100 giorni di Amlo e il Messico chiude con il neoliberismo

Nella sua campagna elettorale per la presidenza, impostata in gran parte sulla difesa dei più bisognosi e oppressi, Andrés Manuel López Obrador aveva promesso una serie di riforme che avrebbero costituito la «quarta trasformazione del Messico». ELETTO A FUROR DI POPOLO e con il suo partito - Morena - che...

Dottrina Monroe, il “piano B” fa paura a Trump

Il piano per il Venezuela di Trump è chiaro. Lo hanno ripetuto presidente, vicepresidente, responsabile della sicurezza (John Bolton) e della politica estera (Mike Pompeo): abbattere il governo bolivariano di Maduro.Dunque «tutte le opzioni sono sul tavolo» per un «cambio di regime», compreso un intervento...

Un "si" decisivo contro le ingerenze di Trump

La nuova Costituzione è la carta fondamentale politico-giuridica che deve sostenere - per usare le parole di Raúl Castro - «il trasferimento alle nuove generazioni della missione di continuare la costruzione del socialismo, garantendo l’indipendenza e la sovranità nazionale» di Cuba. Era...

Oggi il referendum per la Costituzione

Cuba decide oggi il suo futuro. Circa otto milioni di cittadini sono convocati in un referendum per approvare la nuova Costituzione varata dopo un processo durato quasi un anno e che ha visto la massiccia partecipazione di milioni di cubani.La decisione di modificare la Carta magna deriva dalla necessità di creare un nuovo testo...

Il nuovo nemico di Capitan America: la Troika socialista

«I giorni del socialismo e del comunismo sono contati, non solo in Venezuela ma anche a Cuba e in Nicaragua». Nel suo discorso all’Università di Florida lo scorso lunedì Donald Trump ha messo in chiaro quale sia la strategia della sua amministrazione.Eliminare il socialismo – «teoria basata...

Il pericoloso appoggio della Ue al ricatto Usa

Riconoscendo la presidenza di Juan Guaidó in Venezuela e riservandogli i proventi del petrolio venezuelano negli Usa, Trump ha messo in moto una spirale di violenza e caos di dimensioni drammatiche che potrebbe avere inizio in Venezuela in tempi brevi. L’appoggio a questa strategia di strangolamento del governo bolivariano da...

Dalle guarimbas alla ribalta. Guaidó, il «progetto preferito» della Casa bianca

Prima di far scattare il colpo di stato istituzionale il 22 gennaio, meno di 1 venezuelano su 5 aveva mai sentito parlare di Juan Guaidó. Fino a poche settimane prima, quest’uomo di 35 anni era un personaggio semioscuro, militante di una formazione di estrema destra, Voluntad Popular, emarginata nella stesa Mesa de Unidad...

L’Europa non si accodi al falco Usa

Il pronunciamento dei vertici militari a sostegno del «presidente costituzionale» Nicolás Maduro disinnesca, almeno in tempi brevi, il pericolo di un colpo di stato o di una guerra civile in Venezuela. E costituisce uno smacco per i piani di Juan Guaidó.E dei suoi padrini, i falchi dell’amministrazione...

Guaidó giura da «presidente». Venezuela verso il disastro

Giornata di grande tensione ieri a Caracas nelle cui strade governo e opposizione sono tornati a misurare le proprie forze in un ambiente surriscaldato nei giorni scorsi da una breve sollevazione di 40 militari, seguita da due atti di sabotaggio contro la presidenza di Nicolás Maduro e da manifestazioni violente - guarimbas -...

Maduro giura. Ed è subito sanzione

«Giuro in nome del popolo venezuelano, in nome del lascito politico di Simon Bolivar e del comandante Hugo Chávez». Poco prima delle undici di ieri mattina nella sede del Tribunale supremo di giustizia, Nicolás Maduro Moro ha ufficialmente iniziato il suo secondo mandato di sei anni come presidente costituzionale...

López Obrador ha un piano. E se gli Usa non ci stanno c’è la Cina

Il presidente Andrés Manuel López Obrador ha un piano per affrontare l’intransigenza di Donald Trump, deciso a imporre la costruzione di un muro alla frontiera Usa-Messico. Da una parte ha rifiutato lo schema proposto dalla Casa bianca, ovvero accettare per il Messico la condizione di «terzo paese sicuro»,...

Continente «intossicato». Resiste il baluardo Cuba

Il dizionario Oxford ha scelto l’aggettivo «tossico» come la parola dell’anno. Gli atteggiamenti razzisti, omofobici e neofascisti che hanno portato alla presidenza (in ottobre) Jair Bolsonaro in Brasile confermano la validità di tale scelta anche per l’America latina.L’anno che si conclude ha...

I «peloteros» che vanno a giocare negli Usa mai più «traditori

Da parte cubana si parla di «accordo storico». È quello che dalla scorsa settimana permette alle 30 squadre della Major league di baseball (MLB) degli Stati uniti di «contrattare atleti cubani». E pone così fine alla lunga storia del traffico di peloteros cubani, attratti dai soldi pesanti offerti...

Cuba si gioca la sua Carta fondamentale

Decine di migliaia di assemblee e riunioni alle quali hanno partecipato – secondo le cifre ufficiali - 8 milioni di cubani (su una popolazione di poco più di 11 milioni) hanno prodotto una valanga di proposte di modifica al testo della nuova Costituzione che era stato varato da una commissione speciale guidata lo scorso...

«Dagli Usa golpe economico» e non solo. È allarme all’Alba

Il vero pericolo per la pace in America latina e nei Caraibi viene dalle «aggressioni economiche» e dalla politica di «sovversione» dei governi legittimamente eletti - in Venezuela, Nicaragua e Cuba soprattutto - da parte di Washington e dei suoi pù stretti alleati nel subcontinente. È in sostanza...

Tremano le vene dell’America Latina

La netta vittoria di Jair Bolsonaro mette in pericolo 30 anni di democrazia in Brasile. Un candidato neo fascista sale al potere non grazie alla forza delle armi ma a un consenso popolare basato su un pericolosissimo cocktail. Da un lato un (falso) populismo nazionalista e antisistema, dall’altro l’appoggio della corrente...

Donald Trump e l’America latina, la doppia morale

Duemila migranti hanno passato la frontiera con bandiere e inni diretti al Nord. Verso gli Stati uniti, patria della democrazia e paese delle opportunità. Fuggono da un paese nel quale non possono più  vivere. A causa della povertà, della violenza, della repressione e della mancanza di democrazia. Per...

La spina neocoloniale nel fianco dell'America Latina

Le chiese evangeliche proliferano in tutta l’America latina - il 20% dei latinoamericani si dichiarano evangelici contro il 3% di 60 anni fa - e stanno fornendo alle idee conservatrici e ai partiti politici della destra nuovo impulso e nuovi voti.Il Brasile è un esempio eclatante dell’aumento del potere delle...

L’anti-socialismo che occulta i crimini della destra

Il presidente argentino Maurizio Macri ha confermato ieri che il suo paese, assieme a Cile, Colombia, Perù e Paraguay denunceranno di fronte alla Corte penale internazionale dell’Aja il governo del Venezuela per «lesa umanità».Si tratta di un’iniziativa del tutto inedita nella breve (16 anni) vita del...

Lula si ritira e spinge la rincorsa del suo vice Fernando Haddad

Poteri forti e magistratura brasiliana hanno segnato un punto. All’ultimo minuto del tempo concessogli, lunedì, Lula ha ritirato la sua candidatura per le presidenziali del 7 ottobre e il Partito dei lavoratori ha scelto come suo candidato il 53enne Fernando Haddad. È SCATTATO IL «PIANO B» che l’ex...



Pagina 1 di 50