VISIONI

Immaginario esistenziale dal sapore ’70

D’AUTORE
LUCA PAKAROVITALIA

Manuel Pistacchio è letteralmente un signor nessuno ma Di primo mattino è una piccola perla sui generis, album di esordio di un eteronimo formato da tre anime, Diego Pasini (voce e chitarra) e dai fratelli Lorenzo e Matteo Camera (synth e arrangiamenti – basso). Pistacchio si muove tra alternative/indie rock e cantautorato lo-fi, in cui chitarra folk, voce effettata, accenni di elettronica o ogni genere di suono dal sapore ’70, vengono presi per incarnare un delicato immaginario esistenziale, come Amore alla vita.
C’È UN’ARMONIA di intenti che fluisce in tutto l’album e che lega solidamente melodie a volte strambe, come in Nessuno era Ulisse, una delle 9 tracce dove il breve racconto cantato a due voci rivela «formiche di fame nello stomaco secco», un visionario affresco poetico, enigmatico e malinconico. In definitiva un prodotto consacrato a un analogico erotico, sensuale e vivace. Sembra uno di quei vinili che compri a caso in una bancarella dell’usato e poi ti domandi, come ho fatto a perdermelo?

Supporta il manifesto e l'informazione indipendente

Il manifesto, nato come rivista nel 1969, è sinonimo di testata libera, indipendente e tagliente.
Logo archivio storico del manifesto
L'archivio storico del manifesto è un progetto del manifesto pubblicato gratis su Internet e aperto a tutti.
Vai al manifesto.it