Risultati per:

  • Autore: SABATO ANGIERI
Modifica ricerca

INTERNAZIONALE/TAGLIO MEDIO

Karabakh, Aliyev diserta l’incontro di Granada

ARMENIA/AZERBAIJAN/NAGORNO KARABAKH. Il tanto atteso incontro tra i presidenti di Armenia a Azerbaigian, previsto per oggi a Granada non si terrà. Il capo di stato azero, Ilham Aliyev, ha dichiarato ieri che non si presenterà in Spagna a causa dell’«atmosfera anti-azera» che gli sembra di ravvisare alla vigilia della riunione. Il leader armeno...

INTERNAZIONALE/TAGLIO MEDIO

Kiev «sbarca» in Crimea, la battaglia è mediatica

UCRAINA/CRIMEA. La Crimea resta al centro dei riflettori in Ucraina. Kiev continua con le operazioni eclatanti e ieri ha addirittura inviato una squadra di forze speciali per uno sbarco sulla penisola. La Russia nega la riuscita della missione mentre i servizi segreti militari (Gur) ucraini pubblicano un video nel quale rivendicano che «la Crimea...

INTERNAZIONALE/TAGLIO MEDIO

Il Pentagono ha quasi esaurito i fondi per Kiev

UCRAINA/POLONIA/USA . Il Pentagono è in difficoltà a causa del protrarsi della guerra in Ucraina. In una lettera ufficiale, visionata dai giornalisti di Associated Press, la Difesa statunitense ha chiaramente indicato che i fondi per sostituire le armi inviate a Kiev si stanno esaurendo. Intanto sembra che l’Ucraina sia riuscita a ricucire...

INTERNAZIONALE/APERTURA

Cpi ratificata e armi da Parigi, due schiaffi armeni al Cremlino

ARMENIA/AZERBAIJAN/NAGORNO KARABAKH . Mosca non è mai stata così lontana dall’Armenia nell’ultimo secolo. Ieri il parlamento armeno ha ratificato lo Statuto di Roma sulla Corte Penale Internazionale e ora se il presidente russo Vladimir Putin entrasse nel territorio armeno le autorità locali potrebbero anche arrestarlo. E mentre il governo di...

INTERNAZIONALE/APERTURA

Il Karabakh è un deserto, a Erevan fallisce la protesta

ARMENIA/EREVAN. In una sola settimana il Nagorno-Karabakh è diventata terra di nessuno. I militari azeri pattugliano la regione e fanno bella mostra dei trofei di guerra ritrovati nei magazzini. Intorno a loro, il deserto. Oltre 100mila sfollati dal Nagorno-Karabakh sono fuggiti in Armenia, ormai non resta che una piccola parte dei 120mila...

INTERNAZIONALE/APERTURA

«Prima ci massacrano, poi ci proteggono»

ARMENIA/EREVAN/NAGORNO KARABAKH. «Domani alle 17 in Piazza della Repubblica, contro il governo di Nikol Pashinyan». Per tutto il pomeriggio questo messaggio è riecheggiato da due auto in transito tra le strade del centro di Erevan. Su quella davanti ci sono altoparlanti e bandiere armene, dal tettuccio aperto della seconda spunta un uomo che riprende....

INTERNAZIONALE/APERTURA

Pulizia etnica in Nagorno-Karabakh: «Via tutti»

NAGORNO KARABAKH/GORIS . «Nei prossimi giorni non rimarranno armeni nel Nagorno-Karabakh», ha dichiarato il premier armeno, Nikol Pashinyan, ieri. Alla frontiera l’afflusso di mezzi stipati di persone in fuga da Stepanakert e dagli altri centri dell’Artsakh non si è interrotto per un istante e, anzi, si è verificato...

INTERNAZIONALE/TAGLIO MEDIO

Gas e armamenti, gli affari italiani con l’Azerbaigian di Aliyev

AZERBAIJAN/NAGORNO-KARABAKH/ITALIA. Da quando i media internazionali si sono accorti della crisi umanitaria in Nagorno-Karabakh, si sente alludere ai rapporti tra i Paesi occidentali e l’Azerbaigian. L’Italia ha un ruolo tutt’altro che marginale: è il principale partner commerciale di Baku in Europa e uno dei primi al mondo con un volume di...

REPORTAGE

Tra i profughi che hanno rivisto gli orrori passati

NAGORNO KARABAKH/GORIS. Alcune parole sono come fantasmi pronti a riapparire nei momenti più bui. Per gli armeni costretti a fuggire dal Nagorno-Karabakh queste parole sono «genocidio», «pulizia etnica» e «diaspora». Ieri il numero ufficiale degli sfollati ha superato i 50 mila individui, a questa velocità entro...

INTERNAZIONALE/TAGLIO MEDIO

Baku arresta Vardanyan, ex premier dell’Artsakh

ARMENIA/AZERBAIJAN/NAGORNO KARABAKH . Non si fermano le manifestazioni a Erevan. Anche ieri i cittadini hanno organizzato sit-in, blocchi stradali, e brevi cortei nei pressi dei centri del potere e dei luoghi simbolici della città. Ma il potere di Nikol Pashinyan non sembra in discussione per il momento.Anche perché la comunità internazionale sta...

INTERNAZIONALE/APERTURA

Addio al Karabakh, la fuga è una lunga attesa

NAGORNO KARABAKH/KORNIDZOR. Puzza di frizione bruciata, macchie d’olio e acqua sull’asfalto, vecchie Lada ferme con il cofano aperto al contrario fumante. La strada che dalla dogana armena nei pressi di Lachin si inerpica fino a Kornidzor è popolata di ogni tipo di rottame. Una lunga notte di viaggio tra i checkpoint azeri ha messo a dura prova i...

INTERNAZIONALE/BALCONE

Droni contro droni: i missili del Cremlino fanno due vittime a Odessa

RUSSIA/UCRAINA . Il Mar Nero torna protagonista della guerra in Ucraina. Se da un lato gli attacchi russi continuano a colpire le infrastrutture portuali e i centri di stoccaggio del grano ucraino a Odessa, dall’altro Kiev continua a bersagliare la Crimea e ieri ha annunciato: nell’attacco missilistico alla base navale di Sebastopoli,...

INTERNAZIONALE/APERTURA

Nagorno-Karabakh, i profughi di una tregua fragile e violenta

ARMENIA/NAGORNO KARABAKH/GORIS . «Se vuoi la storia breve allora te la faccio breve: sono nato in Artsakh, a Martakert, 70 anni fa e morirò a Martakert prima di vedere una bandiera azera sventolare sulla mia terra. Amen». Anton non ne può più, intorno a lui diverse donne piangono e urlano e i telefoni squillano in continuazione. Intorno...

INTERNAZIONALE/TAGLIO MEDIO

Caritas: «I civili rischiano di venire massacrati»

ARMENIA/AZERBAIJAN/NAGORNO KARABAKH. Novantotto arresti a Erevan, 200 morti in Nagorno-Karabakh secondo la Caritas e continue manifestazioni di violenza da parte delle truppe azere, ma per il primo ministro armeno «non è necessaria l’evacuazione degli armeni» dalla regione separatista. Al momento, inoltre, all’aeroporto di Stepanakert si...

INTERNAZIONALE/APERTURA

Missili ucraini su Sebastopoli. Dagli Usa armi a lungo raggio

RUSSIA/UCRAINA. Una colonna di fumo nero ha oscurato per tutto il giorno il cielo sopra Sebastopoli dopo che i missili ucraini hanno centrato il quartier generale della flotta russa del Mar Nero. Entrambi i belligeranti hanno confermato subito l’attacco e da Kiev, il portavoce dell’aeronautica, Yuri Ignat, si è detto un dispiaciuto che...

INTERNAZIONALE/TAGLIO BASSO

Nagorno, la tregua fragile. Proteste a Erevan, Pashinyan a rischio

ARMENIA/AZERBAIJAN/NAGORNO KARABAKH . La tregua si rivela fragile nel primo giorno di colloqui a Yevlakh tra i separatisti armeni del Nagorno-Karabakh e l’Azerbaigian. Contrariamente alle aspettative azere la ratifica della resa incondizionata degli armeni non è avvenuta e, al contrario, diversi episodi di violenza hanno segnato una giornata incerta.SECONDO il...

INTERNAZIONALE/TAGLIO BASSO

Pioggia di missili e droni nella Giornata internazionale della pace

RUSSIA/UCRAINA/CRIMEA. Poco dopo il discorso all’Onu in cui Zelensky definiva la Russia uno «stato terrorista», l’Ucraina è stata investita da una pioggia di missili e droni. Almeno 5 i morti e decine i feriti in quella che era anche la Giornata internazionale della Pace, triste ricorrenza anche quest’anno.Quello di ieri...

INTERNAZIONALE/APERTURA

In Nagorno-Karabakh la resa dei separatisti armeni chiude i giochi

ARMENIA/AZERBAIJAN/NAGORNO KARABAKH. È la fine di un’epoca in Nagorno-Karabakh. Da oggi, per la prima volta dalla dissoluzione dell’Unione Sovietica, la regione separatista azera a maggioranza etnica armena passerà sotto il totale controllo dell’Azerbaigian. È bastato un solo giorno di «operazione anti-terrorismo» da parte...

INTERNAZIONALE/TAGLIO MEDIO

Contro Mosca anche in Africa. Kiev non conferma e non smentisce

UCRAINA/AFRICA . La chiamano la strategia del Mossad. Colpire il nemico dovunque e in modo eclatante. E secondo la Cnn l’Ucraina potrebbe aver deciso di adottare questa tattica contro i russi n Africa. L’emittente statunitense sostiene infatti che le forze speciali ucraine sarebbero responsabili di una serie di attacchi e sabotaggi...

INTERNAZIONALE/

Armi per Kiev allo sbaraglio. L’allarme del Pentagono

UCRAINA/USA . Il Pentagono è preoccupato della sorte delle armi statunitensi in Ucraina. In un rapporto pubblicato la settimana scorsa, infatti, la Difesa Usa ha lanciato l’allarme sull’insicurezza che aleggia intorno alle massicce forniture belliche che Washington sta facendo approdare nell’Est dell’Europa. I funzionari...

Supporta il manifesto e l'informazione indipendente

Il manifesto, nato come rivista nel 1969, è sinonimo di testata libera, indipendente e tagliente.
Logo archivio storico del manifesto
L'archivio storico del manifesto è un progetto del manifesto pubblicato gratis su Internet e aperto a tutti.
Vai al manifesto.it