Gli abusi e le complicità nella Chiesa che il governo amico non vuole vedere

Era stato facile per Jaroslaw convincere Mariusz a tenere la bocca chiusa. «Non dirlo a nessuno o sarà la rovina. Per tutti e due» gli aveva intimato. E Mariusz obbedì, non aveva scelta. La sua famiglia non si era mai presa cura di lui. Pochi soldi, molto alcol. Jaroslaw era diverso. Sarà stato per la...

Rotta balcanica, i maledetti di Vucjak

Suhret Fazlic è stato di parola. Da ieri la città di cui è sindaco, Bihac, ha interrotto i pagamenti per l'erogazione dei servizi essenziali nel vicino campo profughi di Vucjak al confine tra Bosnia Erzegovina e Croazia. E quindi niente acqua, niente assistenza sanitaria, niente raccolta dei rifiuti. A Vucjak...

Per l’Albania e la Macedonia del nord l’adesione alla Ue rimane un miraggio

Si farà l’ultimo, estremo tentativo, ma la strada sembra già segnata. Dopo due rinvii in sedici mesi da Bruxelles è attesa per oggi l’ennesima doccia gelata per Macedonia del Nord e Albania, candidate all’apertura dei negoziati per l’adesione all’Ue. Un rinvio miope, imbarazzante,...

Kosovo, sconfitti nel voto i «signori della guerra»

«Abbiamo perso, andremo all'opposizione». Con queste parole a mezzanotte passata Kadri Veseli candidato premier del Partito democratico del Kosovo (Pdk), certifica la svolta storica del voto di domenica scorsa in Kosovo. Per la prima volta dalla dichiarazione unilaterale d'indipendenza nel 2008 il partito del Presidente della...

Domani la «sfida» alla generazione dell’Uck

Per il Kosovo le elezioni anticipate non sono una novità. Dall’indipendenza unilaterale del 2008, nessuna legislatura è finita allo scadere del mandato. A portare il Paese di nuovo al voto sono state stavolta le dimissioni del premier Ramush Haradinaj, ex leader guerrigliero Uck, dopo la sua convocazione all’Aja...

La disobbedienza contraddittoria

La letteratura che racconta mondi lontani è la stessa che, dopo tanto vagare, significa ritornare a casa. Presso di sé dopo aver visitato l’altrove. Peregrinare tra le spighe, a piedi nudi mentre lo sguardo si allaga per il dolore che, come l’amore, talvolta genera strabismo. «Questi mondi sono un riflesso...

Clandestini ad arte

Militanza, pedagogia, eversione: è la sostanza di cui è fatta l’ultima opera dell’artista bosniaco Mladen Miljanovic, Didactic Wall. Un manuale di istruzioni per attraversare le barriere naturali e artificiali che le «persone in movimento» incontrano sul loro cammino: corsi d’acqua, montagne, ma...

La forza trasformativa della vulnerabilità contro il neoliberismo

Gli ultimi della terra, gli indifesi, sono gli inermi ed è al loro cospetto che si trova Dio. Sono parole di Teresa Forcades, monaca benedettina del monastero di Montserrat, teologa e femminista, indipendentista catalana che nel messaggio evangelico riconosce il dettato di una militanza incarnata e generativa contro le politiche...

La sincerità della parola esperienziale

Il sottotitolo del nuovo libro di Giuliana Sgrena si apre con la parola «donne» perché è alle proprie simili che vengono dedicate intense pagine di analisi critica. Ed è a loro che sono state rivolte negli anni le manipolazioni peggiori da parte di molta stampa causando le cosiddette «narrazioni...

Tra le parole irricevibili di Bruno Vespa

È fortunato Bruno Vespa per essere stato solo deferito e non, per esempio, sospeso o cacciato dall’Ordine dei giornalisti a proposito dell’intervista del 17 settembre a Porta a Porta con Lucia Panigalli, sopravvissuta a un tentativo di uccisione da parte del proprio ex.Seppure quanto accaduto sia un segnale importante...

Orbán riesce a forzare il blocco verso la «democrazia illiberale»

Vista dai Balcani, la nomina di László Trócsányi a commissario europeo per l’allargamento ha il sapore di un’amara beffa. Non solo amara, ma anche preoccupante. L’ex ministro della Giustizia ungherese nei governi Orbán III e IV è infatti uno dei principali artefici dello...

Una genealogia sovversiva e incarnata

«Il mio materiale di lavoro è la storia, passato e presente. Perché cerco sempre di estrarre il concetto, la formulazione intelligibile». Filosofa e storica del pensiero femminista, Geneviève Fraisse attualmente è direttrice di ricerca presso il Centre National de la Recherche Scientifique di...

Lunìk Ix, il ghetto che non esiste

Per gli abitanti di Košice, Lunìk IX semplicemente non esiste. O meglio, non esiste più da almeno trent’anni. Prima era un quartiere come tanti altri. Palazzoni popolari destinati a operai e impiegati pubblici. Rom o slovacchi, non importava. Il comunismo aveva bisogno di proletari, non di etnie. Quando il mondo...

Il premio «Alassio Centolibri» compie 25 anni

Compie 25 anni il premio «Alassio Centolibri - Un autore per l’Europa» ma la vincitrice è una autrice, ovvero Nadia Terranova che con «Addio fantasmi» si aggiudica il plauso della giuria composta da italianisti europei che lavorano in università e centri di ricerca esteri (dalla Francia con...

Alice Rowlands, se l’adolescenza fluttua tra meraviglia e terrore

Nell'etimo della parola sospensione risuona il significato di «elevarsi dalla terra». Nell'uso comune, stare in sospensione segna l'incertezza, terra di mezzo dell'indecisione. È però in quell'elevarsi dal dato dell'esistenza materica che, andando a stanare qualche ulteriore indizio, si scopre che la sospensione...

Michele ed Elsa, lungo i bordi della memoria inceppata

Visitare la dimenticanza, nella sua stoffa umbratile e usurata, consiste nel sondare territori che al silenzio preferiscono il livido colore delle parole. È un lessico che si connette a energie sottili dell’esistente quello che Savina Dolores Massa utilizza nel suo ultimo romanzo A un garofano fuggito fu dato il mio nome (Il...

Il premier del Kosovo si dimette e all’Aja torna «Rambo», ma tace

Si è avvalso della facoltà di non rispondere il premier dimissionario del Kosovo Ramush Haradinaj, ascoltato ieri in veste di sospettato dai giudici del Tribunale speciale per i crimini di guerra commessi dall'Uck (Esercito di liberazione del Kosovo) durante e dopo la guerra in Kosovo. Un dejà vu per...

Bosnia, migranti ammassati nell’ex discarica

Una lunga colonna di uomini costretti a camminare per chilometri scortati dalla polizia. Nei giorni scorsi si è visto anche questo a Bihac, cittadina bosniaca del cantone Una-Sana al confine con la Croazia, il più colpito dalla crisi dei migranti che attraversa il Paese da un anno e mezzo. I profughi sono stati portati a...

«Dipingerò di te la terra», di Riccardo Sanna

Il librino di Riccardo Sanna, «Dipingerò di te la terra» (edito da Ensemble, pp. 40, euro 12) è un breve e trafitto percorso verso la conoscenza di sé in cui la forma scelta è quella della prosa poetica. Il vagolare di Sanna, tra icone assurte a interlocuzioni preziose (per esempio Alda Merini o...

Lubiana gela Salvini: «Qui non c’è nessuna emergenza migranti»

È lungo il confine più tormentato della Storia d'Italia che Matteo Salvini lancia la sua ultima offensiva. Il confine è quello tra Italia e Slovenia, uno dei frutti avvelenati di una guerra voluta dai fascisti che sembrava ormai una linea invisibile dopo l'ingresso di Lubiana nell'area Schengen. L'offensiva è...



Pagina 2 di 50