Risultati per:

  • Autore: LUCA PAKAROV
Modifica ricerca

VISIONI/TAGLIO MEDIO

Le scene del punk: Italia-Inghilterra 1977-1984

ITALIA. Storicizzare il punk potrebbe far storcere il naso a chi lo percepisce, almeno simbolicamente, come un fenomeno in divenire. E non poche volte capita di ascoltare oggigiorno: questo è punk. Con conseguente delusione. Ma appunto inquadrarlo diventa un’operazione non facile proprio per le tante variabili, per la mole di...

VISIONI/BREVE

Sulle strade di Tokyo a tutto glam e melodia

ITALIA. La politica delle recensioni, almeno per il sottoscritto, è quella di non stroncare i dischi di esordienti. Ma i The Yellow non sono esordienti. Iniziano il loro album Streets of Tokyo con due brani che danno speranza, per l’attacco potente di 2gether e per la melodia di Across the sky. Cantato tutto in inglese, cominciano...

VISIONI/BREVE

Beat e dintorni nella Milano di Max Penombra

ITALIA/MILANO. Se qualcuno là fuori ancora ha difficoltà ad avvicinarsi al rap, questo disco può essere il giusto medium, in quanto è un ibrido di rap e rock. Nel primo album di Max Penombra feat Visioni di Cody (rapper più gruppo), c’è una rappresentazione del mondo disincantata che si muove dalla...

VISIONI/BREVE

Per colazione synth anni ’80e cupa ironia

ITALIA. Giovanni Succi a due anni da Con ghiaccio – l’ottimo esordio da solista - ritorna passando dai drink alla Carne cruda a colazione. Vige ancora la scrittura ribelle ma meno ironica e più cupa, d’altronde l’artista è questo, con l’album che risulta più diversificato nei suoni, con arie pop...

VISIONI

Accustica e malinconica Missincat

ITALIA. Un album interamente in italiano deve significare qualcosa per un’artista con il baricentro nella scena internazionale come Caterina Barbieri, alias Missincat. E in effetti le nove tracce di questo nuovo progetto discografico, producono decisamente un certo straniamento per chi conosce i suoi precedenti lavori, dove voce e...

VISIONI/APERTURA

Malinconiche architetture costruite sul silenzio

ITALIA. Giovane talento che a ogni nuovo lavoro riesce a ratificare l’interessamento e lo stupore , il chitarrista Paolo Spaccamonti pubblica il 20 settembre Volume quattro (Escape From Today/Dunque). Il suo ultimo disco solista del 2015 si intitolava Rumors, prima c’è stato Buone notizie del 2011 e Undici pezzi facili del...

CULTURA/TAGLIO BASSO

Se la nuova Milano è un romanzo che cresce al ritmo della musica trap

ITALIA. La quotidiana tempesta di segni e messaggi ci ricolloca in scenari fisici ed emotivi continuamente differenti. Percepiamo, quando ogni azione estetica o conversazione, possiedono un comune denominatore intellegibile, ma difficile diventa scovare ciò che fa dialogare certi noumeni con ognuno di noi. ALLORA compito dello scrittore...

VISIONI/TAGLIO BASSO

Quella scena rap che si nutre di cantautorato

ITALIA. Esiste una scena rap che si nutre di cantautorato e viceversa, una linea d’ombra dalle sonorità e dai testi che si prestano alle evoluzioni musicali degli ultimi anni, restando però con i piedi nel paese dalla lunga storia di chansonnier. Spesso sono artisti liberi dai ritmi maniacali della produzione ma che si...

VISIONI/BREVE

Machete 4, gli stati generali della crew italiana

ITALIA. L’appuntamento dopo anni di attesa con Machete Mixtape è arrivato, con una quarta edizione che raccoglie il meglio dell’hip hop italiano, celebrando certo la crew indipendente omonima, la sua scuderia, ma anche chi ha ispirato l’ascesa di questa banda di sconosciuti sardi che, una volta trasferitasi a Milano,...

VISIONI/BREVE

Chitarre noise dentro la grande cattedrale

ITALIA. Non è mai un album facile quando ci si avvicina all’underground più denso, figurarsi quando a pubblicarlo è il francese Amaury Cambuzat, già leader degli Ulan Bator e chitarrista di una delle band cifra dal kroutrock come i Faust. I Feel Like A Bombed Cathedral è il nome del suo ultimo progetto...

VISIONI/TAGLIO BASSO

Nel ritmo forsennato dei «flussi di coscienza»

ITALIA. «Nata donna mi ritrovo ad arrancare per restare solo al passo coi maschietti», è uno dei versi di Se nascevo femmina il brano che dà il titolo all’ultimo album di Ilaria Viola (Goodfellas/Lapidarie Incisioni). Cantautrice difficile da definire perché usa il ritmo forsennato del flusso di coscienza...

VISIONI/BREVE

Oscure profezie e partiture elettroniche

USA. È un disco che sembra consigliare il suo ascolto durante una notte di metà settimana, in cui si guida attraverso le luci e le ombre di una metropoli, oppure davanti a panorami mozzafiato di un viaggio in solitaria. Oui! The north è il nome della band composta dal duo multistrumentale Marco Patrimonio e Marco Vincenzi...

VISIONI/BREVE

Dalla via Emilia al Texas, codici omologati

USA/ITALIA/EMILIA. Il gusto americano, il western e la chitarra elettrica sono il filo conduttore del nuovo disco di Cisco Indiani & cowboy, e capiamo subito che l’Emilia può assomigliare un po’ al Texas, dove l’autore è andato a cercare ispirazione. Già dal secondo brano Siete tristi, Cisco ci presenta il quadro...

VISIONI/BREVE

Canzoni nude sulle ali del tempo

ITALIA. Per approcciare i Leda c’è da partire dalla voce: Serena Abrami ha avuto una traiettoria che va dal quarto posto a Sanremo giovani nel 2011 con un brano scritto da Niccolò Fabi, alle collaborazioni con Fossati o Gazzè. Una storia di cantautorato che ora confluisce nella più classica delle formazioni:...

VISIONI/TAGLIO BASSO

Una zona franca di giochi e musica per sperimentare «la società ideale»

ITALIA. Meno concettuali della musica contemporanea ma più viscerali, tornano dopo quattro anni gli OoopopoiooO, ovvero Vincenzo Vasi e Valeria Sturba. Elettromagnetistmo e Libertà è un titolo già di suo impegnativo, con i suoni di theremin, ukulele, violino o che escono da giocattoli fino a raggiungere una dimensione...

VISIONI/APERTURA

Attitudine punk contro il disagio ai tempi della Brexit

GB/LIVERPOOL. Quando si vuole sottendere l’attitudine punk - al di fuori di chitarra, basso e batteria - si pensa all’impatto di un suono sporco, alla detonazione del messaggio, a quell’arrangiarsi del do it your self che capta il sentire comune di ribellione. I Prodigy sono stati i punk più rilevanti dell’epoca...

VISIONI/BREVE

Teddy Beare quel flusso di coscienza

ITALIA. Ogni nuovo inizio comprende l’abbandono e Side Baby si lascia alle spalle le controversie della Dark Polo Gang che aveva fondato e del vecchio pseudonimo, Dark Side. Già con il titolo dell’album Arturo, come il suo nome di battesimo, c’è il riappropriarsi della propria individualità e, forse, anche...

VISIONI/BREVE

Il «marchio» dei ragazzi con il passamontagna

ITALIA. Sick Tamburo forse vorrebbero lasciarsi alle spalle il marchio ex-Prozac+ e di quel manifesto di fine anni ’90 che è rimasto nel cuore di almeno un paio di generazioni (festeggiati l’anno passato i 20 anni di Acido Acida). Gian Maria Accusani ed Elisabetta Imelio producono album con un ritmo invidiabile, ogni due anni,...

VISIONI/TAGLIO MEDIO

La Batteria e le musiche senza parole, dal bianco e nero al colore

ITALIA. Un prog funk che riecheggia dalle atmosfere movie come nel precedente album ma con più tradizione hard rock e synth italiana nelle vene. La Batteria II va controcorrente sia con i 18 brani su due vinili, sia per i quattro compositori e arrangiatori della band, come a mettere nero su bianco un’operazione dal sapore...

CULTURA/TAGLIO BASSO

Veneziani, quelle notti insonni che prendono fuoco con l’eroina

ITALIA. Il 24 marzo Ferlinghetti compirà cento anni, l’ultimo poeta della Beat Generation. Il corrispettivo italiano è certamente Antonio Veneziani, voce della scuola romana di poesia, quella di Pasolini e Amelia Rosselli. Per Hacca è uscita la terza edizione ampliata di Brown Sugar, sottotitolo Strade di polvere (pp....

Supporta il manifesto e l'informazione indipendente

Il manifesto, nato come rivista nel 1969, è sinonimo di testata libera, indipendente e tagliente.
Logo archivio storico del manifesto
L'archivio storico del manifesto è un progetto del manifesto pubblicato gratis su Internet e aperto a tutti.
Vai al manifesto.it