime delle montagne, al di là delle fronde degli alberi. È quel che propone un prezioso albo, scritto da Guia Risari (con le illustrazioni di Daniela Iride Murgia, che aiutano a staccare i piedi da terra con una narrazione parallela al poetico testo) uscito per Corsare (pp. 36, euro 18).
«AVANTI TUTTA!» nasce da due trampoli appoggiati a un tronco. Sono un invito ad andare oltre, con leggerezza, ampliando il respiro: il primo a cogliere la sfida è un bambino. Poi, vagando, si incontrano famiglie, animali, «outsider», come quel marinaio che non sa più dove è il mare e si deve fidare degli altri. Il libro è un atto d’amore verso il viaggio, anche solo dell’immaginazione, in un momento in cui il mondo ci rende smaniosi prigionieri.
A indagare il senso della vita pensa invece la strana coppia de L’oca e suo fratello spediti fra noi dallo scrittore fiammingo Bart Moeyaert (Bianca) di cui Sinnos sta meritoriamente pubblicando romanzi e racconti. Storie brevi (pp. 155, euro 15), quasi apologhi, in cui una fattoria è metafora dell’esistenza, fucina per interrogativi dalle risposte «guastafeste».
Per chi poi volesse una immersione nella filosofia, c’è l’albo La vita spiegata dal mio gatto di Jamie Shelman (Il Castoro, pp. 128, euro 14). Basta imparare dal saggio felino come comportarsi e di certo le cose andranno meglio. I mici sono protagonisti anche nel Codice Rodari: danzano qui suoi testi e personaggi iconici resi vitalissimi dai disegni di Alessandro Sanna (Einaudi Ragazzi, pp. 64, euro 18).
a. di ge.

Supporta il manifesto e l'informazione indipendente

Il manifesto, nato come rivista nel 1969, è sinonimo di testata libera, indipendente e tagliente.
Logo archivio storico del manifesto
L'archivio storico del manifesto è un progetto del manifesto pubblicato gratis su Internet e aperto a tutti.
Vai al manifesto.it