Risultati per:

  • Autore: FRANCESCO VIGNARCA*
Modifica ricerca

VISIONI/APERTURA

Ti lascio una canzone: anzi, proprio tutto il catalogo

ITALIA. Nel proclamare la morte dell’autore, Roland Barthes non si era preoccupato granché di appurarne il lascito testamentario. Sicché, cinquant’anni dopo è la stessa leva cantautorale del ‘68 ad avviare le pratiche della propria successione: un’unica firma sancisce della canzone il valore culturale...

VISIONI/TAGLIO MEDIO

Tra spazio reale e il tempo immaginario

ITALIA. Nei racconti ucronici assistiamo al deragliamento del tempo reale ritrovandoci in un altrove ipotetico, uno scenario alternativo i cui eventi rispondono alla domanda «cosa sarebbe accaduto se?». Di quelle trame abbiamo familiarità letteraria e cinematografica, e non ci aspettiamo di ritrovarle in forma canzone. Ma non...

VISIONI/TAGLIO BASSO

Il decennio lungo degli U2, quando cambiarono volto al rock e a se stessi

GB. C’è un interstizio nel tempo, tra il crollo del Muro e quello delle Torri. Un interregno decennale tra l’epilogo del secolo breve sancito da Hobsbawm e il prologo di quello successivo. In quel 1991 che vede sgretolarsi il pianeta Soviet e i suoi satelliti il vecchio rock è più vivo che mai. Una manciata di...

CULTURA/TAGLIO BASSO

Sfide aperte della «riproduzione sociale» in epoca di sindemia

ITALIA/BERGAMO. La nota definizione che Antonio Gramsci dà della crisi nei Quaderni del carcere, come di una fase nella quale «il vecchio muore e il nuovo non può nascere», pone il problema di comprendere e inquadrare la fase di interregno che si apre in queste situazioni. Una sfida politica e teorica che certamente riguarda il...

VISIONI/BREVE

Particelle sonore dalle pendici del monte Esja

ISLANDA. Da un palco di Manchester, nel luglio scorso, aveva anticipato il suo nuovo lavoro evocando l’immagine di «una band che suona da sola, senza pubblico, su una nave da crociera fantasma». Lontano dalla tragicità del Titanic, Damon Albarn naviga piuttosto verso la sua Thule, guidato dal faro del monte Esja che domina...

VISIONI/BREVE

Il piano b (ma che classe) di Slowhand

GB. E. C. Was Here, proclamava il suo celebre live del 1975, seconda rilettura solista — dopo il Rainbow Concert di due anni prima — di brani nati già classici. Il pubblico italiano aspetta di poter dire lo stesso, dopo ben due rinvii per le date di Milano e Bologna del giugno 2020. Stessa sorte per i concerti alla Royal...

COMMENTO

No al vicolo cieco della colonizzazione israeliana

ISRAELE/TERRITORI/GERUSALEMME. Pochi giorni fa il progetto per un massiccio intervento di urbanizzazione israeliana nella Città Santa ha ricevuto l’approvazione da parte delle autorità municipali di Gerusalemme: riguarda la realizzazione di un nuovo quartiere ebraico nell’area di Atarot.Dove un tempo sorgeva l’aeroporto di Gerusalemme....

VISIONI/APERTURA

Gli outsider di Pier Cortese, storie e paradossi musicali in libertà

ITALIA. Chi è cresciuto con il paradigma eroe-antagonista dei primi anime televisivi ben conosce la pervasività di quel sistema bipolare. La ricerca di una terza via, di un diverso tipo di personaggio, è già segno di originalità. «Volevo essere Julian Ross», canta Pier Cortese nel suo ultimo album:...

VISIONI/APERTURA

Il canzoniere anglosassone di Robert Plant e Alison Krauss

GB. Non è così consueto trovare rockstar capaci di affrontare la seconda parte di carriera con dignità e ponderatezza. Se ne vedono tante, di rincorse frenetiche a nuovi consensi di massa e di altrettanto furenti retromarce per recuperare quelli perduti. Il signor Robert Anthony Plant da West Bromwich è tra le note...

VISIONI/APERTURA

Lungo le rotte di Tori Amos, autoanalisi di un trauma

USA. In un famoso apologo di David Foster Wallace due giovani pesci ne incontrano uno più anziano che, nuotando in direzione opposta, dice: «Buongiorno ragazzi, com’è l’acqua?». I primi proseguono lungo la loro rotta, finché uno dei due guarda l’altro e gli chiede: «Cosa diavolo è...

COMMENTO

La legittimità delle misure restrittive

ITALIA. Sconfessando le grida d’allarme lanciate da giuristi troppo inclini alla complicazione delle cose, per non dire dei filosofi, una recente serie di pronunce delle supreme magistrature, costituzionali e amministrative, esclude la fondatezza dei dubbi di legittimità.Dubbi di legittimità sollevati sulle misure per il...

ULTIMA/TAGLIO BASSO

La nuova alba possibile in un paese prigioniero

TURCHIA. La Turchia di Recep Tayyip Erdogan è ormai una caricatura giudiziaria dove l’interferenza del governo sulla magistratura ha nei fatti sistematizzato una routine persecutoria verso ogni dissenso politico, artistico e intellettuale. L’istituzionalizzazione della detenzione sine die se da un lato condanna per presunto...

VISIONI/BREVE

Nella matematica di Sheeran i conti tornano a metà

GB. Dopo addizioni, moltiplicazioni e divisioni, il glossario aritmetico di Ed Sheeran giunge al simbolo dell’uguaglianza. Lo abbiamo visto, ospite a distanza di Fazio, annunciare in contemporanea l’uscita di = (Equals) e la sua positività al covid. E forse quella versione domestica di Shivers, pur debilitata, era ben...

VISIONI/APERTURA

«Let it be». Un altro sguardo sugli ultimi giorni dei Beatles

GB. L’infinita riapertura di un’inchiesta. Così appare la retrospettiva beatlesiana, inesauribile perlustrazione d’archivio che mescola feticismo e nostalgia tra riassemblaggi, cut-up e détournement situazionisti. Let It Be è l’ultimo dei «50th Anniversary»”. Cinquanta più...

CULTURA/APERTURA

Vita formidabile di una rivoluzionaria

LETTONIA. In realtà si chiama Anna Liepina. Il nome Asja lo sceglie da ragazza, a quanto pare dopo aver letto l’omonimo racconto di Turgenev in cui una diciassettenne è così temeraria da dichiarare il suo amore a un giovane, che spaventato se la dà a gambe, salvo poi ritornare sui suoi passi quando però lei...

COMMENTO

Il nodo delle Corti

POLONIA/EUROPA/STRASBURGO. Lo scontro tra la Corte di giustizia dell’Ue (Cgue) e la Corte costituzionale polacca ha acceso i riflettori sul rapporto tra ordinamento europeo e statale. Per comprenderne i termini occorre considerare che in base ai Trattati nelle materie di competenza dell’Ue vale il principio fondamentale del primato di tutto il diritto...

VISIONI/BREVE

A «Madchester» l’altra faccia del brit pop

GB. I Charlatans sono per la «Madchester» degli anni Novanta ciò che Monet era stato per Le Havre nel secolo precedente. Con sei album in un solo decennio, sono loro — ancor più dei capostipiti Happy Monday e Stone Roses — a immortalare impressionisticamente un’atmosfera tanto urbana quanto...

VISIONI/BREVE

L’ottimismo senza regole di Natalie

AUSTRALIA. E alla fine anche lei riesce a prendere la scia del revival anni Novanta, tornando in carreggiata dopo una parabola discendente lunga tre lustri. Mentre Torn viveva di vita propria nella hall of fame degli inni generazionali, sulla sua interprete piombavano tutti gli effetti collaterali del successo. Due divorzi a breve distanza, per la...

SOCIETA/TAGLIO BASSO

Il mondo con gli occhi dei paesi più poveri

ITALIA/MILANO. Guardare il mondo con gli occhi degli «ultimi», i paesi più «poveri» del pianeta, quelli che gli indicatori economici e sociali e le statistiche internazionali collocano in fondo alla classifica. L’iniziativa «The Last 20» è il risultato della costruzione di un percorso alternativo...

VISIONI/APERTURA

Tom Moulton, per Dr. Disco è tutta questione di groove

USA. Era al mixer dei Sigma Studios di Philadelphia quando fu colto da un principio di infarto. Restò lì altre quattro ore, per curare un pezzo che, come il suo cuore, proprio non voleva saperne di andare a ritmo. Quando al pronto soccorso gli chiesero cosa diavolo lo avesse fatto attendere così tanto, rispose:...

Supporta il manifesto e l'informazione indipendente

Il manifesto, nato come rivista nel 1969, è sinonimo di testata libera, indipendente e tagliente.
Logo archivio storico del manifesto
L'archivio storico del manifesto è un progetto del manifesto pubblicato gratis su Internet e aperto a tutti.
Vai al manifesto.it