Risultati per:

  • Autore: CRISTINA PICCINO
Modifica ricerca

VISIONI/APERTURA

Le Filippine corrotte di Lav Diaz teatro di una sfida noir a due

ITALIA/VENEZIA. Ogni film di Lav Diaz è un magnifico esempio di cinema politico, nel senso più alto, cioè come invenzione formale capace di confrontarsi con la sua realtà e con il mondo a cui appartiene disvelandone i meccanismi, i conflitti, i paradossi dentro le immagini che narrano quasi sempre altre storie e, in questo...

VISIONI/APERTURA

«Saint Omer», il vuoto dell’indicibile nel gesto estremo di una madre

ITALIA/VENEZIA. All'origine di Saint Omer c'è un fatto di cronaca accaduto in Francia, una giovane donna senegalese che ha abbandonato tra le onde, a Berck-sur-Mer, il figlioletto di quindici mesi. All'inizio gli investigatori avevano pensato che fosse un piccolo migrante annegato in mare ma guardando le immagini nelle telecamere di sorveglianza...

VISIONI/APERTURA

Il teatro nel suo farsi, con l’ombra di Fellini

ITALIA/VENEZIA. All'inizio c'è un matrimonio, nell'estate della pandemia Daria sposa Attilio, lei ha un vestito chiaro e tutti e due indossano una mascherina d'argento: sono commossi, felici, qualcuno le aveva detto che non si sarebbe mai sposata ma l'amico Antonio quando si era sposato col suo compagno le aveva lanciato il bouquet. E poi Daria...

VISIONI/APERTURA

Il western senza innocenza che vive nei nostri tempi

ITALIA/VENEZIA. La dedica finale è a Budd Boetticher, il suo riferimento, il cavaliere solitario, anzi il torero che quando gli chiedevano – nel bel libro che accompagnò la retrospettiva al Torino film festival curata da Giulia D'Agnolo Vallan nel 2001 - cosa c'era di diverso nei suoi western, rispondeva: «Tutte le cose che si...

VISIONI/TAGLIO BASSO

«The Eternal Daughter», il fantasma della madre nell’emergere di un’immagine

ITALIA/VENEZIA. Joanna Hogg è una regista il cui stile si è imposto dal lavoro che l'ha affermata, quel The Souvenir (2019) a cui è seguita una seconda parte, coccolatissimo dalla critica internazionale e dai programmer festivalieri e divenuto un riferimento per il lavoro di tanti giovani registi. Che cosa raccontava The Souvenir?...

VISIONI/APERTURA

«Il processo di Kiev», l’orrore della guerra ha un unico volto

ITALIA/VENEZIA/UCRAINA. Il fine settimana è passato su un Lido preso d'assalto tra la Regata storica e le folle di giovanissime e giovanissimi arrivati per i loro divi del cuore - Timothée Chalamet prima e ieri Harry Styles, protagonista del film di Olivia Wilde Don't Worry Darling - l'impossibile ricerca di un tavolino libero e l'affanno dei...

VISIONI/APERTURA

Strappare il velo e nominare il dolore ne «L’immensità»

ITALIA/VENEZIA. Le cene silenziose intorno alla tavola coi bambini e la mamma truccata e splendida - «Ma tu - le dice l'amata figlia - ti trucchi solo quando piangi o quando devi uscire» - e la leggerezza soffocata appena il padre mette piede a casa tornando dal lavoro, ci dicono già tutto sulla famiglia protagonista di...

VISIONI/TAGLIO BASSO

«Monica», il tradimento di un mondo in un impercettibile dettaglio

ITALIA/VENEZIA. Monica è una giovane donna che incontriamo la prima volta in un solario. È bella, curata, ha una chioma fulva che sembra piacerle moltissimo e una spider con cui attraversa l'aria. Di lei, del suo universo non sappiamo e non sapremo quasi nulla a parte i frammenti di conversazione al telefono, le frasi che lascia su qualche...

VISIONI/APERTURA

Colpa e redenzione nei corpi e nello spirito dell’America

ITALIA/VENEZIA. Narvel Roth è un maestro giardiniere, la sua vita è scandita da regole e abitudini come quella dei fiori e delle piante che cura. Ogni sera nel silenzio della sua piccola casa l'uomo annota considerazioni sulle diverse specie, di cosa hanno bisogno per crescere, il loro tempo, la fragilità, il loro potere di...

VISIONI/APERTURA

«Bones and All», due ragazzi on the road nel desiderio

ITALIA/VENEZIA. Ieri sono arrivati sul Lido i primi titoli in concorso che danno un senso all'affanno frustrante della prenotazione dei biglietti, alle sveglie troppo presto al mattino, a tutto quanto i nuovi sistemi festivalieri «virtuali» imposti dalla pandemia hanno eliminato in termini di improvvisazione e composizione del proprio...

VISIONI/APERTURA

«Un couple», lettere d’amore nell’eterno moto delle onde

ITALIA/VENEZIA. Un Couple è la storia di un amore, una coppia appunto anche se la voce che ne ripercorre la vita comune è unica: è da un solo punto di vista che ne ascoltiamo i sussulti, le emozioni, i desideri, le frustrazioni, un segmento di quel «doppio» di cui l'altro rimane fuoricampo. A narrare è la voce...

VISIONI/APERTURA

«Tutto diventa uno stato mentale»

ITALIA/VENEZIA. Giornalista televisivo che ha lasciato il suo posto per essere libero da censura e controlli, documentarista di successo, pensiero e voce critica nel mondo del suo Messico, emigrato a Los Angeles dove sta per ricevere il più importante premio di giornalismo americano, Silverio ha paura dei momenti di felicità e si lascia...

VISIONI/TAGLIO BASSO

L’ossessione di «Vera», i confini invisibili di un’esistenza

ITALIA/VENEZIA. Vera è ossessionata dalla bellezza forse perché da piccola a casa sua era la cosa più importante, era persino peggio diventare grassi che drogarsi dice al fidanzato regista bellissimo quando lui si lamenta della sua insistenza a ripetergli che è bello. Chi è Vera? Una donna inquieta che lavora nello...

VISIONI/APERTURA

Un postmoderno terrore della morte in «White Noise»

ITALIA/VENEZIA. C'è in qualcosa nel nuovo film di Noah Baumbach che risuona del precedente (e magnifico) Marriage Story di cui ritrova anche il protagonista, Adam Driver; quel sentimento impalpabile di una fragilità del nostro essere nell'amore, nella vita, nello status professionale, nelle relazioni famigliari o amicali o con se stessi, e...

VISIONI/TAGLIO BASSO

Reimmaginando il Libano nell’amore clandestino di «Dirty, Difficult, Dangerous»

ITALIA/VENEZIA. Dirty, Difficult, Dangerous, «Sporco, difficile, pericoloso», sembra riassumere sin dal titolo il paesaggio emozionale dei due protagonisti che lo abitano fatto di miseria e di costrizione, bersagliato dal disprezzo e dallo sfruttamento. Wassim Charaf, il regista, racconta il suo film – che ha aperto ieri le Giornate...

VISIONI/INTERVISTA

Abel Ferrara, racconto la nascita di una nazione in un viaggio spirituale

ITALIA/VENEZIA. Italia 1920, il sud della Puglia di un piccolo paese dove gli uomini sono partiti a combattere la Grande guerra, le famiglie, le mogli li hanno aspettati, molti di loro non hanno mai fatto ritorno, altri sì ma perdendo pezzi di corpo - e certo anche il cuore - invalidi per sempre e affamati visto che non potranno più...

VISIONI/COMMENTO

Il glamour delle star, la crisi delle sale

ITALIA/VENEZIA. La Mostra del cinema di Venezia si apre oggi, per gli accreditati è già iniziata da qualche giorno con le disavventure sul nuovo sito di prenotazioni (Vivaticket) che ieri si è ancora «arenato» mentre da più voci si invocava il ritorno alla fila di persona, quella memoria pre-covid che appare ormai...

VISIONI/INTERVISTA

La mia «Rimini» d’inverno è una canzone di Richie Bravo

AUSTRIA. Presentato in concorso alla scorsa Berlinale, Rimini il nuovo film di Ulrich Seidl arriva in sala domani, nel frattempo il regista austriaco ha già girato Sparta che dovrebbe esserne il secondo capitolo, al centro del quale troviamo il fratello minore del protagonista di Rimini, Richie Bravo (interpretato da Michael Thomas, che era...

VISIONI/TAGLIO BASSO

Cinquant’anni dopo l’Academy chiede scusa a Sacheen Littlefeather

USA/HOLLYWOOD. 1973, Marlon Brando vince l'Oscar per Il padrino. L'attore però non si presenta alla cerimonia degli Academy Awards, al suo posto sul palco sale Sacheen Littlefeathe, una giovane attrice e militante nativa americana di origine apache e yaqui. È lei a spiegare all'industria hollywoodiana lì «fieramente»...

VISIONI/APERTURA

Traiettorie divergenti alla affamata ricerca di storie

SVIZZERA/LOCARNO. Il festival si è chiuso, e come sempre la domanda che rimbalza è: che festival è stato questo numero 75 dichiarato nelle intenzioni della direzione artistica di Giona A.Nazzaro e degli organizzatori come quello del rilancio e del rinnovamento verso un cinema del futuro? Nella cittadina che appare sonnacchiosa tra...

Supporta il manifesto e l'informazione indipendente

Il manifesto, nato come rivista nel 1969, è sinonimo di testata libera, indipendente e tagliente.
Logo archivio storico del manifesto
L'archivio storico del manifesto è un progetto del manifesto pubblicato gratis su Internet e aperto a tutti.
Vai al manifesto.it