Risultati per:

  • Autore: GIANNI BERETTA, SERGIO FERRARI
Modifica ricerca

FIRENZE

L'ULTIMO SPRINT DI MONICA BETTONI

ITALIA/AREZZO. BALLOTTAGGIO ELEZIONI 27 GIUGNO/CAMPAGNA ELETTORALE CENTROSINISTRA E RIFONDAZIONE COMUNISTA DOMANI CHIUSURA

MONDO/TAGLIO BASSO

LA BESTIA NERA DEI SANDINISTI

USA/NICARAGUA. La prima preoccupazione che assillò Ronald Reagan al suo ingresso alla Casa bianca (il 20 gennaio 1981) fu l'incendio «comunista» propagatosi nientemeno che nel proprio «cortile di casa». L'istmo centroamericano sperimentava una rivoluzione trionfante a Managua e lotte di liberazione montanti in El Salvador e Guatemala (con Cuba ad...

SOCIETÀ/TAGLIO BASSO

HAITI, 500 VITTIME SOTTO IL FANGO

HAITI/REPUBBLICA DOMINICANA. Sono ormai oltre cinquecento le vittime accertate delle piogge torrenziali che hanno investito lo scorso fine settimana Haiti e la Repubblica Dominicana. Ma almeno altrettanti sono i feriti e i dispersi; e qualche decina di migliaia i senza tetto. L'area più colpita è una zona agricola poverissima a cavallo tra i due paesi, dove...

GUERRA/TAGLIO BASSO

TV SVIZZERA, VIDEO SU QUATTROCCHI AL LAVORO A BAGHDAD

IRAQ/SVIZZERA. Fanno una certa impressione le immagini di Fabrizio Quattrocchi in piena azione in Iraq come guardia di sicurezza pochi giorni prima del suo sequestro e della sua esecuzione. Mentre Paolo Simeone, che lo aveva ingaggiato, alla domanda se si consideri un mercenario risponde: «Mercenario mi sembra un po' una parolaccia; ma è...

MONDO/TAGLIO BASSO

CAMBIANO I NOMI MA L'ISTMO RESTA SEMPRE FILO-USA

REPUBBLICA DOMINICANA. Se pensava di guadagnarsi i favori dell'elettorato ritirando anticipatamente (sull'onda del neo-premier spagnolo Zapatero) i suoi trecento soldati dall'Iraq, il socialdemocratico Hipolito Mejia, presidente uscente in Repubblica dominicana, ha sbagliato i suoi conti. Nelle elezioni di domenica scorsa infatti si è fermato appena al 35%...

DIES IRAQ/TAGLIO BASSO

VIA GLI SPAGNOLI. E I CENTRAMERICANI?

IRAQ/SPAGNA/AMERICA LATINA. Il ritiro in tempi brevi dei circa 1300 effettivi spagnoli dall'Iraq, annunciata dal premier spagnolo Zapatero, apre un problema più amplio sulle sorti della brigata iberoamericana Plus Ultra, integrata da 1158 soldati del Centramerica: 380 salvadoregni, 366 honduregni, 302 dominicani e 110 nicaraguensi. Aggregati fin dall'inizio...

ECONOMIA/APERTURA

«RISVEGLIO ARGENTINO DOPO LA CRISI DEL 2001»

ARGENTINA. Dopo la fibrillazione di questi ultimi due mesi tra Fondo monetario internazionale e governo argentino sul debito estero (in particolare per l'insolvenza verso i creditori privati) risoltasi sostanzialmente alla pari con un rinvio, l'Argentina sembra rialzare timidamente la testa dalla catastrofica crisi del 2001, confermando una crescita...

MONDO/TAGLIO BASSO

IL SALVADOR RESTA NELL'ARENA DEGLI USA

EL SALVADOR. Se la parte continentale dell'America latina sperimenta in questi ultimi anni fermenti costanti e rovesciamenti di fronte imprevedibili, i piccoli paesi dell'istmo centroamericano, protagonisti delle lotte di liberazione degli anni `70 e `80, sembrano scivolati pericolosamente in un'epoca di immobilismo, oltre che di miseria nera e senza...

MONDO/TAGLIO BASSO

LA SINISTRA DIVISA AL VOTO NEL SALVADOR

EL SALVADOR. Per la terza volta dalla fine della sanguinosa guerra civile (nel 1992) si vota domani in El Salvador per eleggere un nuovo presidente della repubblica. E per la terza volta la sinistra tenta di scalzare dal governo la destra del partito Arena (Alianza republicana nacionalista), al potere ininterrottamente dal 1989 (quando si impose in...

ECONOMIA/TAGLIO BASSO

L'FMI PREPARA LA PAGELLA ARGENTINA

ARGENTINA. La missione ad alto livello del Fondo monetario internazionale ha lasciato l'Argentina dopo dieci giorni di intenso lavoro. Si è trattato infatti dell'esame approfondito del sistema delle finanze del paese sudamericano. In gioco c'è la conferma del programma di crediti per 13,3 miliardi di dollari per tre anni, approvato dal...

MONDO/TAGLIO BASSO

SLITTA IL VERDETTO SU VOTO ANTI-CHAVEZ

VENEZUELA. Sarebbero quattro le vittime e decine i feriti registrati negli ultimi cinque giorni in Venezuela in violenti scontri fra l'opposizione e le forze di sicurezza o gruppi sostenitori del presidente in carica Hugo Chavez Frias. Almeno così assicura il «Coordinamento democratico» d'opposizione; mentre non confermano altrettanto...

ECONOMIA/TAGLIO BASSO

L'ARGENTINA DI MISTER K. SFIDA I CREDITORI

ARGENTINA/BUENOS AIRES. La missione del Fmi è giunta nella capitale argentina (per una settimana) sul finire della stagione estiva. E non sono pochi quelli ancora in vacanza sulle spiagge dell'Atlantico, rianimando timidamente il turismo interno, a conferma della crescita economica dell'8,5% negli ultimi 12 mesi. Tutto è possibile in questo paese dai fragili...

ECONOMIA/TAGLIO BASSO

L'ARGENTINA ASSEDIATA DAI CREDITORI

ARGENTINA/BUENOS AIRES. Settimana incandescente quella che si conclude oggi per l'Argentina di Nestor Kirchner, dove non si parla d'altro che della morsa sempre più soffocante della rinegoziazione del suo astronomico debito estero (180 miliardi di dollari) e di un possibile stato di insolvenza. Tutto è cominciato domenica scorsa con il severo monito...

FIRENZE

"PER NON DIMENTICARE LE RADICI DELLA VIOLENZA"

ITALIA/AREZZO. OLOCAUSTO SHOA GIORNATA DELLA MEMORIA COMMEMORAZIONE CONSIGLIO REGIONALE TOSCANA NELLA SALA DEI GRANDI PROVINCIA DI AREZZO

MONDO/TAGLIO BASSO

RIGOBERTA MENCHù DIVENTA «MINISTRO»

GUATEMALA. A sorpresa il presidente Oscar Berger, insediatosi la scorsa settimana in Guatemala alla presenza di Jeb Bush, fratello dell'inquilino della Casa bianca, ha offerto alla Nobel per la pace Rigoberta Menchù il posto di «ambasciatrice di buona volontà degli accordi di pace» nel suo nuovo governo. E Rigoberta, apprezzando «la prima proposta...

ECONOMIA/TAGLIO BASSO

NICARAGUA, LATTE A RISCHIO

NICARAGUA/ITALIA. «Non c'è motivo di preoccuparsi per la Parmalat-Nicaragua; il governo italiano sta adottando i provvedimenti del caso nella crisi della casa madre, e ha la situazione sotto controllo». Così l'ottimista ministro dell'economia nicaraguese, Mario Arana, cerca di rassicurare gli 800 dipendenti della filiale Parmalat in...

MONDO/EDITORIALE

DA DESTRA A DESTRA

GUATEMALA. Oscar Berger, 57 anni, conservatore, sarà il nuovo presidente del Guatemala dal prossimo 14 gennaio, data del suo insediamento. Ex sindaco della capitale Città di Guatemala per due mandati consecutivi (fra il 1991 e il `99), Berger si è imposto al ballottaggio di domenica con una decina di punti sul suo antagonista Alvaro...

MONDO/TAGLIO BASSO

OGGI IL GUATEMALA AL BALLOTTAGGIO. CON L'OMBRA NERA DI RIOS MONTT

GUATEMALA. Curiosamente nel pieno delle feste di fine anno, si tiene oggi il secondo e decisivo turno elettorale in Guatemala. A contendersi la presidenza della repubblica due esponenti della destra moderata: Oscar Berger, imprenditore, ex sindaco della capitale e Alvaro Colom, avvocato, anch'egli piccolo impresario; entrambi alla testa di due nuove...

MONDO/TAGLIO BASSO

GUATEMALA, PERDE RIOS MONTT. DESTRA AL BALLOTTAGGIO

GUATEMALA. «Ho la speranza che la storia di Efrain Rios Montt sia finita qui; ma il generale è come un animale ferito; e fra oggi e il secondo turno può succedere di tutto». A poche ore dall'uscita di scena elettorale dell'ex dittatore guatemalteco, il direttore del tg Guatevision, Haroldo Sanchez, più volte minacciato di morte, ci confessa il suo...

MONDO/TAGLIO BASSO

GUATEMALA, NARCODEMOCRAZIA «GOLPISTA» ALLA PROVA

GUATEMALA. Non è la prima volta che in America Latina un ex dittatore golpista sanguinario si candida in «elezioni libere» a presidente della repubblica con chances di successo. E' stato il caso dell'oggi defunto generale Hugo Banzer in Bolivia. Tocca ora, auguriamoci non con altrettanto esito, al Guatemala del «sinistro»...

Supporta il manifesto e l'informazione indipendente

Il manifesto, nato come rivista nel 1969, è sinonimo di testata libera, indipendente e tagliente.
Logo archivio storico del manifesto
L'archivio storico del manifesto è un progetto del manifesto pubblicato gratis su Internet e aperto a tutti.
Vai al manifesto.it