Risultati per:

  • Autore: MARCELLO LORRAI
Modifica ricerca

VISIONI/APERTURA

LA SCANDALOSA VOCE A Sé STANTE DI REMITTI

ITALIA/MILANO. Quando è ragionevolmente tempo che il concerto si concluda, il manager attraversa la scena, le stringe affettuosamente le spalle e cerca di indirizzarla verso il backstage. Niente da fare. Cheikha Remitti si svincola agilmente e attacca un altro brano, nel tripudio degli spettatori accalcati di fronte a lei, poi un altro ancora. E...

VISIONI/TAGLIO BASSO

JAZZ CHE NON SI PENTE

ITALIA/NOVARA. Ci sono modi diversi di volgersi indietro a ciò che ci ha preceduti, e quello di Dave Burrell certo non si confonde con gli atteggiamenti tristemente passatisti, nostalgici, pentitistici che purtroppo abbondano nel jazz di oggi, di chi cerca consolazione nell'antico e non ha il coraggio del proprio tempo. Coraggio che del resto il...

VISIONI/TAGLIO BASSO

I «CUBANI POSTICCI» E IL SALSERO VERACE

ITALIA/MILANO. Sono sì posticci, i cubani di Marc Ribot, ma fanno decisamente sul serio: e fanno sul serio proprio perché, dichiaratamente falsi, non fanno i cubani per finta, e non cercano di venderci qualche mito dell'«autentico». Niente mimetismo nel modo con cui i Cubanos Postizos del chitarrista newyorkese interpretano in...

VISIONI/TAGLIO MEDIO

LA VOCE DI HAKIM METTE TUTTI D'ACCORDO

ITALIA/MILANO. In un brano, El Yomen Dol, compreso nel nuovo album Lela, tira aria di macarena. In un altro, su un ritmo latinoamericano, il corista e quattro percussionisti si trasformano in ballerini da animazione balneare. I ritmi tamarri da discoteca fanno più che capolino. Ma non per questo il jeel di Hakim, massima star del genere, è da prendere...

VISIONI/TAGLIO BASSO

INCANTO JAZZ. CECIL TAYLOR DAL VIVO

ITALIA/MILANO. Vedendo che Cecil Taylor era annunciato, per un'unica sera, al Blue Note, è stato naturale domandarsi: ma Taylor avrà realizzato esattamente dove andrà a suonare? Senza nessuna offesa per il Blue Note: dove però il palco è circondato da tavoli dove durante il set si può cenare, i camerieri vanno e vengono,...

VISIONI/APERTURA

L'AUTOCONTROLLO DI SUSIE

ITALIA/TORINO. Con un organico molto prossimo a quello del trio che l'ha vista assieme (anche su disco: si ascolti Passaggio, Intakt Records) alla pianista Sylvie Courvoisier e alla contrabbassista Joelle Leandre, ma con Craig Taborn al pianoforte e Jennifer Choi al violino la percussionista newyorkese Susie Ibarra si tiene rigorosamente distante...

VISIONI/APERTURA

IL SENEGALESE D'EGITTO

ITALIA. «Quando sono sul palco con i musicisti egiziani mi rendo conto che la musica può cambiare molte cose e aprire tante porte. E penso che la religione musulmana, con i tempi che corrono, con le interpretazioni che se ne danno, ha bisogno di utilizzare la musica, il cinema, le nuove tecnologie, per farsi conoscere meglio». A Milano per...

VISIONI/TAGLIO BASSO

«VIA KABUL», L'ASIA CENTRALE è PIù VICINA

ITALIA/TORINO. Il nome ai più non dirà molto: dotâr. Si tratta di un liuto dalla cassa piuttosto piccola e dal manico sottile e lungo in uso nella musica di tradizione classica uzbeko-tagika. Un nome da segnarsi assieme a quello di Sirojiddin Jurayev, che giovedì sera, sul palco del Piccolo Regio, nell'ambito delle due serate che il...

VISIONI/TAGLIO MEDIO

POESIE CHE RIESCONO COL BUCO

ITALIA/MILANO. La veste musicale, il modo di porgere, non sono affatto barricadieri, ma la sostanza non è certo incoerente con l'intestazione del 18° MilanOltre: «Women in Revolt/realtà vs gender». Werewere Liking è quello che si definisce un «personaggio»: attrice, regista, autrice di narrativa, musicista, cantante, e anche pittrice, non gode in Europa...

VISIONI/APERTURA

IL SAX DI MARSHALL ALLEN, IMMAGINI SFUOCATE DAL PIANETA DI SUN RA

ITALIA/MILANO. Nati nell'84 come appuntamenti di musica classica, gli Aperitivi in concerto hanno più tardi aperto il proprio cartellone a varie forme della contemporaneità musicale, indirizzandosi in particolare verso il jazz ( e da questo punto di vista per alcune stagioni riempiendo opportunamente un clamoroso vuoto di programmazione che questa...

VISIONI/APERTURA

LA TIMBA PERDE IL RITMO

ITALIA/MILANO. Incerti della seconda generazione. Per dare al pubblico le istruzioni per eseguire i gesti che accompagnano la formula «spogliati, levati il male di dosso, buttalo dietro le spalle, purificati fratello mio», riferimento ai rituali della santería contenuto nel suo cavallo di battaglia Santa Palabra, José Luis...

VISIONI/APERTURA

YA RAï! LA VOCE DI KHALED C'è

ITALIA/IRENZE. Il titolo è Ya Raï, ma si potrebbe ribattezzarlo Chat Raï: Khaled e Don Was, il famoso produttore non nuovo alla collaborazione con il cantante algerino, lo hanno realizzato dialogando via internet fra Los Angeles e Parigi. Ya Raï è anche il brano da cui dovrebbe prendere il titolo il nuovo album: il condizionale...

VISIONI/TAGLIO BASSO

SE IL JAZZ VOLA DA PADRE IN FIGLIO

ITALIA/FANO. Un po' come un David Murray, di cui è più giovane di una quindicina d'anni, James Carter, una delle stelle del jazz degli anni `90, è uno di quei sassofonisti cresciuti musicalmente quando nel jazz tutte le rivoluzioni possibili si erano compiute, che nel momento in cui cominciano a soffiare nello strumento sono capaci di...

VISIONI/TAGLIO MEDIO

COME UN FILM DA SUONARE. ECCO JOHN ZORN

ITALIA/MILANO. Enrico Ghezzi gli chiede se non gli è capitato di sonorizzare Zorn's Lemma, di Hollis Frampton (uno dei protagonisti del cinema Usa non-narrativo e di ricerca degli anni `60): il titolo fa riferimento al noto «lemma di Zorn», il matematico Max Zorn. La domanda di Ghezzi sembra una captatio benevolentiae, e Zorn (John) non è il tipo da...

VISIONI/APERTURA

ORNETTE GRIDA IL SUO BLUES

ITALIA/MILANO. Certo, Zorn in Masada ne fa spesso una eccellente imitazione, che qualche volta in questi ultimi anni è potuta persino risultare migliore del vero, a confronto con un modello apparso in alcune occasioni un po' appannato. Ma se l'originale è concentrato e ispirato, come mercoledì sera sul palco del Teatro Strehler, basta un...

VISIONI/APERTURA

PROFUMO DI JAZZ MODALE

ITALIA/MILANO. Il passare del tempo rende più sfumate le identità, le mette in una nuova luce. E nel corso del tempo ci si ricolloca, si lasciano riemergere aspetti di sé a cui in altri momenti non ci si poteva abbandonare, o comunque non prioritari rispetto ad altri periodi, o non funzionali. Al Blue Note, dove resterà fino a...

VISIONI/TAGLIO BASSO

LA LEGGENDARIA ARPA DI RE DAVIDE

ITALIA/TORINO. Il pubblico etiopico in sala, quasi tutti giovani, ride di gusto: un paio di cantanti inanellano strofe che per chi è in grado di capire le parole risultano irresistibili: probabilmente all'insegna di quell'arte del doppio senso (fu usato anche per farsi beffe degli occupanti fascisti, e si correvano dei bei rischi) che in Etiopia, dove è...

VISIONI/APERTURA

I CONSERVATORI DELLA RADICALITà

ITALIA/VENEZIA. SSi chiama The Tradition Trio, ma se tradizione c'è, non è altro che quella gloriosa dell'avanguardia. La musica di Alan Silva, Johannes Bauer, Roger Turner, è improvvisazione della più bell'acqua: che al Teatro Fondamenta Nuove, nell'ambito della rassegna «Risonanze 2004» si distende prima in una lunga...

VISIONI/APERTURA

CHUCHO VALDéZ, SAPORE LATINO

ITALIA/MILANO. In un'intervista di Mario Gamba uscita su queste colonne poco più di un anno e mezzo fa, il vecchio Dave Brubeck metteva Chucho Valdés in cima ad un elenco di pianisti prediletti. Nelle fluviali conversazioni di un altro grande della tastiera e grande vecchio, Cecil Taylor, sempre severo e tagliente su tutto e su tutti, il nome...

VISIONI/TAGLIO BASSO

IL REDIVIVO SWINGANTE HENRY GRIMES

ITALIA/MILANO. Spirits e Spirits Rejoice di Albert Ayler, On This Night di Archie Shepp, Complete Communion e Symphony For Improvisers di Don Cherry, Unit Structures e Conquistador di Cecil Taylor: che cosa hanno in comune questi capolavori, di più specifico del fatto di essere tutti espressione della temperie del free jazz ? Di comune hanno che al...

Supporta il manifesto e l'informazione indipendente

Il manifesto, nato come rivista nel 1969, è sinonimo di testata libera, indipendente e tagliente.
Logo archivio storico del manifesto
L'archivio storico del manifesto è un progetto del manifesto pubblicato gratis su Internet e aperto a tutti.
Vai al manifesto.it