Risultati per:

  • Autore: GUIDO VIALE
Modifica ricerca

PRIMA/EDITORIALE

«CAMBIARE SI PUò» NON è UN TAXI

ITALIA/MILANO. Avevo detto - all'assemblea milanese convocata dai promotori dell'appello cambiaresipuò: secondo me un successo, quasi seicento presenze, molta attenzione, un dibattito ricco, una mozione molto impegnativa, che a parte alcune richieste di integrazioni, ha unito tutti - che quella proposta elettorale non può essere un taxi per portare in...

PRIMA/COMMENTO

IL SECONDO DEFAULT DELLA GRECIA

GRECIA/EUROPA. Concentrata sulle dimissioni di Monti e sulla ridiscesa in camposanto (ovviamente in senso metaforico) di Berlusconi, la stampa nazionale ha dato poco rilievo a una notizia che invece ne meritava assai di più. Per la seconda volta nel giro di un anno o poco più lo Stato greco è fallito: cioè ha ristrutturato il suo debito con una manovra...

PRIMA/EDITORIALE

NAZIONALIZZARE, NON BASTA LA PAROLA

ITALIA/TARANTO. Alla fine le parole fatidiche sono state pronunciate. «Confisca» (Passera e Cremaschi) e «requisizione» (De Benedetti e Leon), riferite all'Ilva di Taranto o forse a tutto il gruppo Riva; e «nazionalizzazione» (Hollande: riferita al gruppo Mittal, che vuole dismettere uno dei più antichi altoforni della Francia, con tutti i suoi operai:...

COMMUNITY/APERTURA

EURO, DA SOGNO A INCUBO

EUROPA. L'euro sta portando a fondo l'Unione Europea e con essa il sogno federalista dei suoi ispiratori e il progetto politico dei suoi fondatori. Come mezzo di pagamento, moneta in tasca o sui conti correnti di ciascuno di noi, l'euro è stata una grande novità positiva per centinaia di milioni di cittadini europei, a cui ha dato finalmente la...

PRIMA/COMMENTO

L'AGENDA MONTI PER IL DOPO CRISTO

ITALIA. Dopo Marchionne, Monti. Tenete presente la parabola di Marchionne: due anni e mezzo fa, quando aveva sferrato il suo attacco contro gli operai di Pomigliano («o così, o chiudo»), togliendosi la maschera di imprenditore aperto e disponibile che si era e gli era stata appiccicata addosso, la totalità dell'establishment italiano si era...

PRIMA/COMMENTO

SANDY, LA METAFORA DEL DISASTRO

ITALIA. Sandy, l'uragano atlantico più ampio e più forte che la storia ricordi, è una manifestazione diretta e incontestabile dei cambiamenti climatici che minacciano il pianeta a causa di un consumo incontinente di fonti energetiche fossili; e non in un futuro più o meno lontano, ma già qui e ora. E' verosimile e del tutto probabile che fenomeni...

PRIMA/EDITORIALE

AFFAMARE LA BESTIA DEL NOSTRO DEBITO

EUROPA. «Affama la bestia» è lo slogan con cui Ronald Reagan aveva inaugurato il trentennio di liberismo di cui oggi stiamo pagando le conseguenze. La «bestia» per Reagan era il governo: che - è un altro suo celebre detto - «non è la soluzione ma il problema». La bestia da affamare è in realtà la democrazia, l'autogoverno, la possibilità per i...

LAVORO/LETTERE

LETTERA AL «FOGLIO»

ITALIA. Il 18 giugno 2010, in risposta a un articolo de "il manifesto" a mia firma che giudicava inattendibile il piano Fabbrica Italia e sosteneva di conseguenza l'urgenza di mettere in cantiere la riconversione ad altre produzioni di una parte almeno degli stabilimenti del gruppo Fiat per scongiurarne l'altrimenti inevitabile...

PRIMA/COMMENTO

I DANNI DI UNA CLASSE DIRIGENTE DISASTROSA

ITALIA. La Bulgaria ha reso noto di non avere interesse all'ingresso nell'Unione Europea fino a che questa non avrà risolto i suoi problemi. Questa dichiarazione misura quanto il sogno di un'Europa unita, promosso dai suoi padri fondatori e condiviso da milioni di cittadini, sia stato tradito. Non che le politiche della Comunità, poi Unione,...

COMMUNITY/APERTURA

L'ILVA SI CONTROLLA DAL BASSO

ITALIA/TARANTO. L'Ilva (già Italsider) di Taranto inquina e uccide da cinquant'anni la città e i suoi abitanti, insieme a diversi altri impianti che ne occupano il territorio. Tuttavia, nonostante numerosi tentativi, in corso da anni, di portare la situazione all'attenzione dell'opinione pubblica, Taranto è diventata un caso nazionale solo ora:...

PRIMA/COMMENTO

L'AUT AUT CHE MONTI NON VEDE

ITALIA. «It's the economy, stupid»: era stato questo lo slogan vincente di Bill Clinton nella campagna contro George Bush (senior) vent'anni fa. Forse oggi è il caso di riprendere quelle stesse parole contro il ragionier Monti, economista di fama mondiale, che non riesce a spiegarsi come mai, avendo «messo i conti in ordine», lo spread italiano...

PRIMA/COMMENTO

UN'ALTRA ECONOMIA PER UNA NUOVA EUROPA

SPAGNA/ITALIA/EUROPA. Una classe dirigente inetta, incolta, arrogante, asservita sta portando alla rovina l'Europa e con essa le principali conquiste che il movimento operaio e la cultura democratica avevano realizzato nel corso di un secolo. Contrattazione collettiva, pieno impiego, diritti sindacali, sanità, pensione, istruzione, ricerca e cultura come...

PRIMA/EDITORIALE

L'ALTERNATIVA ALL'AUSTERITÀ

ITALIA. A otto mesi dall'insediamento del governo Monti bisognerebbe chiedersi: l'economia italiana sta meglio o peggio? E sta meglio o peggio la democrazia ad essa legata a doppio filo? Quanto a occupazione, redditi popolari e del lavoro, servizi sociali stiamo sicuramente peggio; ma siamo ripagati in termini di migliori prospettive? Abbiamo...

PRIMA/EDITORIALE

IL GRANDE BLUFF EUROPEO

EUROPA. A Bruxelles l'Europa non è certo uscita dal coma in cui l'ha gettata la crisi dell'euro. Né le risorse economiche, né - e meno che mai - quelle politiche messe in campo sono adeguate per resistere a una speculazione in buona parte promossa da quelle stesse banche e istituzioni finanziarie che tengono sotto scacco la moneta unica, ma che...

COMMUNITY/COMMENTO

ASCOLTANDO MACAO

ITALIA/ROMA/MILANO. La cultura, oppressa da trent'anni di televisione, di marketing e di carrierismo craxiani e berlusconiani torna a prendersi la scena nel modo più impensato: prima con l'occupazione del teatro Valle di Roma e la presa di parola della generazione TQ (i trenta-quarantenni); ora con la forza aggregante di Macao a Milano e, tra le due, e...

PRIMA/COMMENTO

BENECOMUNISTI, CHE ORRORE

ITALIA. Propongo di non usare mai più il termine "benecomunista": è orribile, ridicolo, equivoco e neogotico. Sembra il nome di una congregazione iniziatica fantasy. Poi, per evitare disquisizioni dotte ma superflue, chiamando magari in causa persino san Tommaso, propongo una distinzione netta tra il concetto di bene comune, senza...

PRIMA/COMMENTO

UN PROGRAMMA MINIMO MA AMBIZIOSO

ITALIA. Il «Manifesto per un soggetto politico nuovo» lascia volutamente scoperta la questione del programma perché ne affida l'elaborazione al processo di partecipazione democratica che intende innescare tanto all'interno del «soggetto nuovo» quanto nelle sedi di democrazia sia partecipata che rappresentativa che cerca di promuovere o rinnovare....

PRIMA/EDITORIALE

DOBBIAMO MUOVERCI

ITALIA. Crisi del mercato - italiano ed europeo - dell'auto, attacco governativo agli incentivi per le energie rinnovabili, movimenti NoTav, No Tem (Tangenziale esterna milanese) ed altri simili: sono fatti da prendere in considerazione insieme. E insieme, anche, a due altri problemi: chi deve tenere insieme quei fatti? E dove? Di questi tre...

PRIMA/EDITORIALE

L'ESTREMISMO DEL CAPITALE

ITALIA. Ferruccio de Bortoli in un suo editoriale sul Corriere della Sera di sabato ritiene che il rischio che le imprese usino la riforma dell'art. 18 per liberarsi anche dei lavoratori scomodi (come ho sostenuto sul manifesto) oltre che di quelli anziani o logorati dal lavoro (come ipotizzato lo stesso giorno dal prof. Mariucci su l'Unità)...

PRIMA/EDITORIALE

PUNTO DI SVOLTA

ITALIA/ROMA. L'azzeramento dell'articolo 18 dello Statuto dei lavoratori non è una misura per rendere flessibile il mercato del lavoro, ma per rendere rigidi (fino al parossismo) il regime di fabbrica e la stretta sui ritmi di lavoro. Certamente nei prossimi mesi e anni ci saranno, uno a uno, o, meglio, quattro a quattro ogni quattro mesi, decine di...

Supporta il manifesto e l'informazione indipendente

Il manifesto, nato come rivista nel 1969, è sinonimo di testata libera, indipendente e tagliente.
Logo archivio storico del manifesto
L'archivio storico del manifesto è un progetto del manifesto pubblicato gratis su Internet e aperto a tutti.
Vai al manifesto.it