VISIONI

Sulle strade di Tokyo a tutto glam e melodia

POP
LUCA PAKAROVITALIA

La politica delle recensioni, almeno per il sottoscritto, è quella di non stroncare i dischi di esordienti. Ma i The Yellow non sono esordienti. Iniziano il loro album Streets of Tokyo con due brani che danno speranza, per l’attacco potente di 2gether e per la melodia di Across the sky. Cantato tutto in inglese, cominciano poi a infilare una serie di pezzi pop adolescenziale con tirate di voce e zeppi di angosce brufolose. In certi momenti ricordano il peggiore britpop riproposto da una di quelle band giovanili fiorite nei talent, a cui un tempo tiravano le mutande e che, per fortuna, si sono estinte.
SICURAMENTE pezzi come Breakdown o Nomad potrebbero girare bene in radio. Non in quella che ho in casa. Nota a margine: buona la produzione, con un respiro internazionale, così come la voce di Gianluca «Foster» Damiani che potrebbe impiegare in contesti più esaltanti, però scrivere nel comunicato stampa che: «I due membri da cui è partito il progetto, decidono di creare un nuovo stile musicale mescolando le loro diverse attitudini provenienti da esperienze musicali diverse», è un cazzotto in pancia.

Supporta il manifesto e l'informazione indipendente

Il manifesto, nato come rivista nel 1969, è sinonimo di testata libera, indipendente e tagliente.
Logo archivio storico del manifesto
L'archivio storico del manifesto è un progetto del manifesto pubblicato gratis su Internet e aperto a tutti.
Vai al manifesto.it