VISIONI

Tra boschi e nebbia la terapia «acustica» di Laura Veirs

«MY ECHO» È IL SUO UNDICESIMO DISCO
DANIELE FUNAROUSA/portland

Una delle funzioni della creatività e dalla musica è quella di sublimare le emozioni e di dargli una forma diversa e, magari, più accettabile. È quello che, in modo inconscio, a leggere le sue dichiarazioni, è successo a Laura Veirs, cantautrice di Portland, Oregon. Il suo undicesimo album, My Echo (Raven Marching Band),è infatti la cronaca del periodo della sua vita che ha portato al suo divorzio dal produttore (e padre dei suoi figli) Tucker Martine. «Quando penso alla fine dei tempi, mi vieni in mente tu»: così si apre End Times, una delle dieci canzoni che compongono l’album.
IL RISULTATO è un disco dal tono tendenzialmente malinconico, ma in cui non è la tristezza a risultare dominante. L’impressione è che Veirs, con la sua voce delicata e con i suoi suoni acustici canti più a sé stessa che agli altri, come è evidente anche dal titolo dell’album. Si tratta di un’eco che rimanda alla natura dell’Oregon, con i suoi immensi boschi e la sua natura rigogliosa, e che, come in una premonizione, restituisce immagini a cui ci siamo abituati negli ultimi mesi, come l’idea di rimanere chiusi e non poter uscire (Turquoise Walls, in cui racconta la frustrazione e il dubbio per un possibile tradimento), ma anche l’idea che, in un momento di tristezza si è sempre felici di essere vivi (Memaloose Island). Il risultato finale di questa specie di sessione pubblica di terapia è, contrariamente a quanto potrebbe far pensare il tema, un album rinfrescante, con ottimi momenti come Another Space and Time, dal ritmo quasi latino, e soprattutto la struggente Vapor Trails, cantata con Jim James, che, come molte canzoni scritte da Veirs, ha un sapore di boschi e di nebbia e in cui la natura effimera della vita è il tema principale.

Supporta il manifesto e l'informazione indipendente

Il manifesto, nato come rivista nel 1969, è sinonimo di testata libera, indipendente e tagliente.
Logo archivio storico del manifesto
L'archivio storico del manifesto è un progetto del manifesto pubblicato gratis su Internet e aperto a tutti.
Vai al manifesto.it