CAPITALE & LAVORO

Bancari: un rinnovo contrattuale con molte ombre

CANTI DANIELE, FORMICHELLA ANTONIO, GIANNINI LUIGI, *** ANTONIO MAIORANO,

Negli ultimi 10-15 anni il sistema bancario è stato sconvolto da continue fusioni ed incorporazioni sino ad arrivare alla costituzione di due grandi imprese: San Paolo-Intesa ed Unicredit-Capitalia. Il continuo modificarsi del risiko bancario ha portato all'inizio del '98 all'accordo per la creazione di un fondo esuberi che garantisse l'accompagnamento alla pensione dei lavoratori con maggiore anzianità contributiva, ma ha anche determinato un forte ricatto occupazionale che ha pesato fortemente sulle contrattazioni nazionali con particolare riferimento alle rivendicazioni economiche. L'Associazione Bancaria Italiana è riuscita così ad ottenere una drastica riduzione del costo del lavoro in rapporto al margine d'intermediazione dal 43% al 37%, inferiore alla media europea.
D'altro canto non sarà sfuggito a nessuno che le banche in questi anni hanno realizzato profitti fantastici. La preparazione della piattaforma per il rinnovo del biennio economico 2006/7 non poteva non avere dunque come obbiettivo prioritario ridare dignità ai salari che negli ultimi anni hanno subito una vera e propria falciatura, superiore proporzionalmente a quella registratasi in tutto il mondo del lavoro. L'aumento richiesto era pari al 7,3% di cui 3,8% derivante dall'inflazione e 3,5% dagli aumenti di produttività, per un importo medio pari a 187,85 euro.
Quando era stata presentata la piattaforma, nell'accogliere positivamente l'inversione di tendenza, avevamo evidenziato che una rivendicazione così ambiziosa non poteva che essere supportata da forti iniziative di mobilitazione e di coinvolgimento dei lavoratori (proponemmo anche un referendum di validazione che ovviamente non è stato indetto). A supporto della piattaforma non è stata proclamata una sola ora di sciopero, ai lavoratori non è mai stata data alcuna informativa e noi stessi abbiamo cominciato a conoscere qualche dettaglio della trattativa soltanto due giorni prima della chiusura. Risultato: per il biennio è stato ottenuto il 4,64% per un importo medio di 117 euro cioè poco più della metà della richiesta fatta. Nonostante lo scarto tra rivendicazione e risultato si è scelto di spingersi oltre accettando di essere la categoria che fungerà da battistrada per il nuovo modello contrattuale ancor più penalizzante, introducendo la novità del triennio economico che porta complessivamente il quinquennio ad una percentuale pari al 10,71% di poco superiore al 2% annuo. Ma i dati diffusi dai media sono molto più altisonanti e non tengono conto che gli scatti di anzianità e la ex ristrutturazione tabellare, per la prima volta non sono stati rivalutati nella medesima percentuale dello stipendio bensì soltanto per il 4,58% ed a decorrere dal luglio 2009. A questo si aggiunga che la parte normativa estremamente importante per un sistema bancario in costante evoluzione e che avrebbe dovuto mettere dei paletti alle delocalizzazioni e cessioni di rami di azienda non ha sortito alcun risultato sostanziale rispetto alla piattaforma.
L'unico elemento positivo nel mercato del lavoro cioè l'accelerazione temporale per il raggiungimento della parità di trattamento economico per gli apprendisti ha trovato contropartita a favore delle aziende nell'elevazione dal 5% all'8% del numero dei contratti di somministrazione e di inserimento per le aziende sotto i 1500 dipendenti. Anche questa volta ai lavoratori ed alle lavoratrici rimane l'amaro in bocca e si conferma ancora una volta che il crollo del potere di acquisto registratosi negli ultimi 15 anni, riconosciuto persino da chi, come Confindustria e Banca d'Italia, ne sono stati i maggiori artefici, potrà interrompersi soltanto con una forte ripresa di conflittualità e con un sindacato meno attento alle esigenze delle imprese e più a quelle dei lavoratori.
* * * Direttivo Nazionale Fisac-Cgil

Supporta il manifesto e l'informazione indipendente

Il manifesto, nato come rivista nel 1969, è sinonimo di testata libera, indipendente e tagliente.
Logo archivio storico del manifesto
L'archivio storico del manifesto è un progetto del manifesto pubblicato gratis su Internet e aperto a tutti.
Vai al manifesto.it