Le gesta e il pensiero di Xiin un quiz in prima serata

Piena Rivoluzione Culturale. Il presidente cinese Xi Jinping, allora sedicenne, lascia Pechino alla volta di Liangjiahe per sottoporsi, come molti coetanei, alla rieducazione rurale. Ma il leader in erba era talmente assetato di conoscenza da essere disposto anche a camminare 15 chilometri solo per prendere segretamente in prestito un...

Dietro Walmart il lavoro forzato delle donne

Schiaffi, abusi sessuali, violenze verbali e altre molestie di vario genere. È il trattamento sperimentato quotidianamente dalle donne impiegate dai fornitori asiatici di Walmart, la multinazionale statunitense proprietaria della più grande catena di negozi al dettaglio del Nord America.Lo rivela un’indagine condotta...

Indipendenti e spontanei. I gruisti sono in sciopero

«A tutti gli operatori di gru a torre, i controllori e gli operatori di ascensori che lavorano duramente, saluti! Il nostro stipendio e la nostra retribuzione sono molto al di sotto dei rischi che corriamo e dell’assoluta indispensabilità del nostro lavoro». Così esordiva la Federazione dei gruisti di...

La «cricca» sforna-miliardari

Era arrivato ad accumulare un patrimonio personale superiore ai 40 miliardi di yuan (circa 6 miliardi di dollari) Liu Han quando nel maggio 2014 è stato condannato a morte con il fratello per 13 differenti reati, tra cui omicidio, gestione di gioco d’azzardo, vendita illegale di armi da fuoco e associazione di stampo mafioso....

XI METTE LA MAFIA NEL MIRINO

Dalla corruzione al crimine organizzato. La campagna lanciata cinque anni fa da Xi Jinping per ripulire il Partito comunista dagli elementi dissoluti estende il proprio raggio d’azione arrivando «a scavare in profondità» nelle viscere del malaffare. Il virgolettato è mutuato dal documento rilasciato dal...

EROINA LIBERA

"Eroina libera" L'OPINIONE di ALESSANDRA H O INIZIATO a farmi d'eroina a 18 anni e ho smesso definitivamente quando ne avevo 32. Adesso ne ho 36, e quindi sembra proprio che io abbia trascorso quasi metà della mia vita in compagnia della maledetta polverina: credo che questo mi dia il diritto di dire qualche parola al...

Repubblica serba a rischio secessione. Il nazionalista Dodik contro Dayton

Non è la prima volta che Milorad Dodik minaccia la secessione della Republika Srpska (Rs, una delle due «entità» di cui è composta la Bosnia-Erzegovina, a maggioranza serba, ndr). Questa volta però il leader nazionalista serbo-bosniaco in crisi di consensi in Rs, sembra non volersi arrestare davanti...

Incontro a Londra tra serbi e albanesi. Ma resta lo stallo

La premier serba Ana Brnabic e il suo omologo kosovaro Albin Kurti si sono incontrati per la prima volta ieri a Londra durante il vertice della Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo con i leader dei Balcani occidentali. Un incontro atteso in cui i due hanno affrontato il nodo dei dazi imposti dal Kosovo sulle merci provenienti...

«Fuggiamo dalla guerra», ma l’Ungheria li blocca al confine

È abortito sul nascere il tentativo di oltre duecento migranti assiepati al confine serbo-ungherese di raggiungere l’Europa. Intrappolati da mesi lungo la rotta balcanica, i rifugiati avevano organizzato una protesta al valico di frontiera di Kelebija, Serbia settentrionale. Una manifestazione nata su un gruppo Facebook che...

Il contrasto a un mercato fuori controllo

Approvato alla Camera lo scorso 16 luglio, il disegno di legge sulle «Disposizioni per la promozione e il sostegno della lettura» è passato in via definitiva al Senato. Una votazione unanime che ha ricevuto il plauso di chi, alacremente, ha lavorato per fare in modo si arrivasse a questo esito: così sostiene...

Mappe interiori della dislocazione

In un presente complesso e di difficile decifrabilità, molti sono i possibili modi di lettura e i livelli di comprensione. Il dialogo tra diverse categorie critiche è certamente una risorsa capace, più di altre, di offrire congrue domande e ulteriori rilanci. In questa direzione fruttuosa è da intendere il...

Bosnia, il jihadismo di ritorno

La riconosci da un piccolo altoparlante montato sul tetto la para-jamaat di Husein “Bilal” Bosnic. Nascosta da un campo di mais, al bivio per Sisici, nord della Bosnia. Una casa adibita a moschea per diffondere il verbo più radicale dell’Islam, il salafismo. Dai boschi ai campi di battaglia per combattere gli...

Strade inesistenti e lune capovolte

Gli universi possono sfiorarsi, pare accada alle creature capaci di immaginazione quando producono ulteriori vite possibili. In questa tangenza di profondità magiche e oniriche, incontriamo i primi segni che compongono il romanzo di Sandra Newman, I cieli (Ponte alle Grazie, pp. 252, euro 16.80, traduzione di Laura Berna). Regale,...

Washington “ripristina” i voli tra Kosovo e Serbia

A Richard Grenell sono bastati 4 giorni per fare qualcosa che l’Europa non è riuscita a fare per anni. L’ambasciatore Usa in Germania ha incassato il primo, importante risultato da quando nell’ottobre scorso è stato nominato inviato speciale per il dialogo tra Serbia e Kosovo: la firma di una lettera...

La Nato invia «team anti-guerra ibrida»

La Nato ha inviato in Montenegro, il più giovane degli Stati membri dell’Alleanza atlantica, la prima squadra di guerra anti-ibrida per rafforzare le capacità del Paese nel contrasto degli attacchi di questa natura. Ad annunciarlo il maresciallo Stuart Peach, presidente del Comitato militare Nato, che ha sottolineato...

Dopo Erdogan, l’Onu: «Dayton è da rivedere»

Che la Storia avesse ripreso il suo cammino nei Balcani, era evidente già da tempo. II colloquio telefonico tra il presidente turco Recep Tayyip Erdogan e l’omologo croato, il neoletto Zoran Milanovic, ha impresso a quel cammino una netta accelerazione. Secondo quanto riportato dal settimanale croato Nacional, i due capi di...

Croazia a sorpresa, Milanovicè il nuovo presidente

È una vittoria tanto imprevista quanto ambigua quella di Zoran Milanovic, l’ex premier socialdemocratico che domenica scorsa si è imposto sulla presidente uscente Kolinda Grabar-Kitarovic al secondo turno delle elezioni presidenziali in Croazia. Con il 52.6% dei voti il candidato di centrosinistra è riuscito a...

Approvata la ’libertà religiosa’, nasce la «Chiesa di Milo Djukanovic»

Una nuova scossa torna ad agitare i Balcani. Epicentro del terremoto, Podgorica dove ieri all'alba è stata approvata la legge sulla libertà religiosa al termine di una tumultuosa sessione parlamentare culminata con l'arresto di 22 persone tra cui 18 deputati contrari alla legge. Il provvedimento è in larga parte...

Milanovic (Spd) e Grabar-Kitarovic (Hdz) al ballottaggio. Avanza l’estrema destra

Hanno un che di paradossale i risultati del voto di domenica scorsa in Croazia al primo turno delle elezioni presidenziali. A sfidarsi al ballottaggio il prossimo 5 gennaio saranno Zoran Milanovic, candidato dei socialdemocratici dell’Sdp, e la presidente uscente Kolinda Grabar-Kitarovic, sostenuta dal partito nazional-conservatore...

Presidenziali in Croazia, oggi si vota. Il rischio di un derby tra le destre

Urne aperte oggi in Croazia dove quasi tre milioni e mezzo di cittadini sono chiamati a scegliere il capo dello Stato in quelle che sono le settime elezioni presidenziali dalla dichiarazione d’indipendenza del Paese, nel 1991. Un voto non decisivo, ma importante per capire le evoluzioni della scena politica nell’ultimo Stato...



Pagina 2 di 50