Risultati per:

  • Autore: CRISTINA PICCINO
Modifica ricerca

VISIONI/APERTURA

Le scelte di Julie, ragazza fragile alla ricerca di un posto al mondo

NORVEGIA . Julie è una ragazza che si cerca, studentessa modello di medicina all’improvviso scopre che la sua vocazione è un’altra, la psicologa. Si taglia i capelli, li tinge di rosa, lascia il fidanzato e inizia a frequentare i nuovi corsi. Ma neppure qui si sente a suo agio, e un’intuizione le fa capire che il suo...

VISIONI/APERTURA

Tff, cambio di pelle per il ritorno in sala

ITALIA/TORINO. Nominato due anni fa alla direzione, Stefano Francia Di Celle esordisce con la prossima edizione del Torino film festival (26 novembre - 4 dicembre) - dopo un anno in streaming a causa del lockdown - finalmente in presenza nelle sale della città. E con un programma che mette in campo numerosi cambiamenti pur mantenendo una linea di...

VISIONI/APERTURA

«Dovlatov» scrittore indocile, il caro prezzo dell’indipendenza

RUSSIA. «Nel mio film l’aspetto più importante non sono il tema poliziesco o la storia d’amore ma l’epoca che racconta. Se facciamo dei film su questo è per mostrarne la durezza» diceva Aleksey German parlando di Il mio amico Ivan Lapshin (1986), qualcosa che il regista scomparso nel 2013 aveva...

VISIONI/INTERVISTA

Il suburbio di lusso racconta la Polonia di oggi

POLONIA/ITALIA/ROMA. Zhenia è una figura enigmatica, di sé non parla mai, preferisce ascoltare raccogliendo gli stati d’animo, anche i più intimi e segreti dei suoi clienti, tutti ricchi abitanti di un quartiere residenziale isolato dal resto della città. Siamo da qualche parte in Polonia oggi, il ragazzo è un...

VISIONI/APERTURA

«Ariaferma», uno spazio comune attraverso le sbarre

ITALIA. Ariaferma il nuovo film di Lenoardo Di Costanzo presentato Fuori concorso all’ultima Mostra di Venezia - e tra i più amati della selezione - conferma il talento di questo regista il cui gesto cinematografico porta in sé, per rimodularla a ogni nuova prova l’esperienza dei passaggi precedenti. Non si tratta (non...

VISIONI/INTERVISTA

«Trouble», nel mondo di Warhol tra l'icona pubblica e i suoi segreti

ITALIA/ROMA. Erano gli anni Sessanta quando Gus Van Sant ancora ragazzino si lasciava incantare dagli echi di quel centro del mondo che era New York, la metropoli del «nuovo», dove le cose cambiavano in fretta, quasi senza respiro. Una manciata di anni più tardi, quando ci arriva lui lavorando un po' qua e là dopo il diploma...

VISIONI/APERTURA

«A Chiara», la ribellione contro il silenzio di una ragazzina

ITALIA. A Chiara inizia e finisce con una festa dei diciotto anni, due situazioni che si specchiano l’una nell’altra in una siderale distanza. Nel mezzo c’è una vita che cambia, ci sono un’esperienza di consapevolezza e una scelta - quella della giovane protagonista - che galleggia in una malinconia celata, tra gli...

VISIONI/APERTURA

«La scuola cattolica», divieto ai 18 per il film sull’omicidio del Circeo

ITALIA/ROMA. «Non riesco a trovare ragioni valide per questa censura e se mi sforzo di trovarle, mi inquietano» ha dichiarato in una nota stampa il regista Stefano Mordini commentando il divieto ai minori di 18 anni per il suo nuovo film, La scuola cattolica, la cui uscita in sala è prevista domani. «Questo atto censorio - ha...

VISIONI/INTERVISTA

Shahrbanoo Sadat, in Afghanistan oggi non c’è posto per le donne

AFGHANISTA/ITALIA/ROMA. Ci sono volute 72 ore a Shahrbanoo Sadat e alla sua famiglia per entrare nell'areoporto di Kabul, 72 ore da quando tutti insieme – una ventina di persone – hanno lasciato il suo appartamento prendendo con sé solo poche cose, del cibo, qualche vestito. Era il 20 agosto, i talebani erano da pochi giorni entrati nella...

VISIONI/APERTURA

«Drive My Car», l’abitacolo che racconta il cuore

GIAPPONE. Cosa racconta Drive My Car? Di un uomo, di una donna, di un incontro, l’inizio di tutte le storie che qui si fa però nuovamente imprevedibile, come se lo scoprissimo per la prima volta a cominciare dallo spazio che ne diviene protagonista: una Saab 900 rossa nella quale il «rituale» di un percorso - lavoro/casa...

VISIONI/BALCONE

Cinema, teatri, concerti rimangono col pubblico «a metà»

. La risposta dell'Anec, l'associazione degli esercenti cinematografici, arriva subito dopo il rinvio del consiglio dei ministri che doveva discutere il ritorno alla capienza completa di sale cinematografiche e dei luoghi dello spettacolo. Poche righe,in cui ringraziando il ministro della cultura Franceschini per la sua azione a favore del...

VISIONI/APERTURA

Dialoghi interrotti sul filo delle false rappresentazioni

ITALIA/VENEZIA. Il desiderio che guida Mizrahim – Les oubliés de la terre promise, il nuovo bel film di Michale Boganim (Evento speciale nelle Giornate degli Autori) è quello di una trasmissione di memoria, da madre, la stessa regista, alla figlia esplicitata nelle inquadrature iniziali, e attraverso una prima persona che evita il...

COMMENTO

La giuria delle (belle) sorprese

ITALIA/VENEZIA. Non deve essere stato semplice per la giuria di quest’anno isolarsi dalle pressioni che ogni volta arrivano in modo più o meno trasversale ad abbattersi sul Lido nel consueto «Toto-Leone». Eppure le liete sorprese non sono mancate.La prima sorpresa è quando il presidente della giuria Bong Joon Ho...

VISIONI/APERTURA

Alfabeto Festival, voci femminili per un nuovo lessico

ITALIA/VENEZIA. Cosa ci hanno raccontato gli schermi della Mostra di Venezia 78 che si è chiusa ieri, quali ossessioni, fantasmi, figure narrative attraverso le quali restituire i sentimenti del nostro tempo? Un piccolo dizionario a tema attraverso i 21 titoli del concorso, che diventano una possibile geografia del cinema oggi. MADRI. È...

VISIONI/APERTURA

«Vera sogna il mare», una madre in cerca della sua quotidianità

ITALIA/VENEZIA. Vera traduce nel linguaggio dei segni, il marito è stato un giudice famoso, oggi a quanto lei dice regalandogli un pigiama per il suo compleanno, non esce più di casa e neppure si veste. Eppure vuole festeggiarlo lo stesso: organizza la cena, compra la baklava, ha invitato gli amici. È questione di un attimo, il tempo...

VISIONI/APERTURA

Un autre monde, dentro i meccanismi oscuri del dominio

ITALIA/VENEZIA. Tra le stellette della stampa internazionale raccolte sul daily di «Ciak» il più votato dei film italiani in concorso è quello di Paolo Sorrentino, È stata la mano di Dio, va detto che mancano diversi autorevoli giornali, «Libération» e «Le Monde» per fare un esempio a favore...

VISIONI/APERTURA

Addio ai ruoli, senza indugiare in spiegazioni non dovute

ITALIA/VENEZIA. Bernard porta con sé la memoria di una vita che è non solo la sua  e a partire da un’esperienza personalissima condivide quella di anni che hanno attraversato tragedie e leggerezza, e quella mai passata di vissuti che combattono per affermare la libertà delle proprie scelte. Adottato da una famiglia...

VISIONI/APERTURA

America Latina, nell’inconscio mostruoso del maschio comune

ITALIA/VENEZIA. America latina come la città laziale cresciuta col fascismo sulle paludi e grazie alla bonifica, nell'umidità e in una dismissione progressiva di aspettative. Ma anche il Sud America con la sua storia di violenza del potere e ipocrisia delle piccole e grandi borghesie che l'hanno appoggiato, e del patriarcato comune...

VISIONI/TAGLIO BASSO

«El gran movimiento», nella città l’incubo dell’operaio e la sua redenzione

ITALIA/VENEZIA. Secondo lungometraggio del regista boliviano (nato nel 1984) Kiro Russo, già molto premiato col suo esordio Viejo Calavera (2016), El gran movimiento, al di là di quello che sarà il palmarès, è già il vincitore della sezione Orizzonti, di cui almeno tra quelli visti è l'unico a proporre un...

VISIONI/APERTURA

«Freaks Out», gli eroi di Mainetti a disagio con i propri superpoteri

ITALIA/VENEZIA. Mostra del cinema giorno 8. Il Lido comincia a svuotarsi, cielo blu terso e rumore di trolley, persino Boxol il tanto vituperato sistema di prenotazione è diventato più facilmente accessibile. Ci sarà poi la folla dell'ultimo giorno, i veneziani che arrivano cercando di sbirciare il tappeto rosso dei Leoni d'oro...

Supporta il manifesto e l'informazione indipendente

Il manifesto, nato come rivista nel 1969, è sinonimo di testata libera, indipendente e tagliente.
Logo archivio storico del manifesto
L'archivio storico del manifesto è un progetto del manifesto pubblicato gratis su Internet e aperto a tutti.
Vai al manifesto.it