Risultati per:

  • Autore: PATRIZIO GONNELLA
Modifica ricerca

COMMUNITY/OPINIONI

Non serve costruire nuove carceri

ITALIA. Chiunque abbia a cuore la legalità costituzionale dovrebbe chiedere a gran voce che le carceri non si riempiano oltre la capienza regolamentare, a prescindere dall’emergenza sanitaria in corso. Ovviamente i rischi di diffusione del Covid, con il tasso di imprevedibilità che tale malattia porta con sé, rendono...

COMMENTO

Nel sovraffollamento corrono i contagi. Come fermarli

ITALIA. Se c’è un luogo in conflitto ontologico con il Covid, esso è il carcere. A chiunque affermi che sia il posto più sicuro rispetto al rischio di contrarre il virus, suggerirei una passeggiata nel carcere di Brescia, che ha il doppio dei detenuti rispetto alla capienza regolamentare. O per i corridoi...

CULTURA/TAGLIO BASSO

Quattro parole chiave per disegnare un’idea di giustizia

. La questione della pena, per sua natura complessa, va sottratta a scontati stereotipi interpretativi. Reato e pena vanno indagati senza le certezze apodittiche di chi confonde il reato con il reo e la pena con la vendetta. Per comprendere fino in fondo l’antropologia del crimine e del carcere è necessario investire nel...

COMMENTO

Carcere, Jhonny era un rapper non un numero

ITALIA/SCAFATI (SALERNO). La pena è una sanzione, ma come ci raccontano i dizionari, è anche sinonimo di sofferenza. Una sofferenza che ha portato il povero Jhonny Cirillo, giovane rapper venticinquenne di Scafati, a suicidarsi nel carcere di Salerno. Jhonny è uno dei 34 detenuti suicida dall’inizio dell’anno.Una percentuale...

COMMENTO

Tortura e spirito di corpo, i nostri orrori

ITALIA/PIACENZA. La tortura esiste, e fortunatamente da qualche anno vi è anche un reato che la punisce. I fatti di Piacenza e Torino ci dicono tanto di una sotto-cultura diffusa fondata su tre pilastri: spirito di corpo, violenza e corruzione morale. Quanto accaduto nella caserma dei Carabinieri a Piacenza e nel carcere di Torino evidenzia anche...

INTERNAZIONALE/COMMENTO

Qui la legge non è uguale per tutti. Come il coronavirus

USA /ITALIA . Se sei nero, ispanico o detenuto il virus è meno clemente. Negli Stati uniti il coronavirus, al pari della possibilità di essere fermati, arrestati, incarcerati, colpisce in modo profondamente diseguale gli americani a seconda dell’origine etnica e del colore della pelle. In base ai dati forniti dai Centers for Disease...

COMMENTO

L’art. 27 al centro della Relazione di Mauro Palma

ITALIA/ROMA. Una boccata d’ossigeno in un ambiente denso di nubi, alcune potenzialmente tossiche. La Relazione annuale del Garante nazionale delle persone private della libertà è stata presentata simbolicamente in un’aula dell’Università Roma Tre.Una scelta, quella dell’università, per evocare quanto...

COMMENTO

Quando lo Stato rompe il muro istituzionale

ITALIA/SANTA MARIA CAPUA VETERE. Non c’è mai da esultare quando parte un’inchiesta penale, anche quando questa riguarda episodi come quelli avvenuti nel carcere di Santa Maria Capua Vetere. Ogniqualvolta c’è un’inchiesta per pestaggi o abusi nei confronti di persone private della libertà tendiamo a sorprenderci positivamente....

SOCIETA/COMMENTO

Una campagna profondamente pericolosa

ITALIA. La campagna sulle scarcerazioni facili è ricca di imprecisioni, generalizzazioni, nonché profondamente rischiosa. Rischia di fare molto male a tutta la comunità penitenziaria. In primo luogo alla gran massa dei detenuti che con la mafia non c’entra nulla e che ora potrebbe subire un’ondata di chiusure. Va...

POLITICA/TAGLIO BASSO

E se nelle carceri oggi cantassero Bella Ciao?

ITALIA. Imprigionati, stremati, torturati nelle carceri del regime fascista. Le memorie partigiane costituiscono un affresco tragico della vita in galera. «Bisogna vederle, bisogna esserci stati, per rendersene conto», scriveva Piero Calamandrei nel 1949. «A pensarci bene, credo che, per quanto si voglia trasformare e...

COMMUNITY/COMMENTO

Un primo passo, ma ci vuole ben altro

ITALIA. In questo momento nelle carceri italiane vi sono circa quattordici mila persone in più rispetto alla capienza regolamentare effettiva. Il sovraffollamento nella vita quotidiana significa condividere dodici metri quadri in quattro persone, dormire praticamente con la faccia spalmata sulla soffitta della cella, essere visitato dal...

COMMUNITY/COMMENTO

Un primo passo, ma ci vuole ben altro

ITALIA. In questo momento nelle carceri italiane vi sono circa quattordici mila persone in più rispetto alla capienza regolamentare effettiva. Il sovraffollamento nella vita quotidiana significa condividere dodici metri quadri in quattro persone, dormire praticamente con la faccia spalmata sulla soffitta della cella, essere visitato dal...

COMMENTO

Dopo le proteste, no a un ritorno al passato

ITALIA. Va immediatamente fermato il circolo vizioso della violenza che ha colpito le carceri italiane. Ci appelliamo a tutta la popolazione detenuta perché non partecipi ad alcuna forma di protesta violenta. La violenza non è mai giustificabile. Le morti assurde nel carcere di Modena, le evasioni, le devastazioni in giro per gli...

COMMENTO

Semplici, umane misure per lenire l’angoscia

ITALIA. Strano periodo quello che stiamo vivendo. E ancora più strano, ansioso, angoscioso per coloro che si trovano in carcere o dentro hanno un parente. L’amministrazione penitenziaria ha fortemente ridotto ogni contatto con l’esterno, per cercare di impedire la diffusione del virus in un contesto chiuso, e quindi...

COMMENTO

La galera non è un regalo alla polizia

ITALIA/ROMA. I detenuti tossicodipendenti rappresentano un quarto della popolazione detenuta. Quelli ristretti per avere violato la legge sugli stupefacenti sono a loro volta circa un terzo dei 61 mila reclusi nelle carceri italiane.La custodia cautelare pesa anch’essa più o meno un terzo rispetto ai numeri globali della detenzione nel...

COMMENTO

Un omicidio politico impunito

ITALIA/EGITTO/IL CAIRO. Sono trascorsi quattro anni, lunghi e penosi, da quando Giulio Regeni è stato torturato e ammazzato in Egitto. Un omicidio politico consumato impunemente, almeno finora, ai danni di un giovane ricercatore italiano. Di fronte a ogni crimine, comune o politico, vi sono sempre due verità, una storica e l’altra...

CULTURA/TAGLIO BASSO

Il conflitto tra Creonte e Antigone che interroga la scelta di disobbedire

ITALIA. La forma del dialogo consente di andare al cuore del problema, di procedere per argomenti e contro-argomenti, aiuta a svelare la debolezza o le contraddizioni profonde nelle altrui posizioni. Dunque molto bene hanno fatto Nello Rossi e Livio Pepino, entrambi per lungo tempo con funzioni interne alla giurisdizione ai più alti...

COMMENTO

La verità nascosta per dieci lunghi anni

ITALIA/ROMA. Dieci anni fa Stefano Cucchi è stato torturato fino alla morte. I giudici lo hanno scritto nella loro sentenza. Non si può mai essere felici quando qualcuno è condannato a dodici anni di carcere, neanche in questo caso. Si può però essere rinfrancati, finalmente rasserenati e protetti da una decisione...

POLITICA/TAGLIO BASSO

Alla polizia penitenziaria più poteri che ai direttori: è il carcere giallorosso

ITALIA/ROMA. Togliere poteri al direttore di carcere e trasferirli al comandante di Polizia penitenziaria: è questo il contenuto di un decreto legislativo del governo vicino all’approvazione definitiva. Sembra un testo salviniano ma è invece una proposta di questa maggioranza che potrebbe minare alla radice quel delicato equilibrio...

COMMENTO

Una garanzia per tutti, anche per l’antimafia

ITALIA/ROMA. Uno Stato forte, autorevole, autenticamente democratico non può tollerare una pena eliminativa. L’ergastolo ostativo, ossia l’ergastolo senza alcuna prospettiva di rilascio, è infatti una pena di tipo eliminativo. Cancella una persona dalla società vera, libera, per sempre. Non è in questo senso...

Supporta il manifesto e l'informazione indipendente

Il manifesto, nato come rivista nel 1969, è sinonimo di testata libera, indipendente e tagliente.
Logo archivio storico del manifesto
L'archivio storico del manifesto è un progetto del manifesto pubblicato gratis su Internet e aperto a tutti.
Vai al manifesto.it