VISIONI

Nelle cupe stanze ciò che resta dell’infanzia

ROCK
LUCA PAKAROVITALIA

Per avere alcune coordinate sulla musica nel Paese si può partire da certe domande: come mai il lavoro di Caterina Palazzi qui da noi fatica a decollare pur essendo un passo e più, oltre al panorama locale? Dopo Infanticide arriva Asperger a chiudere (forse) la trilogia nera sulla fine dell’ingenuità infantile del progetto Sudoku Killer, la band con Caterina al contrabbasso, Ancillotto alla chitarra, Chiavaro alla batteria e il sax tenore di Pomante.
NELL’ALBUM strumentale i riferimenti sono tutti dedicati agli antagonisti della Disney, una colonna sonora ruvida dove ci si immedesima dal lato dei cattivi come in Jasper & Horace de «La carica dei cento e uno» o Medusa di «Bianca e Bernie». Il riferimento più prossimo è di certo gli Zu ma con movimenti jazz core che diventano cupe stanze dove eseguire malefici o il minimalismo della musica contemporanea che si contrappone a scorribande rock. Sudoku Killer è un progetto totale, con una narrazione e una composizione musicale di altri tempi, per altri club, quando ancora non bastava il singolo per far vendere un disco.
Luca Pakarov

Supporta il manifesto e l'informazione indipendente

Il manifesto, nato come rivista nel 1969, è sinonimo di testata libera, indipendente e tagliente.
Logo archivio storico del manifesto
L'archivio storico del manifesto è un progetto del manifesto pubblicato gratis su Internet e aperto a tutti.
Vai al manifesto.it