Risultati per:

  • Autore: BECATTINI GIACOMO
Modifica ricerca

ECONOMIA/TAGLIO BASSO

INSIDER TRADING SULL'ADIDAS. E' UNA SARTA

CROAZIA/ZAGABRIA. «Chi? Sonja Anticevic, la sarta? Avrebbe incassato due milioni di dollari con le azioni della Reebok. In America? Ma non è possibile! E' semplicemente ridicolo. Sonja è una pensionata, si è guadagnata la pensione lavorando come operaia sarta nella nostra ditta `Galeb' faticando alla macchina per cucire, eh!». E'...

REPORTAGE/APERTURA

LA CROAZIA PIù NERA FESTEGGIA I SUOI DELITTI

CROAZIA/KNIN (KRAJINA). Nel 1991, su un territorio di oltre diecimila chilometri quadrati comprendente le regioni croate della Lika, Kordun e Banija abitate sin dal XV secolo da popolazioni serbo-ortodosse fuggite dai territori invasi dai turchi, fu costituita la secessionista «Repubblica serba di Krajina». Con l'operazione «Tempesta», protrattasi dalle 5 del...

STORIE/APERTURA

LA NOSTALGIA DEL MARESCIALLO

EX JUGOSLAVIA. Sebbene fosse nato il 7 maggio (1892), Josip Broz Tito volle che il suo compleanno fosse festeggiato il 25 maggio; questa data fu anche inserita in tutte le sue biografie, compresa quella che occupa ben nove dense colonne dell'Enciclopedia Jugoslava. Dal 1945 fino al 1989 il 25 maggio fu per la Jugoslavia la più grande giornata di...

STORIE/APERTURA

TUTTI PAZZI PER ANTE GOTOVINA

CROAZIA. Questo non è il racconto dell'«eroe» croato Ante Gotovina, per la giustizia francese un pregiudicato, un criminale comune, diventato poi capitano nella Legione straniera e, richiamato in patria dal «supremo» Tudjman, nominato da questi generale nella «guerra patriottica» che portò alla pulizia...

STORIE/TAGLIO BASSO

QUANDO IL «SUPREMO» TUDJMAN LO FECE GENERALE

CROAZIA. Quando il presidente della Croazia, alias «Supremo», Franjo Tudjman, elevò Ante Gotovina al grado di generale dell'esercito croato (Hv) nel 1992, l'uomo che dal maggio 2001 è uccel di bosco aveva il grado di caporale della Legion straniera. Già al tramonto del Duemila, Gatovina fu indicato come uno dei sei...

STORIE/APERTURA

ISTRIA 1943: QUANTI MORIRONO?

ITALIA/TRIESTE. Nella relazione di un diplomatico dello «Stato indipendente croato» (quello degli ustascia) che seguì le truppe tedesche in Istria dopo il 4 ottobre `43, si legge: «I partigiani hanno ucciso circa 200 prigionieri fascisti, gettandone i corpi nelle foibe». A loro volta i tedeschi, dopo una dettagliata esplorazione...

STORIE/APERTURA

ISTRIA 1943. LA RIVOLTA E LE FOIBE

ITALIA/TRIESTE. L'8 settembre 1943, alla notizia della capitolazione italiana, in Istria ci fu una generale e pressoché spontanea rivolta che coinvolse in ugual misura le popolazioni italiane nei centri costieri e quelle croate e slovene nell'interno. Nell'uno e nell'altro caso gli insorti mostrarono simpatia e solidarietà con le truppe in...

STORIE/APERTURA

COSì INIZIò LA STAGIONE DI SANGUE

ITALIA/TRIESTE. Per una giusta comprensione del fenomeno delle foibe istriane - ma comprensione non significa affatto giustificazione di quei crimini - è assolutamente necessario inserire la questione nel contesto storico in cui si verificò e nel quadro più ampio del periodo tra la fine della prima e lo svolgimento della seconda guerra...

CARTA BIANCA/OPINIONI

LA PUBBLICITà è L'ANIMA DEL DEBITO

ITALIA. Fateci caso. Le banche, che fino a qualche anno fa volevano i vostri soldi, ora non solo non li vogliono più, ma premono per darvene di loro. Che cosa è successo? Andiamo con ordine. Tradizionalmente la banca presta soldi e raccoglie soldi. Sono gli stessi soldi: la banca li prende (ad esempio quelli che lasciamo sul conto...

STORIE/APERTURA

IL VECCHIO RINASCE A MOSTAR

BOSNIA/MOSTAR. Mostar, undici anni dopo, torna ad essere simbolicamente unita. Era il 9 novembre 1993 quando le cannonate dell'artiglieria croata che sparavano dalla zona occidentale provocarono il crollo del Ponte Vecchio, simbolo della città. Nelle acque rapide e cristalline del fiume Neretva, il Narentus degli antichi romani, scomparvero le...

STORIE/APERTURA

UNA CROCE SUL CALVARIO DI MOSTAR

BOSNIA/MOSTAR. Molti anni addietro, quand'era all'apice del successo letterario, Miroslav Krleza - il più grande scrittore croato di tutti i tempi ed amico intimo di Tito - con l'incisività che caratterizzava la sua scrittura indicò agli jugoslavi «due cosette» da lui ritenute estremamente pericolose per la loro salute morale:...

PRIMA/RICHIAMO

STORIE

BOSNIA/MOSTAR. Mostar, un calvario messo in croce Giacomo Scotti A nove anni dagli accordi di Dayton, la più martoriata e divisa citta della Bosnia non conosce ancora una vera pace. Gli estremisti cattolici croati vogliono impossessarsi della parte musulmana, odio e vendetta si alimentano. Un'enorme croce dorata è d

IL TESTIMONE/APERTURA

NELLA MASCHERA DEL POTERE

ITALIA. Con Norberto Bobbio scompare un grande maestro e uno degli intellettuali più intensamente presenti non solo nella vicenda politica e culturale italiana - fin dagli anni della polemica famosa con Togliatti, e ancor più a partire dal `75, quando fu protagonista su Mondoperaio di un cruciale dibattito sul rapporto fra marxismo e...

POLITICA/TAGLIO BASSO

BALCANI, NUOVA MINACCIA NAZIONALISTA

CROAZIA/ZAGABRIA. I timori della vigilia non erano infondati: con la vittoria della destra nazionalista espressa nella conquista della maggioranza relativa dei seggi in parlamento da parte dell'Hdz, consolidata dall'affermazione del partito post-fascista di Anto Djapic alleato di quello fondato da Tudjman (oggi guidato da Ivo Sanader), la Croazia torna...

MONDO/TAGLIO BASSO

CROAZIA AL VOTO: VERSO UNA VITTORIA DELLA DESTRA?

CROAZIA. Oggi la Croazia è chiamata alle urne per il rinnovo del Parlamento. La campagna elettorale si è svolta nel segno del fanatismo patriottardo dei simboli e slogan; dal centro all'estrema destra si sono sprecate le manifestazioni di fedeltà alla scacchiera bianco-rossa. I leader del centrosinistra, invece, pur essi avvolti...

ARTICOLO/APERTURA

TORNA IL PONTE, è FESTA A MOSTAR

BOSNIA/MOSTAR. L'amico e compagno Predrag Matvejevic, cittadino europeo, italiano e bosniaco-erzegovese, romano di elezione con le radici a Mostar, così mi diceva qualche mese addietro a proposito del simbolo della sua città natale, lo Stari Most distrutto dalle cannonate di un carro armato croato il 9 novembre 1993: «Ponte Vecchio, come...

SPORT/APERTURA

IL SOLDATO DELLE NEVI

CROAZIA/ZAGABRIA. Nelle ultime settimane, con i campi alpini ottimamente innevati, due campioni croati di sci, Ivica e Janica Kostelic (fratello e sorella) hanno conquistato una serie di brillanti successi a livello internazionale, tanto che i giornali del loro paese li hanno esaltati come «eroi entrati nella storia». Domenica scorsa a Bormio,...

POLITICA/ARTICOLO

LA CROAZIA SI SCOPRE PIÙ CROATA

CROAZIA. Il 31 luglio il parlamento croato si è riunito per votare la fiducia al secondo governo Racan, che l'ha ottenuta, con 84 voti a favore e 47 contrari. La legge costituzionale sulle minoranze etniche è stata invece rinviata ad una sessione ordinaria: le minoranze si sentono danneggiate dall'impianto discriminatorio della proposta di legge....

POLITICA/TAGLIO BASSO

CRISI IN CROAZIA, IL CENTROSINISTRA RIPROVA

CROAZIA/ZAGABRIA. Ivica Racan, premier socialdemocratico del primo governo croato post-Tudjman, ha rassegnato ieri mattina le dimissioni nelle mani del capo dello stato Stjepan Mesic: finisce così l'esecutivo di centrosinistra, che Racan presiedeva da due anni e mezzo. Non ci saranno però elezioni anticipate: l'ha escluso lo stesso presidente...

PALESTINA/TAGLIO BASSO

SARAJEVO-PALESTINA

SERBIA/SARAJEVO. «Aiutate la Palestina voi che vi siete impegnati contro la guerra etnica in Bosnia», è stato un fragoroso applauso quando è arrivato l'intervento telefonico di Raffaella Bolini, in questi giorni a Gerusalemme, ma da sempre impegnata con il Consorzio Italiano di Solidarietà nell'ex Jugoslavia. «In questi...

Supporta il manifesto e l'informazione indipendente

Il manifesto, nato come rivista nel 1969, è sinonimo di testata libera, indipendente e tagliente.
Logo archivio storico del manifesto
L'archivio storico del manifesto è un progetto del manifesto pubblicato gratis su Internet e aperto a tutti.
Vai al manifesto.it