VISIONI

Contro le barriere o del potere della musica

SKA
CECILIA ERMINIgb

Accolti, con piacevole stupore, al primo posto delle classifiche del Regno unito, i The Specials sono di nuova in pista, senza il leader spirituale Jerry Dammers ma con il gradito ritorno del frontman Terry Hall, con Encore, disco di inediti a oltre vent’anni dall’ultima esperienza in studio. Black Skin Blue Eyed Boys apre le danze e mette subito in chiaro che la band inglese crede ancora nel potere della musica di infrangere le barriere politiche e culturali, sognando un mondo dove la supremazia bianca non esiste più.
LE TRACCE successive, che oscillano tra il funky, il reggae, la disco e l’immancabile ska, caricano ancor di più, se possibile, la rabbia sociale che, fin dagli esordi, è stata motore primo del gruppo: B.L.M. è il racconto dolente del padre immigrato dalla Giamaica del chitarrista Lynval Golding in un’Inghilterra che appende ai muri il cartello «Niente cani, niente irlandesi, niente neri/Benvenuti in Inghilterra» mentre 10 Commandments, duro j’accuse alla società degli uomini vede la partecipazione dell’attivista Saffiyah Khan, famosa per aver indossato proprio un maglia dei The Specials durante le proteste per un raduno neo-nazi a Birmingham. 

Supporta il manifesto e l'informazione indipendente

Il manifesto, nato come rivista nel 1969, è sinonimo di testata libera, indipendente e tagliente.
Logo archivio storico del manifesto
L'archivio storico del manifesto è un progetto del manifesto pubblicato gratis su Internet e aperto a tutti.
Vai al manifesto.it