Risultati per:

  • Autore: VALERIO CORZANI
Modifica ricerca

MEDIA & SPORT/APERTURA

UNA TRAMONTANA TUTTA JAZZ

ISLANDA/REYKJAVIK. «Vivete in una terra così incredibile e immaginifica che nessuno meglio di voi può comprendere quanto sia importante un senso come la vista»: Django Bates ha toccato, anche a parole, le corde giuste e ha introdotto così la sua versione di Star Eyes nella piccola sala della Culture House di Reykjavik. Circondati da volumi sulle saghe...

CULTURA & VISIONI/APERTURA

DANUBIO TUTTO ROCK ALLO SZIGET FESTIVAL

UNGHERIA/BUDAPEST. La Repubblica Autonoma dello Sziget Festival si è ufficiosamente costituita. Raggiunta la maggiore età, il mastodontico appuntamento magiaro ha assunto sempre più i contorni di quella che Hakim Bay definirebbe T.A.Z. (Temporary A... Zone). I numeri ci sono da tempo: con i suoi quasi cinquecentomila frequentatori l'isola di Obuda conta per...

CULTURA & VISIONI/APERTURA

NEL MUSEO ORIENTALE, IL SITAR DI SHUJAAT HUSSAIN KHAN

ITALIA/TORINO. Ascoltare un duo composto da sitar e tabla all'interno del Museo d'arte orientale di Torino è un po' come entrare in un trip di suggestioni e rifrangenze culturali. Le opere esposte nel museo e i suoni evocati dal maestro indiano Ustad Shujaat Hussain Khan rimbalzano, anche involontariamente, una rete di connessioni e matrici che...

CULTURA & VISIONI/TAGLIO BASSO

IL FALSETTO EXTRATERRESTRE DI JòNSI SI INVOLA FRA PECCATO E REDENZIONE

ITALIA/ROMA. Tempi duri per gli algidi. Uno sente il concerto delle Cocorosie e prende atto della svolta groovy delle loro canzoni. Poi ascolta il singolo del primo album solista di Jònsi, già front man dei Sigùr Ros, e si chiede dove siano finite le soavi e felpate cellule canzonettistiche che facevano da imprinting al suono del gruppo. Che l'onda...

CULTURA & VISIONI/APERTURA

LA SFIDA ETNO FOLK RISUONA FRA I FIORDI

NOEVEGIA/VASSENDEN. Quando il London Uyghur Ensemble inizia a suonare poco prima della mezzanotte allo Jølstramuseet di Vassenden (praticamente un antico villaggio rurale trasformato in museo) è ancora giorno pieno e la sensazione è che la notte non abbia nessuna fretta di arrivare. L'ensemble è una colonia mista di immigrati londinesi della comunità uigura,...

CULTURA & VISIONI/APERTURA

MAROCCO FREAK, RAP E ILLUMINATO

MAROCCO/ESSAOUIRA. Strano destino quello di Essaouira. Una cittadina che di giorno rimbalza e rifrange centinaia di colori, deve la sua notorietà planetaria a un rituale notturno. A svelare Mogador (come la chiamavano gli spagnoli) non bastano le sue gallerie d'arte, i suoi hammam, il suo suq speziato, il suo porticciolo che ogni mattina celebra il teatrino...

CULTURA & VISIONI/BALCONE

IL PALADINO DEL NU FOLK CHE ADORA GLI '80

ITALIA/ROMA. Alla fine è arrivata anche la pioggia e il rito freak preparato da Devendra Banhart e i suoi compari a Villa Ada a Roma ha avuto il suo battesimo liquido. Mille, millecinquecento persone per seguire la seconda serata di Roma Incontra il Mondo per il concerto dell'artista americano. Il suo ultimo disco What Will Be è il primo licenziato da...

CULTURA & VISIONI/TAGLIO MEDIO

SE IL CHITARRISTA MARC RIBOT SUONA IL «BARATRO»

ITALIA/ROMA. Marc Ribot, quando suona, sembra sempre sull'orlo del baratro. Ci sono dettagli scenici - modi di fare sul palco, apparenti indecisioni nello sguardo, un mulinare incerto alla ricerca di spartiti, volumi dei pedalini, microfoni... - e ci sono dettagli musicali che ne certificano l'apparente disagio, lo stato di pericolo immanente....

CULTURA & VISIONI/TAGLIO MEDIO

UNIVERSO ELETTRONICO FRA TORMENTO E ESTASI

ITALIA/ROMA. Scricchiolii ossessivi e piccoli tuoni, un ronzio industriale e qualche flusso liquido tra mille voragini di luce. Il disegno digitale che si fa corpo, il corpo che si confonde con il linguaggio alfanumerico. Uno spettacolo, una «installazione teatrale» che declina una poetica visione del rapporto uomo-macchina. È arrivata con la...

CULTURA & VISIONI/APERTURA

BABEL MED, SUGGESTIONI ETNO

FRANCIA/MARSIGLIA. Per qualcuno Marsiglia è solo l'estrema propaggine-sud della Provenza, per altri è soprattutto una porta del Mediterraneo, la porta d'ingresso francese di pulsioni algerine, corse, tunisine, catalane, campane, subsahariane, caraibiche... Gli ideatori del Babel Med hanno fatto da sei anni a questa parte la loro scelta di campo. Il...

CULTURA & VISIONI/TAGLIO BASSO

LE NUVOLETTE CAPOVOLTE DEL RIGOROSO REIJSEGER

ITALIA/ROMA. C'è una scena del film The Wild Blue Yonder di Werner Herzog in cui un sommozzatore cammina sul ghiaccio, ma siccome è in immersione e il ghiaccio è quello che ricopre la superficie del mare, in realtà sta camminando a testa in giù. È una scena che è stata proiettata anche martedì sera all'Auditorium, una delle più estasianti e magiche...

CULTURA & VISIONI/TAGLIO BASSO

UNA MUSICA PSICHEDELICA PER TRIP DA CONSUMARSI IN TUTTA FRETTA

ROMA. Ascolti gli Air ad occhi aperti e pensi a una decapottabile che sfreccia sulla Costa Azzurra, se li chiudi ti viene incontro una pioggia psichedelica. La magia del duo francese formato da Jean Benoit Dunckel e Nicolas Godin è tutta qui. Non è poco naturalmente. Trovare un suono fascinoso e inconfondibile, legarlo a qualche soluzione...

CULTURA & VISIONI/TAGLIO MEDIO

LO SWING ELETTRONICO CHE RACCONTA LA GUERRA

SPAGNA/BARCELLONA. Matthew Herbert è un tipo bizzarro: scrive un rigoroso e serioso manifesto stile Dogma per mettere in chiaro alcune regole sul modo di usare l'elettronica e poi applica i dettami di quel manifesto a progetti divertiti e divertenti come quello che risponde al nome Matthew Herbert Big Band; inscena frizzanti e ridanciane gag sul palco...

CULTURA & VISIONI/APERTURA

LA RAPSODIA SZIGET SUL DANUBIO BLU

UNGHERIA/BUDAPEST. Ora che Fatboy Slim ha riposto il suo djset, ora che i Placebo, i Klaxons, gli Editors sono tornati con lui in Inghilterra, ora che gli Haydamaky e il loro turbofolk ucraino hanno riavviato il proprio bus colorato verso altri lidi, ora che il plotoncino di musicisti rom ha dismesso la tensostruttura a loro dedicata e perfino la compagnia...

CULTURA & VISIONI/TAGLIO BASSO

AL VIA MARTEDì LA WOODSTOCK SUL DANUBIO E IL ROCK FA A PUGNI COL RAZZISMO

UNGHERIA/BUDAPEST. Il Sziget di Budapest è un festival che è stato più volte definito «la Woodstock sul Danubio» e che per dimensioni, cast, location e atmosfera si è rivelato in effetti uno dei più credibili eredi dell'epocale raduno rock di cui si festeggia quest'anno il quarantennale. Giunta alla sua diciassettesima edizione la kermesse ungherese non...

CULTURA & VISIONI/TAGLIO MEDIO

DISTANT HEAT, QUANDO LA CLUB PEOPLE SI SCATENA NELLA SABBIA DEL DESERTO

GIORDANIA. Ce ne sono altre di kermesse nel deserto, alcune delle quali molto note e celebrate come il Burning Man che si tiene ai primi di settembre in Nevada o Le Festival du Désert che si accende a gennaio nelle dune di sabbia di Essakane, in Mali. Distant Heat con i suoi sette anni di storia e la sua location formidabile si pone sulla scia di...

CULTURA & VISIONI/TAGLIO BASSO

ITALIA WAVE LOVE FESTIVAL, LA MUSICA SCENDE IN PIAZZA

ITALIA/GORGONA (LIVORNO). Italia Wave Love Festival è un rock festival sui generis. Anche prima di cambiare nome e location, quando si chiamava Arezzo Wave e non aveva ancora compiuto la maggiore età (l'edizione 2009 sarà la ventitreesima...), è sempre stata una kermesse che ha dato spazio non solo a una musica ma alle musiche, non solo alle star ma anche agli...

CULTURA & VISIONI/TAGLIO MEDIO

IL NEO-FADO DI MARIZA PORTA I TACCHI A SPILLO

ITALIA/ROMA. Mariza entra ondeggiando su due tacchi altissimi, coperti da una gonna nera. Sembra una figura antica, una statua di sale, cui i cortissimi capelli platino donano un surplus di staticità. Il palco dell'auditorium è scarno e spazioso. I musicisti usano tutti le earphones, non hanno altro che il proprio strumento: una guitarra portuguesa,...

CULTURA & VISIONI/TAGLIO MEDIO

SUONI E POESIA. MUSICULTURA SI CELEBRA COSÌ

ITALIA/MACERATA. «Il viaggio più grande è l'evoluzione della consapevolezza» dice Donovan nell'Aula Magna dell'Università di Macerata e per un attimo il suo profilo da folletto inquieto si toglie le rughe di dosso.Donovan non ha perso la sua vena. Né quella di musicista, né quella di poeta, né quella di portavoce di una generazione legata al sogno di un...

CULTURA & VISIONI/TAGLIO MEDIO

LA DIFFERENZA IN MUSICA è UN TOCCASANA ETICO

FRANCIA/MARSIGLIA. È come se uno sciamano avesse usato Over The Rainbow per i suoi dilatati rituali. Come se le onde placide dell'Oceano Indiano avessero per una notte scrosciato sulla battigia dei Docks di Marsiglia. Una trance ammaliante e solare quella delle Deba, ensemble tutto al femminile, portavoce di un rituale sufi dell'Isola Mayotte,...

Supporta il manifesto e l'informazione indipendente

Il manifesto, nato come rivista nel 1969, è sinonimo di testata libera, indipendente e tagliente.
Logo archivio storico del manifesto
L'archivio storico del manifesto è un progetto del manifesto pubblicato gratis su Internet e aperto a tutti.
Vai al manifesto.it