Risultati per:

  • Autore: SETTE ANTONELLO
Modifica ricerca

VISIONI/TAGLIO BASSO

UN MUSICAL E UNA POLIZIA AMERICANA EXTRALARGE

SVIZZERA/LOCARNO. La piazza Grande si è riempita di America anni '60 con due film diversissimi eppure con molte cose in comune, Hairspray e Chicago 10. Hairspray di Adam Shankman è la versione cinematografica del musical che ha trionfato a Broadway, a sua volta tratto da Grasso è bello il film diretto da John Waters nel 1988. La storia è ambientata nella...

VISIONI/INTERVISTA

I RECLUSI DEL PARADISO, FRA ZUCCHERO E BARACCHE

SVIZZERA/LOCARNO. Non bisogna lasciarsi trarre in inganno dall'aspetto tranquillo di Claudio Del Punta. Perché gira armato. Porta con sé un'arma ritenuta obsoleta come quella dell'indignazione. Un'arma che sfodera solo in casi di necessità, perché mantiene la calma nonostante il suo film abbia avuto una presentazione stampa quasi da sabotaggio (il sonoro...

VISIONI/BREVE

COME REINSERIRE IN OCCIDENTE CHI è TORTURATO DALL'OCCIDENTE

SVIZZERA/ LOCARNO. Extraordinary Rendition, film in concorso del britannico Jim Threapleton, ha tutte le carte in regola per scuotere le coscienze. Già dal titolo che riprende il nome del programma abominevole con cui i servizi segreti occidentali, Cia in testa, hanno deciso come sia possibile rapire legalmente (?) qualsiasi cittadino sospettato di avere...

VISIONI/TAGLIO BASSO

«1408». PROBABILMENTE FA PIù PAURA IL SILENZIO ESTENSE DEL DIAVOLO A N.Y.

SVIZZERA/LOCARNO.  Mikael Håfström, regista svedese da qualche anno a Hollywood, ha portato in piazza 1408, un horror, a conferma della versatilità di proposte che illuminano il grande schermo capace di attirare (pioggia permettendo) diverse migliaia di persone. Forte di un discreto incasso negli Usa (intorno ai 70 milioni di dollari per un film a basso...

VISIONI/APERTURA

QUANDO LA VITA TI PRENDE A DELIZIOSE TORTE IN FACCIA

LOCARNO. Il cinema è la morte al lavoro 24 fotogrammi al secondo, diceva Godard. Certo che questa edizione di Locarno, che proprio a Godard ha dedicato una sezione con il titolo del suo film Ici et Ailleurs, sembra particolarmente segnato da quella frase che coniugava insieme morte e cinema, seppure intendesse sottolineare il passaggio del tempo....

VISIONI/APERTURA

COMBATTERE PER PRIMEGGIARE O, A PUGNI NUDI, PER MANGIARE

SVIZZERA/LOCARNO. A conferma della grande vivacità che anima il cinema indipendente «made in Usa», è approdato al concorso Joshua, dell'esordiente George Ratliff. Joshua che dà il titolo al film è un ragazzino di nove anni. Felice. Suona il pianoforte da genio, a scuola vorrebbero che saltasse un paio di classi perché è decisamente sopra la media, in...

VISIONI/TAGLIO MEDIO

C'è TARANTINO MA ANCHE MOLTO CORMAN

SVIZZERA/LOCARNO. Con in testa un cappellaccio nero da cowboy, avvinghiato a Rose McGowan, sua nuova compagna e elemento unificante di Grindhouse, Robert Rodriguez è sbarcato per presentare la sua metà del film, Planet Terror, che in Europa dovrà farsi strada da solo, visto che uscirà sganciato da Prova di morte. Ma la presenza dell'altra metà dell'inferno...

VISIONI/APERTURA

SE LA GAMBA è UN'ARMA LETALE

SVIZZERA/LOCARNO. Gli zombi hanno invaso la piazza del festival, portati in massa e con generosità da Robert Rodriguez regista di Planet Terror. In origine il film doveva essere la prima parte di Grindhouse, il double feature a quattro mani realizzato da Robert con il sodale Tarantino. Ma uscito negli Usa in quella versione ha ottenuto risultati inferiori...

VISIONI/TAGLIO MEDIO

RUTELLI, PROMESSE DI LEGGE IN TICINO

SVIZZERA LOCARNO. Il vicepremier e ministro dei Beni culturali Rutelli è arrivato a Locarno su invito del suo collega svizzero Pascal Couchepin, accompagnato da Davide Croff, presidente della Biennale di Venezia e da Irene Bignardi, responsabile di Filmitalia. In mattinata l'incontro tra i due ministri ha portato a un accordo per consentire ai cittadini...

VISIONI/APERTURA

LO SMEMORATO DELLA CIA

ITALIA/LOCARNO. Quando alla Cia si verifica qualcosa di inatteso che richiede una soluzione, la frase non è «abbiamo un problema», bensì «abbiamo una situazione». Questa è la terminologia, almeno a giudicare da The Bourne Ultimatum, terzo episodio della serie tratta da Robert Ludlum, di nuovo diretto da Paul Greengrass, mentre Doug Liman, il regista del...

VISIONI/APERTURA

CASE GIALLE E LISERGICI GIALLI A LOCARNO FEST

ITALIA/LOCARNO.  Il palinsesto di un festival è un invito alla schizofrenia, alla dissociazione geografica, temporale, culturale, linguistica. Può così succedere di essere trasportati per un viaggio nella zona di Los Angeles da un Anthony Hopkins regista quasi psichedelico con Slipstream e subito dopo attraversare invece la zona dei monti Aurès in...

VISIONI/TAGLIO BASSO

DAI CAMPI NAZISTI ALLA PERIFERIA DI LISBONA

SVIZZERA/LOCARNO. Dopo le celebrazioni della festa nazionale svizzera del primo agosto, nel secondo giorno il festival comincia a essere segnato dall’Italia. Con Marco Bellocchio che accompagna il suo prepotente esordio di 42 anni fa, I pugni in tasca, presentato nell’ambito del Retour à Locarno, la rilettura, più che retrospettiva, di titoli e autori che...

VISIONI/APERTURA

2077, UN GIAPPONE DIGITALE ISOLATO DAL RESTO DEL MONDO

SVIZZERA/LOCARNO. Locarno 60 apre all'insegna dell'elaborazione del lutto. La simultanea scomparsa di Bergman e Antonioni ha spostato l'asse dell'interesse cinefilo. Almeno tra gli incontri dei festivalieri. E anche nel palinsesto. Ieri sera infatti, dopo il film d'apertura, Vexille, è stato omaggiato Bergman attraverso la proiezione di Saraband, del 2003....

CULTURA/APERTURA

FRANCO VACCARI, NOMADE CACCIATORE DI IMMAGINI

ITALIA. In Italia il rapporto tra fotografia e concettualità è segnato da due opere memorabili degli anni Settanta: l'Esposizione in tempo reale n. 4 di Franco Vaccari (presentata alla Biennale di Venezia nel 1972) e le Verifiche di Ugo Mulas (esposte a quella del '74, un anno dopo la morte dell'autore). Entrambe centrate sul disvelamento dei...

VISIONI/TAGLIO BASSO

ADRENALINA PER POTER RIMANERE VIVI

ITALIA. Crank è un film che nasce con una quantità spropositata di debiti. Deve molto a un sacco di gente. A cominciare dalla storia che si rifà a un titolo che risale agli anni '50, in originale recita D.O.A. (acronimo che sta per Dead on Arrival, morto in arrivo), in Italia era uscito con il titolo Due ore ancora. Diretto da Rudolph Maté,...

VISIONI/TAGLIO MEDIO

MORTO IL PROTAGONISTA, L'ATTORE ULRICH MüHE

GERMANIA/LIPSIA. L'attore Ulrich Mühe è morto domenica scorsa a Lipsia, per le conseguenze di un tumore allo stomaco. Molto popolare in patria, Ulrich si è imposto all'attenzione internazionale con la sua interpretazione in Le vite degli altri di Florian Henckel von Donnersmark, premiato quest'anno con l'Oscar come miglior film straniero. Nel film Mühe...

SPORT/APERTURA

L'IDEA INTERCAMPUS, IL GIOCO DEL CALCIO SALVATO DAI RAGAZZINI

ITALIA/BRUNICO. Brunico La folla di tifosi si assiepa attorno al campo dove i ragazzi dell'Inter si sono ritrovati dopo le vacanze estive. La società presenta sponsor e iniziative varie. Tra cui l'approdo su Second Life con tanto di tour virtuale della sede di via Durini, mentre a Shanghai è inaugurato l'Interstore, negozio che vende esclusivamente...

VISIONI/TAGLIO BASSO

KILLER CERCASI PER UCCIDERE UN TESTIMONE CHE PARLA

USA. Un attore che ha impazzato a Las Vegas, legato a filo triplo con la mafia, viene in qualche modo costretto a vuotare il sacco e testimoniare. Scelta inevitabile, ma anche rischiosa. Si dice infatti che ci sia una taglia da un milione di dollari per chi dovesse riuscire a stenderlo. E gli aspiranti non mancano. La sua suite esclusiva sul...

VISIONI/TAGLIO BASSO

RAGAZZO BUGIARDO INCONTRA TIPE AL PEPE MOLTO VENDICATIVE

USA. Da tempo c'è la birra senza alcol, il dolcificante senza zucchero, ora capita spesso di trovarsi di fronte a film senza cinema. Un buon esempio di questa tendenza è Il mio ragazzo è un bastardo, italica versione del più cruento originale John Tucker must die. Siamo in un liceo, presunto statunitense, in realtà canadese (questione di costi...

VISIONI/TAGLIO BASSO

IL PERFIDO SORTILEGIO DI HARRY POTTER

GB. La dinastia Potter deve morire. Così almeno ci dicono gli insider. Quelli che conoscono le cose dall'interno. Anche se, di volta in volta, il gossip annuncia che sarà questo o sarà quell'altro a schiattare. Volendo credere alla regina madre J. K. Rowling (325 milioni di copie vendute per 6 romanzi, 6 milioni solo in Italia, con grande...

Supporta il manifesto e l'informazione indipendente

Il manifesto, nato come rivista nel 1969, è sinonimo di testata libera, indipendente e tagliente.
Logo archivio storico del manifesto
L'archivio storico del manifesto è un progetto del manifesto pubblicato gratis su Internet e aperto a tutti.
Vai al manifesto.it