Risultati per:

  • Autore: MARCO BOCCITTO
Modifica ricerca

INTERNAZIONALE/APERTURA

Golpe in Sudan, i militari si riprendono tutto il potere

SUDAN. Un nuovo colpo di mano dei militari scuote il Sudan e agita le cancellerie mondiali, con particolari preoccupazioni per quel che ora potrà accadere nelle strade, oltre che nei palazzi del potere, con l’azzeramento della componente civile del governo di transizione nato due anni fa, dopo la destituzione di Omar al Bashir. Ieri...

INTERNAZIONALE/TAGLIO BASSO

In attesa dei mercenari, il Mali si riarma con l’aiuto di Mosca

MALI/RUSSIA/FRANCIA . Non è ancora lo sbarco dei mercenari russi, oggetto di specifico anatema francese, ma poco ci manca. Il cargo giunto giovedì da Mosca con quattro elicotteri da combattimento e altre forniture militari destinate all’esercito di Bamako, è frutto in parte di un contratto di acquisto siglato lo scorso dicembre - ha...

INTERNAZIONALE/TAGLIO BASSO

Oltre 200 i morti, torna lo spettro «terza forza»

SUDAFRICA. Oltre 200 morti, un numero imprecisato di feriti, più di 2 mila arresti, danni ingenti alle infrastrutture e ai rapporti già tesi tra le comunità locali, l’autostrada N3 che unisce il porto di Durban al Gauteng, cuore dell’economia sudafricana, interrotta per giorni; e il governo che ricorre...

INTERNAZIONALE/APERTURA

La guerra nel Sahel punta forte sul Niger

MALI/NIGER/FRANCIA. Con la «rimodulazione» dell’impegno militare della Francia e dei suoi alleati nel Sahel, confermata al termine del recente summit con i paesi del G5 Sahel, la regia di tutte le operazioni a guida francese nella regione saluta ufficialmente il Mali e prende la via del Niger. Ma il conflitto permanente con le diverse...

INTERNAZIONALE/TAGLIO BASSO

Zuma alla fine ci ripensa e si consegna. «Sarà trattato come gli altri prigionieri»

SUDAFRICA. Fatto inedito e per certi versi inaudito in Sudafrica, dove da ieri l'ex presidente Jacob Zuma è entrato ufficialmente a far parte della popolazione carceraria nazionale, la seconda più popolosa al mondo, dopo gli Usa, in rapporto al numero di abitanti. Zuma si è consegnato alla polizia nella tarda serata di...

INTERNAZIONALE/TAGLIO MEDIO

Il gendarme africano preferito della Francia

CIAD. Gli è stata fatale l’ultima di tante battaglie. Molte le aveva condotte e vinte avendo le spalle coperte dalla Francia, altre Idriss Déby Itno le ha combattute al fianco e per conto di Parigi. Che perde con lui un bastione di fedeltà irripetibile, che neanche la bruciante eliminazione dell’amico Gheddafi...

INTERNAZIONALE/APERTURA

Anche il magistrato del caso Attanasio vittima di fuoco amico

REPUBBLICA DEMOCRATICA CONGO/NORD KIVU. La modalità con cui sarebbe avvenuto nel Nord Kivu l’agguato che è costato la vita a uno dei magistrati congolesi impegnati nelle indagini sulla morte dell'ambasciatore Attanasio racconta come la presenza delle Forze armate della Repubblica democratica del Congo nella regione sia per le popolazioni locali parte del...

INTERNAZIONALE/APERTURA

Per l’ambasciatore avanza l’ipotesi «fuoco amico»

REPUBBLICA DEMOCRATICA CONGO/GOMA/ITALIA. I primi esiti dell’autopsia eseguita ieri al Gemelli su disposizione della Procura di Roma escluderebbero l’«esecuzione» di cui parla la ricostruzione ufficiale delle autorità congolesi. Per l’uccisione dell’ambasciatore Luca Attanasio e del carabiniere Vittorio Iacovacci, avvenuta lunedì...

INTERNAZIONALE/APERTURA

Attanasio, la verità di Kinshasa e quella dei ribelli ruandesi

REPUBBLICA DEMOCRATICA CONGO/GOMA/ITALIA. Il giorno dopo l’agguato nel nord-est della Repubblica democratica del Congo in cui hanno perso la vita l’ambasciatore Luca Attanasio e il carabiniere Vittorio Iacovacci, insieme al loro autista Mustapha Milambo, il ricordo di chi conosceva le vittime, le bandiere a mezz’asta, lo stringersi intorno alle famiglie ha fatto...

INTERNAZIONALE/APERTURA

Congo amaro per l'Italia

REPUBBLICA DEMOCRATICA CONGO/GOMA/ITALIA. A tante morti quotidiane che non fanno notizia, la cronaca del nord-est della Repubblica democratica del Congo ne aggiunge tre che nella mattinata di ieri sono rimbalzate drammaticamente in Italia. Il nostro ambasciatore Luca Attanasio, 43 anni, è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco nella provincia del Nord-Kivu insieme al...

INTERNAZIONALE/TAGLIO BASSO

In Sudan tornano gli assalti ai forni, stato di emergenza in sette province

SUDAN. In Sudan sembra di essere tornati ai mesi che avevano preceduto la caduta e l’arresto di Omar al Bashir. Ma a parti rovesciate, perché è il governo di oggi - faticosa espressione del compromesso raggiunto tra "civili" e militari ai fini di una transizione dai contorni ancora indefinibili - ad accusare i sostenitori...

INTERNAZIONALE/TAGLIO MEDIO

Caso Bobi Wine, l’ambasciatrice tenta invano di forzare l’assedio

UGUANDA/USA. In questo periodo le istituzioni statunitensi sembrano avere un rapporto difficile con i processi elettorali, ovunque si svolgano. Prendiamo le presidenziali dello scorso 14 gennaio in Uganda, dopo una campagna elettorale funestata da scontri, spargimenti di sangue, fake news bipartisan e l’oscuramento finale dei social network da...

INTERNAZIONALE/TAGLIO BASSO

Lo sfidante Bobi Wine: «Temo per la mia vita»

UGANDA. Dopo una campagna elettorale costata decine di vite umane, con i social silenziati a 48 ore da un voto che si è svolto giovedì scorso senza osservatori internazionali perché tanto i dubbi espressi in passato sulla legittimità del processo elettorale sono caduti nel vuoto, Yoweri Museveni è vicino alla...

INTERNAZIONALE/TAGLIO BASSO

Ruanda e Russia corrono in aiuto del governo. Arginata l’avanzata dei ribelli

REPUBBLICA CENTRAFRICANA. A pochi giorni dalle elezioni presidenziali del 27 torna critica la situazione nella Repubblica Centrafricana. E oltre al deja-vù locale dello scontro su base etno-religiosa che pulsa alla base delle violenze e della lotta per il potere, stavolta si registra l’intervento diretto del Ruanda e quello non è ben chiaro...

INTERNAZIONALE/TAGLIO MEDIO

La «guerra lampo» del Tigrayva per le lunghe e si estende

ETIOPIA/TIGRAY. Dodicesimo giorno di combattimenti nel Tigray tra l’esercito federale etiope appoggiato dalle milizie regionali amhariche da una parte e le forze speciali del Fronte popolare di liberazione del Tigray (Tplf) dall’altra. Con denunce di crimini di guerra incrociate, raid aerei dell'aviazione etiope e razzi che dal sul territorio...

INTERNAZIONALE/TAGLIO MEDIO

Ahmed spinge sull’acceleratore. La vittoria è «a portata di mano»

ETIOPIA/TIGRAY. Nessuna tregua in vista nel nord dell’Etiopia, a una settimana dall’inizio dei combattimenti tra l’esercito federale e le forze speciali del Fronte popolare di liberazione del Tigray. Con la perdurante impossibilità di verificare le poche informazioni che filtrano dallo stato maggiore e dal governo etiope. Secondo...

INTERNAZIONALE/APERTURA

Etiopia, il Nobel per la pace Ahmed va alla guerra

ETIOPIA/TIGRAY . I colpi di artiglieria pesante che ieri mattina risuonavano al confine tra l’Amhara e il Tigray, nel nord dell’Etiopia, hanno fatto eco alle dichiarazioni rese in tv la sera prima dal primo ministro etiope Abiy Ahmed, secondo il quale l’operazione militare avviata mercoledì contro le forze del Fronte popolare di...

INTERNAZIONALE/COMMENTO

Tutti contenti, tranne i civili presi tra più fuochi

MALI/SHAEL. La liberazione degli ostaggi nelle mani dei jihadisti di Iyad Ghali sembra figlia della classica intesa win-win. Gioiscono per primi i quattro ostaggi con rispettive famiglie (e noi con loro). Sullo sfondo intanto ognuno canta la sua vittoria: la giunta militare che ha preso il potere da meno di due mesi, per la ciliegina sul governo di...

INTERNAZIONALE/TAGLIO BASSO

I militari non mollano. E rendono omaggio al grande ex Traoré

MALI/BAMAKO. Nell’ultimo incontro stampa la giunta militare che lo scorso 18 agosto ha dimissionato il presidente Ibrahim Boubacar Keita, assumendo pieni poteri in Mali ha certificato la già nota posizione degli ufficiali riuniti nel Consiglio nazionale per la salvezza del popolo: favorevoli a una transizione guidata dai... militari. Lo...

INTERNAZIONALE/COMMENTO

La nostalgia canaglia per il Libano

LIBANO/FRANCIA . «Fairouz al mattino, Oum Khaltoum la notte», così le due voci pan-arabe per eccellenza si dividono plasticamente l’alternanza del tempo quotidiano e con esso l’amore di milioni di persone in ascolto. Solo che se la grande cantante egiziana è scomparsa nel 1975, Fairouz, 86 anni il prossimo novembre,...

Supporta il manifesto e l'informazione indipendente

Il manifesto, nato come rivista nel 1969, è sinonimo di testata libera, indipendente e tagliente.
Logo archivio storico del manifesto
L'archivio storico del manifesto è un progetto del manifesto pubblicato gratis su Internet e aperto a tutti.
Vai al manifesto.it