Fuga dalla Cinadi Tienanmen

Sheng Keyi è diventata ben presto nota in Occidente ma è praticamente sconosciuta in Cina. Il suo libro «Fuga di morte» (Fazi editore, pp. 430, euro 18.50) ha riscosso notevole successo fuori dalla Cina, in quanto affronta il tema rimosso da Pechino, di quanto accadde nel 1989. Sheng Keyi lo fa però in un...

«Donne di conforto», la voce ritrovata contro la violenza

Wang Di - la protagonista di Storia della nostra scomparsa, esordio letterario di Jing-Jing Lee (Fazi, pp. 399, euro 17) - partorisce il figlio nato a seguito di uno dei tanti stupri subiti ad opera dei soldati giapponesi, ad agosto. È il mese dei fantasmi, dice a Wang Di una sua amica, a sua volta fantasma, perché uccisa...

«Fase uno» vuol dire tregua. Siglato l’accordo Usa-Cina

A big beatiful monster. Così Donald Trump nelle settimane scorse aveva definito l’accordo di «fase uno» sui dazi siglato ieri a Washington tra Cina e Usa. «Fase uno» è un’espressione che ammanta di significati quella che è a tutti gli effetti una tregua, più che un...

Dibattito dem «bianco» e senza Trump

Il settimo e ultimo dibattito per le primarie democratiche si è svolto proprio a Des Moines in Iowa, dove il 3 febbraio cominceranno le primarie, confermando che la sfida interna al partito potrebbe andare avanti ancora per mesi senza un candidato davvero forte. Nessuno ha davvero vinto o perso, anche se Joe Biden, Elizabeth Warren...

Putin ipoteca il suo futuro, il governo Medvedev si dimette

L’accelerazione imposta ieri da Vladimir Putin agli equilibri politici interni alla Russia non è forse una rivoluzione ma ci somiglia molto. Una rivoluzione dall’alto certo in cui persino l’uscita di scena di un personaggio come Dmitry Medvedev, per 15 anni numero 2 della Federazione e che dal 2008 al 2012 ha...

Bombe turche a Sinjar contro le unità yazide

Ieri nel villaggio di Dugure una bomba ha centrato il veicolo che trasportava il comandante delle Ybs, Zardasht Shingali, e quattro combattenti del gruppo nato nella regione yazida irachena di Sinjar nel 2007. Dopo il 2015 e gli anni di occupazione e genocidio perpetrati dall’Isis, alle Ybs si sono unite le milizie femminili...

Al-Sisi si vendica dell’Erdogan «libico»: raid nell’agenzia Anadolu

Quattro le persone arrestate ieri dalla polizia al Cairo in un raid contro l’agenzia turca Anadolu. Tra di loro, tutti impiegati amministrativi, c’è un cittadino turco. Non si sa dove siano stati portati e con quali accuse: «Non hanno dato spiegazioni», dice a Middle East Eye il vice direttore Metin...

Scontri a Beirut, in frantumi le banche della crisi

Riesplode la protesta in Libano. Dall’Akkar a Tiro passando per Beirut, i manifestanti sono tornati in massa in strada, dopo poco più di un mese in cui la protesta, sebbene non rientrata, si era certamente nei numeri ridimensionata. Le manifestazioni scoppiate il 17 ottobre al grido di kullun, ya’nee kullun (Tutti vuol...

All’Italia solo 364 milioni (ne verseremo 900)

Ora c’è la cifra nero su bianco. La ripartizione del nuovo Fondo europeo di transizione giusta da 7,5 miliardi assegna all’Italia 364 milioni. La cifra è stata resa pubblica dalla commissione nelle tabelle presentate ieri dall’esecutivo comunitario agli ambasciatori.Il saldo per il nostro paese è...

La leader del «Fridays for Future» denuncia il governo Merkel all’Alta Corte

«Sul Clima denunciamo il governo al Tribunale costituzionale di Karlsruhe». Luisa Neubauer, 24 anni, leader del Fridays for Future in Germania, non fa sconti alla cancelliera Angela Merkel troppo poco impegnata nella «svolta verde» pure promessa ufficialmente. Ieri a Berlino ha confermato l’atto politico per...

L’Europa ha il suo Green Deal, un passo avanti per il clima

Il Green Deal europeo ha fatto ieri un importante passo avanti, istituzionale e dal punto di vista del cambiamento progressivo delle mentalità, con l’approvazione del Parlamento europeo a larga maggioranza (482 sì, 136 no e 95 astensioni), persino con qualche miglioramento rispetto al testo proposto dalla Commissione....

Le pensioni di nonni e genitori rendono sostenibile il precariato di figli e nipoti

Il Welfare più arretrato, disfunzionale e ingiusto d’Europa si regge grazie ai pensionati. La crisi sociale acutissima prodotta dal precariato strutturale di massa nell’ultimo trentennio è sostenibile solo grazie all’integrazione al reddito garantita dai genitori e dai nonni che mettono a disposizione...

Classismo a scuola: «Qui l’alta borghesia, lì i figli dei poveri»

«La sede di via Trionfale e il plesso di via Taverna accolgono, infatti, alunni appartenenti a famiglie del ceto medio-alto, mentre il Plesso di via Assarotti, situato nel cuore del quartiere popolare di Monte Mario, accoglie alunni di estrazione sociale medio-bassa e conta, tra gli iscritti, il maggior numero di alunni con...

Calenda contro «il manifesto»: gli operai lo smentiscono

«Caro manifesto, non è che io "ho promesso" un paracadute agli operai Embraco. L’ho varato sotto forma di fondo da 200 milioni. Cancellato da Di Maio. Almeno sugli operai fate giornalismo, non propaganda politica».Non è la prima volta che l’ex ministro Carlo Calenda usa Twitter per attaccare,...

Del Boca: «Noi in missione, a nome di chi e contro chi?»

Ad Angelo Del Boca, lo storico del colonialismo e del fascismo italiano, ricorriamo anche stavolta per capire quello che sta accadendo davvero nella crisi in corso e nel rapporto tra Italia e Libia.Si torna a parlare apertamente, come fosse davvero all’ordine del giorno se non di ore, di «missione italiana in Libia». Il...

Dall’Isis a Erdogan, in campo a Tripoli jihadisti siriani da 2mila dollari al mese

Si chiamano Mahmud Elcarallah, Isam El Carallah e Abdulrezaq El Mahmud, i tre mercenari siriani – membri della milizia «Esercito nazionale siriano» (Ens) costituita dal presidente turco Erdogan – rimasti uccisi nei combattimenti tra le truppe fedeli al premier libico Fayez al-Sarraj appoggiato da Ankara e quelle...

Rohani avverte tutti gli eserciti stranieri: «In Medio Oriente siete in pericolo»

Domani ricomincia il campionato di calcio della Repubblica islamica, interrotto in questi giorni di giorni di lutto nazionale per l’assassinio del generale Qassem Soleimani. Con le tifoserie negli stadi, gli ayatollah sperano di tornare alla normalità. Ma la situazione resta tesa per molteplici motivi: la gravissima crisi...

Di Maio e Conte pacifisti per forza: «In Libia solo per monitorare la pace»

Il ministro Di Maio è inappuntabile nella sua informativa al Senato e poi alla Camera sulla Libia. «L’instabilità minaccia i nostri interessi». Però non ci saranno interventi militari, strada già dimostratasi disastrosa in Medio Oriente: «La conferenza di Berlino è la sola strada...

Dalle liti al voto contrapposto, giallo-rossi sulla mina giustizia

La giustizia li divide da mesi nelle dichiarazioni pubbliche e nelle litigate ai tavoli di maggioranza, ieri pomeriggio i partiti di governo si sono spaccati anche nel voto in parlamento sulla prescrizione. La seconda commissione della camera ha approvato un emendamento dei 5 Stelle che sopprime la proposta di legge di Forza Italia, che a...

Italia viva: «Non sosteniamo nessuno». E Orlando ha un déjà vu

Sul dilemma «preparazione rivoluzionaria o preparazione elettorale?» i compagni della frazione comunista astensionista non avevano dubbi. Contro la «cloaca parlamentare» la sinistra comunista italiana nel 1919 affilava le armi per una politica a favore di un «Fronte di azione comune dal basso di tutti gli...



Pagina 4 di 50