Risultati per:

  • Autore: MARIA TERESA CARBONE
Modifica ricerca

CULTURA/RUBRICA

Mauritania, una letteratura da esplorare

ITALIA/GB/MAURITANIA. Si parla molto, e giustamente, della necessità di un panorama editoriale più diverso, più inclusivo, che si apra a voci letterarie finora lasciate in ombra. Meno si dice, però, sui percorsi necessari per raggiungere questo obiettivo, magari in tempi lunghi, che vadano oltre le parole d’ordine del momento....

CULTURA/RUBRICA

Blocco dello scrittore? Ci pensa Sudowrite, AI che genera storie

USA/SAN FRANCISCO . Non più solo fake, ma deep fake, un «falso profondo», sempre più difficile da individuare: se n’è parlato tanto negli ultimi anni – e di recente, per esempio, a proposito di un video che ha circolato su TikTok (e poi su YouTube) in cui Tom Cruise scherza, gioca a golf e fa trucchetti di magia....

CULTURA/RUBRICA

Il biografo di Philip Roth va al macero

USA. Solo tre settimane fa Blake Bailey era con ogni probabilità un uomo felice. La sua biografia di Philip Roth, un volume di circa novecento pagine su cui Bailey aveva lavorato per quasi dieci anni con il pieno sostegno dell’autore di Pastorale americana, era uscita nei primi giorni di aprile per Norton e aveva immediatamente...

CULTURA/RUBRICA

Premi letterari nel mirino delle cybertruffe

GB. O tutti voi che amministrate premi letterari di una qualche consistenza economica, fate attenzione se il giorno dopo la cerimonia di assegnazione – svolta, causa Covid, a distanza – riceverete dall’esultante vincitore o vincitrice un messaggio in cui, fra un ringraziamento e l’altro, vi si chiede di versare il...

CULTURA/RUBRICA

«Basta manoscritti», il gran rifiuto di Gallimard

FRANCIA. Certo, fra le conseguenze del Covid-19 questa non è la più grave. Eppure, non è possibile non pensare con comprensione a tutti coloro che, nelle case editrici, si occupano di smistare e vagliare le proposte in arrivo e che negli ultimi mesi si sono visti travolgere dalla massa di parole prodotte dalla forzata clausura...

CULTURA/RUBRICA

Ngugi wa Thiong’oa. l Booker Prize e oltre i confini

AFRICA. Sono anni, una decina almeno, che il nome di Ngugi wa Thiong’o ricorre in cima alla lista dei candidati al Nobel per la letteratura. E chissà che il prossimo ottobre non arrivi finalmente il momento per far conoscere al mondo questo scrittore poliedrico, capace di passare dal saggio al teatro, dal romanzo al memoir, alla...

CULTURA/RUBRICA

E se la traduzione automatica mettesse fuori gioco tutti?

ITALIA/GB. Alla giornalista Alison Flood, che l’ha intervistata la settimana scorsa per il Guardian, Kate Briggs – traduttrice britannica da tempo trapiantata a Rotterdam – ha detto che ancora stenta a credere a quello che le è successo: «Quando ho ricevuto un’e-mail del presidente del premio Windham-Campbell,...

CULTURA/APERTURA

Una passeggiatatra gli squinternati

ITALIA/RUSSIA . Tra gli scrittori italiani contemporanei Paolo Nori è il più stakanovista. Dal 1999, anno di uscita dei suoi primi due libri (Le cose non sono le cose per Fernandel e Bassotuba non c’è per DeriveApprodi), è perfino difficile contare i testi in cui, in un modo o nell’altro, ha messo le mani....

CULTURA/RUBRICA

Biblioteche, il sottile piacere della conoscenza

ITALIA. I frequentatori – perlopiù giovanissimi – di TikTok non sono per forza analfabeti, annuncia la giornalista Elizabeth A. Harris in un articolo uscito l'altro giorno sul New York Times. Alcuni di loro, spiega, leggono libri interi e postano i loro brevissimi video, anzi i loro BookTok, dedicati ai testi che hanno amato...

CULTURA/RUBRICA

Camille Noûse il museo dei libri vietati

FRANCIA. A giudicare dalla quantità e varietà di articoli scientifici ai quali Camille Noûs ha contribuito negli ultimi dodici mesi, si potrebbe pensare che presto troveremo il suo nome fra i vincitori del Nobel: dall’astrofisica alla biologia molecolare, sono pochi i settori in cui questo astro nascente della ricerca non...

CULTURA/RUBRICA

Jhumpa Lahiri, l’«impresa» di parlare inglese

USA. A maggio uscirà negli Usa per Knopf l’ultimo romanzo di Jhumpa Lahiri, Whereabouts. Inutile però chiedersi quando lo potremo leggere nella traduzione italiana: com’è noto agli estimatori nostrani della scrittrice indo-statunitense (premio Pulitzer nel 1999 per il suo esordio, la raccolta di racconti...

CULTURA/RUBRICA

Il primo «blurb»? Fu quello di Walt Whitman

ITALIA. Tempo di premi, tempo di fascette. Nel caso qualcuno ignori di cosa stiamo parlando, la fascetta (o manchette) è quella striscia di carta rosso fuoco o giallo girasole che avvolge la parte inferiore di un volume e a suon di iperboli cerca di convincere il (futuro ipotetico) lettore di avere tra le mani l’opera del secolo. Di...

CULTURA/RUBRICA

Tabù letterari, l’invettiva di Javier Cercas

SPAGNA . La questione – può un libro di successo essere un buon libro? – è vecchia e, se vogliamo, non molto divertente. Eppure tutte le volte che viene sollevata si scatenano discussioni a non finire, destinate naturalmente a non concludersi mai. Protagonista della più recente incarnazione di questa secolare...

CULTURA/RUBRICA

Ma come vanno letti i libri con le orecchie?

SPAGNA. Nei giorni scorsi RBMedia, forse il maggior produttore e distributore di audiolibri nel mondo, ha annunciato di avere acquisito la sigla spagnola Booka, attiva nel settore dal 2014, una lista di autori che comprende vari bestselleristi, da Juan Gómez-Jurado a Marc Reklau. Entusiasta il commento del suo fondatore, Albert Codina...

CULTURA/RUBRICA

Il miracolo dei libri nell’anno più buio

SPAGNA/USA . Se san Giorgio, con o senza drago, sia esistito, è questione incerta. E ancora più incerto è se sia stato proprio lui (noto in Catalogna come Jordi e intestatario, il 23 aprile, della più fantastica festa della lettura si possa immaginare, pagine scritte e rose rosse a volontà) a operare el milagro de...

CULTURA/RUBRICA

Book club, una vera scuola di politica viva

ITALIA/NEW MEXICO. Secondo uno stereotipo consolidato, i gruppi di lettura sono composti da signore non più giovani che chiacchierano dei libri appena letti sorseggiando una tazza di tè o, più audacemente, un calice di vino bianco. Come tutti gli stereotipi, anche questo non è del tutto campato in aria: è vero che nei...

CULTURA/INTERVISTA

Il libro piace di quartiere e online

GB. Dieci anni fa, nei primi mesi del 2011, il miliardario russo Aleksandr Mamut (residenza a Mosca, seconda casa a Kensington, Londra) comprò per 53 milioni di sterline la maggiore catena di librerie nel Regno Unito, Waterstones. A dispetto della cifra relativamente bassa, l’acquisto parve arrischiato: la catena era in crisi da...

CULTURA/RUBRICA

Il covid uccide la storica libreria Gibert Jeune

FRANCIA/PARIGI. Davvero chiude Gibert Jeune al numero 5 di place St-Michel? Da Parigi in poche ore la notizia è rimbalzata sui media di tutto il mondo, dal cileno Infogate al turco Sözcü, e tuttavia si stenta a credere che a partire da marzo i tendoni gialli della libreria, da tempo immemorabile parte integrante di quell’angolo...

CULTURA/RUBRICA

L’arduo esercizio della lingua non binaria

ITALIA . Sono tanti gli inciampi per chi ha deciso di legare la sua sopravvivenza al mestiere della traduzione: paghe di solito inferiori a quello che tempo e fatica comporterebbero, contratti spesso privi di reali tutele, scarsa attenzione di molti recensori, scadenze troppo ravvicinate, una solitudine appena mitigata dai contatti virtuali...

CULTURA/RUBRICA

Ngozi Adichie, un irresistibile impulso digitale

USA. Con l’arrivo del 2021, carico di troppe attese dopo l’anno funesto che lo ha preceduto, continua lo scontro fra due fazioni opposte nel mondo dell’editoria. Da una parte gli ottimisti a oltranza, convinti che per i lettori, e quindi per i librai e gli editori, sia iniziata una nuova età dell’oro (e quasi...

Supporta il manifesto e l'informazione indipendente

Il manifesto, nato come rivista nel 1969, è sinonimo di testata libera, indipendente e tagliente.
Logo archivio storico del manifesto
L'archivio storico del manifesto è un progetto del manifesto pubblicato gratis su Internet e aperto a tutti.
Vai al manifesto.it