LOCALI

Domani al Parco Schuster una giornata antifascista in nome di Renato Biagetti

SAN PAOLO
RUSSO SPENA GIACOMO

Oggi, sono tre anni dall'assassinio per mano fascista di Renato Biagetti, ragazzo romano ucciso sul litorale laziale (a Focene) perché reo di avere un look «sinistrorso». Domani, per non dimenticarlo, i suoi amici hanno organizzato un'iniziativa al parco Schuster (San Paolo) che avrà inizio alle 18: musica («la sua vera passione»), banchetti informativi, video e in serata un concerto a cui parteciperanno nell'ordine di esibizione Apocalisse urbana, Signor K e check point Charlie, Mandrillos, Rancore, Giulia Anania e Filippo Gatti. Concluderà la performance Ascanio Celestini. «Sono passati tre anni e ogni volta che ci troviamo a ricordare questo episodio ci fa rabbia che i due assassini fossero dei ragazzini imbevuti di una cultura mortifera e assassina», raccontano gli amici di Biagetti che a lui hanno dedicato una sala (e un progetto) musicale all'interno di Acrobax e un'associazione «I sogni di Renato». «Una cultura - aggiungono - che affonda le sue radici nella paura delle diversità, delle differenze, nell'odio che si esprime con l'aggressione, che si nasconde dietro un coltello come dietro un paravento, per non vedere una quotidianità fatta di sfruttamento, precarietà e crisi». Ecco così l'emergere di atteggiamenti fascistoidi. «La paura si sfoga scimmiottando i metodi della cultura più becera e retrograda, fatta di sopraffazione e disciplina al sistema», concludono gli organizzatori della serata di domani sera che nell'occasione cercheranno di ricordare al meglio Biagetti, narrando la sua storia. Perché «tali episodi non succedano più in futuro». Purtroppo a Roma si va nella direzione contraria: le aggressioni a giovani «sinistrorsi», gay, immigrati e rom aumentano di giorno in giorno. La caccia al «diverso» una routine. Domani al parco Schuster, un input per la costruzione di una nuova città, più solidale e antirazzista.

Supporta il manifesto e l'informazione indipendente

Il manifesto, nato come rivista nel 1969, è sinonimo di testata libera, indipendente e tagliente.
Logo archivio storico del manifesto
L'archivio storico del manifesto è un progetto del manifesto pubblicato gratis su Internet e aperto a tutti.
Vai al manifesto.it