Farouky: «L’oro nero in Myanmar è fonte di salvezza e condanna»

Le lingue di fuoco illuminano la notte, nelle vaste radure del Myanmar. Le fiamme segnalano la presenza di piccoli pozzi petroliferi, semplici buche nel terreno dalle quali gli abitanti del luogo riescono ad estrarre l’oro nero. La materia salvifica e demoniaca è al centro di A thousand fires (Mille fuochi), nuovo...

Nella parlata di Zerocalcare un microcosmo di resistenza

Strappare lungo i bordi, la serie animata del fumettista Zerocalcare prodotta da Netflix, è stata rilasciata la settimana scorsa ma la percezione è che sia trascorso molto più tempo per la quantità di articoli, discorsi, dibattiti e post che ha generato. In seguito all’accoglienza entusiasta da parte di...

Pratiche artistiche condivise contro la violenza di genere

Domani è la giornata contro la violenza maschile sulle donne e oltre agli appuntamenti istituzionali sono numerosi gli eventi tra spazi autogestiti, circoli, luoghi della cultura «dal basso» nei quali si cerca di riflettere sulla piaga bruciante dei femminicidi e sui meccanismi discriminatori della società...

Fracassi: «Fuggo le definzioni, mi metto alla prova»

«Il maggior insegnamento che ho imparato è quello di non irrigidirsi su un’idea precostituita perché segna la morte di qualsiasi spettacolo o film» racconta l’attrice Federica Fracassi, tirando le fila di in un anno che seppur nell’emergenza l’ha vista molto attiva sui palcoscenici. Come...

Martinelli: «L’individuo e la polis uniti da un destino comune»

«È perché amiamo tanto questa patria, o matria, che la vorremmo diversa: è un’invettiva che nasce dall’amore». Così Marco Martinelli, fondatore insieme ad Ermanna Montanari della storica compagnia Teatro delle Albe, descrive lo spirito generoso della poesia civile che abita il suo ultimo...

L’infedele traduzione per la scena accessibile

«In un sistema di narrazioni e rappresentazioni edificato a somiglianza di persone normativamente abili, come ci si accorge di ciò che manca? Come si può far luce su una perenne assenza, evitando di tradire la voce delle soggettività che la incarnano?». Sono queste alcune delle domande che Dalila...

«Atlantide», lottare per crescere ai margini della civiltà morente

«Abbiamo dato a questa generazione la possibilità di esprimersi nel miglior modo possibile» racconta Yuri Ancarani, regista e videoartista romagnolo di base a Milano. Ha infatti messo al centro del suo ultimo film, Atlantide, un gruppo di adolescenti incontrati in un contesto particolare come la laguna veneziana, che...

Alexader Zeldin, fare teatro è un modo per cambiare il nostro sguardo sulla vita

La crudeltà di un sistema che condanna le persone alla povertà, offrendo loro false speranze per poi stritolarle in meccanismi burocratici kafkiani. È questa la situazione in cui si trovano i personaggi di "Love", scritto e diretto da Alexander Zeldin - visto in scena al Teatro Argentina in corealizzazione con il...

«La scelta di Anne», esempio per la libertà di tutte

«Mi chiedo se questo film possa essere condiviso non solo con le donne che hanno vissuto all'epoca ma anche con quelle di oggi, con gli uomini e con coloro che sono contrari all'aborto». Le parole di Audrey Diwan, regista del film vincitore del Leone d'Oro all'ultima Mostra del cinema di Venezia, aprono uno squarcio su un tema...

Dante Antonelli: «Nel mio teatro vibra la voce di Mishima»

«Ho messo al centro la passione, un termine ambiguo che contiene sia il desiderio che il dolore» racconta Dante Antonelli, regista e drammaturgo romano che presenta in prima assoluta al Romaeuropa festival lo spettacolo Atto di passione. In scena al Mattatoio fino a domenica, il lavoro è il secondo della serie Quattro...

Ersan Mondtag, le mie criptiche simmetrie per sfuggire dai ruoli imposti

Due ambienti domestici si specchiano l’uno nell’altro, così come le performer gemelle Doris e Nathalie Bokongo Nkumu. Sono la stessa persona? Le loro vite scorrono in contemporanea? Quale destino è stato deciso per loro? Lo spettacolo De Living, diretto dal regista tedesco Ersan Mondtag, piuttosto che costruire...

«Tutto brucia», una notte nel teatro dei Motus

«Brucia di vita, apri gli occhi e guarda in alto, la morte è lontana» cantava il gruppo punk torinese Negazione nel 1990 in quello che sarebbe stato il loro ultimo album. Solo un anno dopo a Rimini nasceva la compagnia teatrale Motus, sodalizio tra Daniela Nicolò ed Enrico Casagrande. Ecco che allora appare...

Drew Pham, polifonia di voci straniere per spostare lo sguardo

La guerra in Afghanistan attraverso le parole di chi l’ha vissuta e di chi, portando su di sé i segni di quell’esperienza, ha cambiato radicalmente percorso di vita. L’ex soldato americano, oggi poetessa e professoressa Drew Pham è stata protagonista di un incontro organizzato dal Dipartimento di...

Rabbia e fuoco, colonna sonora in tempi infernali

Quella di The Bug non è musica pacificata. Nonostante più di trent’anni di carriera alle spalle e i tempi incerti in cui viviamo, tra le tracce del britannico Kevin Martin scorre ancora l’energia, la rabbia, l’urgenza. Fire, l’ultimo album uscito per l’etichetta Ninja Tune, è una colonna...

Flowers of Taiwan, le inquietanti immagini d’archivio del Green Team

«I fiori rappresentano la pace, distribuiteli tra voi» urlano nel megafono gli attivisti del Partito Progressista Democratico nel film The Taoyuan Airport incident, girato nel 1986 dal Green Team Movement. Ed è allora anche con questo richiamo alla concordia che possiamo pensare al titolo del festival Flowers of Taiwan,...

Bela Tarr, il cinema è un mezzo per scuotere il senso del mondo

«Facendo parte di questo mondo vedi alcune cose, le trasformi dentro te stesso e poi provi a condividerle con altre persone. Il film deve essere personale e onesto. Questo è tutto». Così il grande regista ungherese Béla Tarr ha riassunto il senso del fare cinema durante la masterclass che ha tenuto...

«Republic of silence», dissolvenze sulla soglia della comprensione

«Credo che il cinema documentario non vada d’accordo con i dittatori» afferma Diana El Jeiroudi, regista siriana che ha presentato fuori concorso alla Mostra del cinema di Venezia il film Republic of silence. Gli eventi tragici che hanno caratterizzato l’ultimo decennio in Siria scorrono davanti la camera...

«La mia famiglia, specchio della crisi politica e sociale in Libano»

«Con il suo caos complesso e bellissimo, il Libano è stato di grande ispirazione. Amo il Paese e gli abitanti ma siamo governati da una classe politica criminale» racconta Mounia Akl, giovane regista libanese residente tra Beirut e New York, alla Mostra del cinema di Venezia con il suo primo lungometraggio Costa Brava...

Loup Bureau: «Nei bunker dove si è nascosta la guerra»

Un’esplosione, la terra zampilla, la camera trema. «Dio si è nascosto» dice un soldato al proprio commilitone. Sono alcune delle immagini di Tranchées, in italiano «trincee», il documentario presentato fuori concorso alla Mostra del cinema di Venezia opera del giovane giornalista francese Loup...

Voci e inquietudini fuori campo in un universo tutto femminile

Un motivo stonato risuona mentre scorrono i fotogrammi del film L’incanto di Chiara Caterina, presentato in concorso alla Settimana della critica della Mostra del cinema di Venezia. Ed è proprio come un motivo stonato che potremmo definire il mondo che appare sullo schermo. Vediamo immagini che ci sono assolutamente...



Pagina 5 di 9