Risultati per:

  • Autore: MARCELLO LORRAI
Modifica ricerca

VISIONI/APERTURA

Musica sottosopra. La visionaria creazione di Anthony Braxton

GERMANIA/BERLINO. Nelle sale del Museo Egizio di Torino, dove nel 2015 è stato proposto per la seconda volta (la prima era stata a Vancouver nel 2010), Sonic Genome si era nutrito di una suggestione unica. Tuttavia il Martin-Gropius-Bau, edificio neorinascimentale disegnato dal prozio di Walter Gropius e inaugurato nel 1881, si è rivelato uno...

VISIONI/BREVE

Nel rigore della free music: Derek Bailey

FRANCIA. Co-fondatore nel '78 a Marsiglia del Groupe de Recherche et d'Improvisation Musicales, all'attivo collaborazioni con Thurston Moore, Lee Ranaldo, Fred Frith, il chitarrista Jean-Marc Montera ha tutte le carte in regola per sviscerare l'arte di Derek Bailey (1930-2005), che con la sublime qualità estetica, l'assoluta non...

VISIONI/INTERVISTA

La forza di condividere un'idea collettiva e radicale di opposizione

USA. «Facciamo brani di David Bowie da qualcosa come sette anni: li abbiamo anche incisi, con la partecipazione di Vernon Reid. In pratica abbiamo tutto un album di sue canzoni ma è ancora nel cassetto, per problemi di costo dei diritti: anche se ormai i suoi pezzi li vorrei ri-registrare, perché è un repertorio con...

VISIONI/APERTURA

L’America jazz di Jelly Roll Morton

USA/NEW ORLEANS . Come sa chiunque abbia un minimo di dimestichezza con la vicenda del jazz, Jelly Roll Morton è stato una delle figure decisive nei primi passi di questa musica. Ma della storia del jazz il pianista è stato anche uno dei più grandi personaggi: e in questo caso possiamo senz’altro usare il termine...

VISIONI/APERTURA

Jazz em Agosto, «Resistenza» attraverso la musica

PORTOGALLO/LISBONA. C’è l’ebbrezza di essere a Monterey nel 1958, alla prima edizione del festival californiano, con aerei che sbucavano a bassa quota dalla nebbia e con il rumore dei loro motori incombevano grottescamente sulla musica, come si può sentire dall’album ricavato dall’esibizione di Billie Holiday. Il...

VISIONI/APERTURA

A Zuma tra musica e controcultura

ITALIA/MILANO. «Tre giorni di musica, amore e giochi»: ricorda niente? Tre anni fa un gruppo di giovani milanesi che nella vita fanno vari mestieri pensarono di mettere su qualcosa che a Milano non c’era: un festival informale e fuori dagli schemi, all’aperto, in un posto piacevole e non troppo grande, organizzato da...

VISIONI/APERTURA

Dalle avanguardie al jazz, il senso del tempo per Lelli e Masotti

ITALIA/MILANO. Ad accogliere il visitatore all’ingresso di «Musiche» di Lelli e Masotti c’è uno degli ingrandimenti su pannelli di grande formato di alcune delle foto in mostra: è uno scatto di una performance della francese Compagnie Lubat, che fissa in maniera icastica lo spirito delle turbolente sedizioni...

VISIONI/BREVE

Il quintetto free gioca con partiture d’archi

USA/CALIFORNIA. I Fictive Five sono nati nel 2013 per iniziativa di un veterano dell’avanguardia come il californiano Larry Ochs (Rova Saxophone Quartet). Con Nate Wooley alla tromba, Ken Filiano e Pascal Niggenkemper ai contrabbassi, e Harris Eisenstadt alla batteria, tutti personalità forti, il quintetto propone un free molto sostanzioso,...

VISIONI/INTERVISTA

Da King Oliver a Mulatu Astatke, il linguaggio jazz del pianista

GB/MACEDONIA/SKOPJE. Al jazz festival di Skopje abbiamo avuto l’occasione di ascoltare Alexander Hawkins in solo a poco tempo dall’incisione di Iron Into Wind, il suo piano solo appena pubblicato dalla Intakt: e dal vivo, davanti ad un’ampia platea, era ancora più impressionante constatare l’assoluta concentrazione, la...

VISIONI/APERTURA

Jeanne Lee e Ran Blake, la seduzione del cool jazz

USA. Nel 1961 la vocalist afroamericana Jeanne Lee e il pianista bianco Ran Blake incidono un album per la RCA, che, intestato ad entrambi, viene intitolato The Newest Sound Around. Nel disco c’è davvero molto di nuovo: la formula del duo voce/pianoforte già di per sé è senz’altro irrituale per il jazz...

VISIONI/TAGLIO MEDIO

Quel tocco di classico che non convince

FRANCIA/PARIGI. In un unico concerto quattro composizioni di carattere accademico di tre autorevolissimi protagonisti – per di più rappresentanti di tre generazioni diverse – della più audace avanguardia afroamericana di matrice jazzistica. Se poi assai qualificati sono gli interpreti, del Ensemble Intercontemporain, direttore...

VISIONI/INTERVISTA

Il suono della paura. Quando la musica può cambiare la vita

GB/LONDRA. Elaine Mitchener è una giovane vocalist britannica i cui interessi spaziano dal jazz alla musica contemporanea, dall’improvvisazione alla performance, dal movimento alla danza. Ha in repertorio i Song Books di John Cage. Ha interpretato Manga Scroll di Christian Marclay, oggi forse più conosciuto nell’ambito...

VISIONI/INTERVISTA

Una musica che guarda al passato e risuona con il tempo presente

FRANCIA. «Ricordo anche il giorno esatto: 23 aprile 1968, pomeriggio. Il momento in cui ho tirato fuori il primo suono dal sassofono, un sax alto: quel suono mi è entrato dentro, non l’ho più dimenticato. Non sapevo assolutamente niente né di sax né di musica. È stato proprio il suono che mi ha...

VISIONI/APERTURA

Canzoni in lotta contro il nazismo

. «La Germania è nei guai, Hitler è kaput!»: è il baldanzoso verso finale di una canzone scritta da un ebreo di Odessa nel 1944, una delle centinaia di testimonianze della cultura ebraica degli anni della guerra raccolte praticamente in presa diretta – durante il conflitto o nell’immediato...

VISIONI/APERTURA

A Jazz by the Sea le radici della migrazione

ITALIA/FANO (PESARO E URBINO). «Un festival di jazz non può non prendere posizione», dice Adriano Pedini, direttore artistico di Fano Jazz by the Sea, introducendo il primo degli appuntamenti di «Gli echi della migrazione», una sezione che la rassegna propone per il terzo anno. Già, dovrebbe proprio essere doveroso, per festival...

VISIONI/APERTURA

Una macchina perfetta chiamata Art Ensemble of Chicago

USA/CHICAGO. Se un difetto si poteva trovare in A Power Stronger Than Itself, il monumentale riferimento sulla vicenda della chicagoana Association for the Advancement of Creative Musicians allestito da George Lewis (2008), era quello, con la sua postura accademica di impronta anglosassone, di mancare un po’ della capacità di trasformare...

VISIONI/BREVE

Houria Aïchi, una voce contro l’integralismo

ALGERIA. La fama di Houria Aïchi è legata soprattutto alla sua interpretazione, consegnata ad un album del '90, di canti del Aurès, regione montuosa dell'est dell'Algeria, abitata da una popolazione berbera, di cui è originaria. Ora torna sul tema delle espressioni della religiosità popolare a cui aveva già...

VISIONI/APERTURA

Masekela, quando il jazz andava a braccetto con Beatles e Motown

USA. Fino a tutti gli anni settanta è negli Stati uniti che Hugh Masekela è largamente popolare: oltre naturalmente in Sudafrica, che, ventunenne ma già jazzman affermato, ha lasciato nel’60 per New York col sogno di farsi onore tra i grandi del jazz. Negli ottanta il pubblico che nel resto del mondo, e innanzitutto...

VISIONI/BREVE

La psichedelia della cumbia in chiave moderna

MESSICO/CITTA DEL MESSICO. Arrivata alla ribalta internazionale qualche anno fa con l'album Sendero Mistico, Sonido Gallo Negro è una formazione di Città del Messico che è partita dalla rivisitazione di vari filoni della cumbia e dalla suggestione sonora di maestri dell’organo elettrico diventati molto popolari negli anni ’50-60...

VISIONI/TAGLIO BASSO

Il piano Jazz di Chucho Valdés e Gonzalo Rubalcaba, un gioco virtuosistico di classe

ITALIA/BERGAMO. Il pubblico del Creberg Teatro approva con entusiasmo. È piuttosto tra i critici che i pareri si dividono: molti lamentano un «troppo pieno», un’esagerazione di note, un rullo compressore pianistico. Ma stiamo parlando di un duo di pianisti cubani. IL PIANISMO JAZZ di Cuba ha fatto di una cifra stilistica...

Supporta il manifesto e l'informazione indipendente

Il manifesto, nato come rivista nel 1969, è sinonimo di testata libera, indipendente e tagliente.
Logo archivio storico del manifesto
L'archivio storico del manifesto è un progetto del manifesto pubblicato gratis su Internet e aperto a tutti.
Vai al manifesto.it