Risultati per:

  • Autore: MARCELLO LORRAI
Modifica ricerca

VISIONI/TAGLIO MEDIO

THE THING, FRENESIA JAZZ DI MARCA SCANDINAVA

ITALIA/NOVARA. The Thing: ma il riferimento non è a John Carpenter. «La cosa» di Mats Gustafsson, sax, Ingebrigt Haker Flaten, contrabbasso, e Paal Nilssen-Love, batteria, non è un alieno in grado di assumere identità altrui, come troppo jazz di oggi cerca di fare. Il trio scandinavo (Gustafsson svedese, Haker Flaten e Nilssen-Love norvegesi) fa tesoro...

VISIONI/TAGLIO MEDIO

L'ESSENZA DEL DUCA, LA SFIDA DELL'ORCHESTRA

ITALIA/MILANO. «Uno degli insegnamenti che ci viene dall'ascolto dei maestri è di non imitarli»: è un encomiabile cardine della filosofia musicale di William Parker, che il contrabbassista richiama per spiegare come il suo omaggio a Ellington non voglia essere tanto una reinterpretazione del repertorio del Duca, quanto un tentativo di estrarre dalla sua...

VISIONI/APERTURA

THE THIRTEENTH ASSEMBLY, JAZZ PER RAGAZZI DISCIPLINATI

ITALIA/PADOVA. Nel bis - Too Sweet, firmato da Taylor Ho Bynum - il batterista Tomas Fujiwara infila un paio di citazioni, rapide ma a cui è impossibile non fare caso, dalle classiche composizioni in solo architettate da Max Roach: e tutto il brano ha un che di jazz d'avanguardia post-free. Però The Thirteenth Assembly non è un gruppo classificabile...

VISIONI/TAGLIO MEDIO

PIANO E BATTERIA, IL JAZZ RISCOPRE IL CONFRONTO

ITALIA/NOVARA. «Ha settantun anni ma... Gesù, è dura suonare con lui!», sbuffa divertito Alexander Hawkins alla fine del concerto a Novara Jazz Winter: quello che può rendere impegnativo un dialogo con Louis Moholo anche per un musicista come Hawkins, pianista assai attrezzato e con ben quaranta primavere meno del suo partner, non è solo l'energia messa...

VISIONI/INTERVISTA

«VORREI VENDERE COME LADY GAGA»

ITALIA/MILANO. «In effetti non mi dispiacerebbe vendere più di Lady Gaga, ma sono realista. E poi a sessantun anni ho il meraviglioso privilegio di avere la libertà di fare la musica che ho voglia di fare: e per me questo è quello che conta. Viviamo in un mondo all'insegna del fast food, ma qui in Italia avete inventato il movimento slow food: e magari...

VISIONI/TAGLIO MEDIO

L'INQUIETA ELEGANZA DI TOM HARRELL

ITALIA/FANO. Impalato davanti al microfono, le braccia abbandonate lungo i fianchi, la testa china seminascosta da una frangia di capelli bianchi: lungi dal mettere a disagio, l'immobilità di Tom Harrell - quando non imbocca la tromba o il flicorno per esporre il tema o per prendere un assolo, nella sua assoluta negazione di qualsiasi appeal scenico,...

VISIONI/INTERVISTA

«L'IDENTITà MUSICALE, RICERCA COMUNE FRA EBREI E MUSULMANI»

MAROCCO/FES. Fotografa e ricercatrice, coordinatrice per l'Europa di Musiques Sacrées du Monde, Catherine Bendayan è nata in una famiglia ebrea marocchina con origini sia berbere che andaluse: ha casa a Parigi, e da qualche anno ha scelto di tornare ad averne una anche a Fes, dividendosi tra le due città. A quando risale la presenza ebraica a Fes ?In...

VISIONI/APERTURA

SACRO E PROFANO, DIALOGO TRA CULTURE

MAROCCO/FES. Il palco incastonato fra due torri delle fortificazioni di Bab Makina ha come sfondo la monumentale Bab Sbaa, la Porta del leone, che le luci inondano di colori via via diversi, trasformando lo stage in uno scenario da Mille e una notte. È il più affascinante dei diversi luoghi in cui si svolge Musiques Sacrées du Monde di Fes, quello che...

CULTURA & VISIONI/TAGLIO MEDIO

DINO SALUZZI, IL BANDONEON TRA TANGO E MAGIA

ITALIA/FANO. Con la loro indolenza saggia e alcuni spunti fulminanti, le presentazioni dei brani di Dino Saluzzi, una gustosa miscela di italiano e spagnolo, meriterebbero una recensione non meno della musica del bandoneonista argentino. Saluzzi parla per esempio del suo amore per il tango, «ma non quello di adesso, quello di una volta»: spiega che...

CULTURA & VISIONI/TAGLIO MEDIO

BREUKER KOLLEKTIEF, JAZZ ANTICONFORMISTA

ITALIA/NOVARA. Piace, al pubblico seduto o a passeggio di sabato sera in Piazza Duomo: un pubblico non necessariamente motivato e preparato, perché i concerti sono gratuiti. Piace perché la musica ha swing, ha una sua godibilità. Certo non ci sono eccessi «radicali», ma non è neppure jazz convenzionale quello dell'olandese Willem Breuker Kollektief...

MEDIA&SPORT/TAGLIO MEDIO

PARMA, UNA CITTà PER IL JAZZ. MA SUONA TROPPO ADDOMESTICATO

ITALIA/PARMA. Parma amante del jazz, dopo una rassegna con tre lustri di tradizione come l'autunnale Parma Jazz Frontiere ha aggiunto il primaverile Parma Jazz Festival che si è tenuto nei primi giorni di maggio. C'è solo da invidiare i parmensi della loro abbondanza? Forse se in questi tempi di ristrettezze una nuova manifestazione viene varata con un...

CULTURA & VISIONI/TAGLIO MEDIO

URI CAINE E JOHN ZORN, AVANGUARDIA MODERATA

ITALIA/VICENZA. Uri Caine esce sul palcoscenico in un rigoroso abito da sera consono alla maestosa cornice del palladiano Teatro Olimpico. Zorn si prende un pizzico di libertà in più: maglietta nera anche lui, ma con pantaloni mimetici e scarpe da atletica. Ma se c'è qualcosa di leggermente inelegante, nel modo di porgere la serata - apertura della...

CULTURA & VISIONI/TAGLIO BASSO

LE RADICI DEL FUTURO RITROVANO «MICHAEL E IL SUO VIAGGIO INTORNO AL MONDO»

ITALIA/VENEZIA. BIENNALE: KARLHEINZ STOCKHAUSEN E SERATA «ALTRE RADICI»Nel dialogo fra «radici», le avanguardie storiche e «futuro», i nuovi sviluppi, a cui è intestata la Biennale Musica allestita dal neodirettore Luca Francesconi, martedì sera la parola, nell'anno che sarebbe stato del suo ottantesimo compleanno, è stata autorevolmente presa da...

CULTURA & VISIONI/APERTURA

GLI ANTENATI YORUBA DI BOBBY SANABRIA

ITALIA/VERONA. «Fate pure foto, registrate, filmate, fate quello che vi pare: questo concerto è dedicato a Keith Jarrett» Non manca di senso dell'ironia Bobby Sanabria: ma meglio non sottovalutare che, di origine portoricana, è pur sempre nato e cresciuto nel South Bronx. Quando, dopo un paio di pezzi, qualche fiotto di spettatori scende dalle gradinate...

CULTURA/APERTURA

AVANGUARDIE STORICHE E NUOVE GENERAZIONI

ITALIA/MILANO. «Radici Futuro»: argomentando la scelta di questa intestazione per la 52esima edizione del Festival Internazionale di Musica Contemporanea di Venezia, il cui cartellone (2-18 ottobre) è stato presentato giovedì, Luca Francesconi, nuovo direttore della sezione musica della Biennale, tiene a sottolineare che «radici» non equivale...

VISIONI/TAGLIO MEDIO

D'ANDREA FIVE, FRESCA «TRADIZIONE»

ITALIA/VICENZA. Clarinetto, tromba e trombone: una combinazione strumentale che riporta immediatamente alle origini del jazz, agli Hot Five e Hot Seven di Louis Armstrong, pietre miliari tra le formazioni che hanno fatto la storia del jazz. Che siano clarinetto, tromba e trombone i tre fiati di un quintetto su cui sta ultimamente lavorando Franco...

VISIONI/APERTURA

APARTHEID, DIVERSI GRADI E MODELLI DI SEPARAZIONE

SUDAFRICA/SPAGNA/BARCELLONA. Seminudi, bianchi di un bianco lunare, teste ibride, parte umane e parte zoomorfe, con grandi corna animali: seduti su una panca i tre esseri si guardano intorno, gli occhi con un'espressione canina, apparentemente del tutto a proprio agio, come se la loro condizione fosse completamente normale. In grandezza naturale, sono The Butcher...

VISIONI/TAGLIO MEDIO

IL «MANIFESTO» DI GEORGES ADéAGBO

ITALIA/VENEZIA. Un'attività creativa nata per dare sfogo ad un trauma originato dal conflitto tra scelte individuali e convenzioni socio-culturali: in questo senso si potrebbe dire un'attività ri-creativa, di ri-creazione di se stesso. Che come esito più immediato ha avuto però quello di portare il suo artefice in manicomio. Nel '68 Georges Adéagbo è un...

VISIONI/TAGLIO BASSO

ETENESH E LE TIGRE, IPNOTICO INCONTRO FAKE-ETHIO

ITALIA/MILANO. Una volta Etenesh Wassié cantava un po' qui e un po' là nella miriade di azmaribet che costituiscono la principale forma di svago offerta dalla Addis Abeba by night: bar solitamente piccoli e senza pretese, animati dagli azmari, sorta di cantastorie tradizionali, specialisti nella tecnica del prendersi gioco di un cliente, utilizzando...

VISIONI/APERTURA

CECIL TAYLOR, UN PIANISTA VIGOROSO E INARRIVABILE

ITALIA/BOLOGNA. Ha fatto notizia che venerdì sera al Comunale di Bologna Cecil Taylor abbia piantato in asso Anthony Braxton, nel bel mezzo di un assolo di quest'ultimo, ponendo bruscamente termine, dopo appena venti minuti, a quel duo Taylor/Braxton che nelle intenzioni della direzione artistica assicurata da Angelica avrebbe dovuto essere, e in prima...

Supporta il manifesto e l'informazione indipendente

Il manifesto, nato come rivista nel 1969, è sinonimo di testata libera, indipendente e tagliente.
Logo archivio storico del manifesto
L'archivio storico del manifesto è un progetto del manifesto pubblicato gratis su Internet e aperto a tutti.
Vai al manifesto.it