VISIONI

Machete 4, gli stati generali della crew italiana

HIP HOP
LUCA PAKAROVITALIA

L’appuntamento dopo anni di attesa con Machete Mixtape è arrivato, con una quarta edizione che raccoglie il meglio dell’hip hop italiano, celebrando certo la crew indipendente omonima, la sua scuderia, ma anche chi ha ispirato l’ascesa di questa banda di sconosciuti sardi che, una volta trasferitasi a Milano, hanno dettato la loro linea stilistica. Vincendo ogni sfida. nei 18 brani comprensibilmente la testa di serie Salmo è il più presente, ma non mancano Ghali, Marracash e Nitro, oppure, in una sorta di continuità generazionale, uno che la storia del rap nostrano l’ha già fatta come Fabri Fibra.
IL MIXTAPE, che aveva l’obiettivo di mettere in luce anche i nuovi talenti della scena, oggi sembra con questo volume voler fare il punto su dove si è arrivati e su come la crew continui a rivoluzionare il proprio brand indipendente. Anche per questo non manca la trap, ma i piedi sono piantati sull’hardcore-rap, con l’album che contiene brani come FQCMP, manifesto firmato da Dani Faiv/Nitro/Salmo che guarda al futuro. Dopo 24 ore dal lancio, Spotify ha registrato il record italiano di stream in un giorno. Qualcosa vorrà dire.
Luca Pakarov

Supporta il manifesto e l'informazione indipendente

Il manifesto, nato come rivista nel 1969, è sinonimo di testata libera, indipendente e tagliente.
Logo archivio storico del manifesto
L'archivio storico del manifesto è un progetto del manifesto pubblicato gratis su Internet e aperto a tutti.
Vai al manifesto.it