VISIONI

Metti la liturgia in auto-tune. Storie rap ai bordi di periferia

HIP HOP
LUCA PAKAROVusa

Anni ‘10, periferia nord di Milano, nelle panchine di Cinesello Balsamo un gruppetto di giovanissimi si trova per rappare. Una liturgia per sentirsi vivi, per raccontarsi. Di origini marocchine e classe 1993, da lì arriva Leonardo Amill, al suo esordio con un ep di sette tracce. L’Auto-Tune tipico della trap certo domina l’orecchio ancora scevro dal genere, ma dategli un paio di ascolti, soffermatevi sulle atmosfere evocate dal disco, sulle parole, lo slang e l’intreccio di lingue straniere, e giungete dritti nel mondo che racconta Amill. Una periferia dove non ci sono duri ma speranze. Le stesse che hanno portato il calciatore Lewandowski a rovesciare il risultato contro il Wolfsburg segnando 5 gol in meno di un tempo e a cui è dedicato un brano. Nel disco collaborano Maruego e Vacca, insieme agli amici Aziz Noir, Mboss e Ghile. Trap d’autore hanno scritto. Confermiamo.

Supporta il manifesto e l'informazione indipendente

Il manifesto, nato come rivista nel 1969, è sinonimo di testata libera, indipendente e tagliente.
Logo archivio storico del manifesto
L'archivio storico del manifesto è un progetto del manifesto pubblicato gratis su Internet e aperto a tutti.
Vai al manifesto.it