Risultati per:

  • Autore: PIER GIORGIO PESCALI
Modifica ricerca

INTERNAZIONALE/APERTURA

I russi controllano la centrale nucleare di Zaporizhzhia

RUSSIA/UCRAINA/ZAPORIZHZHIA. Domato l’incendio nel sito nucleare di Zaporizhzhia, i russi hanno il pieno controllo della centrale. I livelli di radioattività non hanno mai registrato livelli anomali, segno che nessun comparto radioattivo è stato manomesso.LA CENTRALE È STATA costruita durante il periodo sovietico; inizialmente erano...

COMMENTO

L’inascoltato vademecum di Asor Rosa

ITALIA/ROMA. Nel ricordare la scomparsa di Alberto Asor Rosa, il manifesto ha ripubblicato un suo articolo del giugno 2010, «Vademecum per il partito che non c’è». Ciò che stupisce, nel rileggerlo, è non solo la lungimiranza.Quanto la sua attualità: senza far caso alla data vi sembrerà scritto oggi....

COMMENTO

La democrazia che la «tecnica» ha ormai disertato

QATAR/EUROPA/STRASBURGO. Per quanto desti giustamente scandalo la corruzione rivelata dalle valigie di banconote, ciò che non appare in nessuno dei commenti sulla vicenda è quanto all’origine vi siano l’opacità e le caratteristiche stesse del sistema messo in piedi dall’Unione e uropea.In cui l’enorme potere...

COMMUNITY/COMMENTO

Oltre il giardino, L’Europa alla nuova guerra

EUROPA. Non sarà sfuggito a molti che il responsabile della politica estera dell’Unione Europea, Josep Borrell, abbia spiegato in un’intervista come in Europa vi sia «la migliore combinazione di libertà politica, prosperità economica e coesione sociale che l’umanità è stata in grado di...

COMMUNITY/COMMENTO

La destra non vince perché avrà più voti, saranno Pd e M5S a perdere i loro

ITALIA. E così, questo paese stanco e diviso, domenica prossima è chiamato alle urne. Il Parlamento che andava aperto “come una scatoletta di tonno”, nato dal trionfo dei richiami “anti-casta” ed egalitari (M5S) e “sovranisti” securitari (Lega), è stato sciolto prima del tempo, dando il via...

COMMUNITY/COMMENTO

L’autonomia regionale differenziata farà a pezzi l’Italia

ITALIA. Se c’è un tema che appare a chiare lettere nei programmi della destra, ma anche in quelli del Pd, è quello dell’autonomia regionale «differenziata». Fatto ancor più preoccupante. Perché con questa idea si dà legittimazione amoia e definitiva alla «secessione dei...

COMMENTO

L’«indicibile» normalità dei nuovi poveri

ITALIA. Di povertà e di lavoro povero, oggi dando l’addio a Barbara Ehrenreich - l’intellettuale della sinistra americana - , non dobbiamo smettere di parlare. «L’esperienza della povertà», come notava William Vollmann, «esprime paura e mancanza di speranza».«Ne puoi parlare -...

COMMENTO

Reddito e ricchezza, si allarga il divario «generazionale»

ITALIA. Nonostante l’enfasi egalitaria che aveva portato consensi al M5S, con il correlato appello ai «giovani», e l’immancabile richiamo nelle dichiarazioni del Pd a ridurre le disuguaglianze, il divario generazionale negli ultimi anni si è fatto sempre più largo.Come si può rilevare dai recenti dati...

COMMUNITY/COMMENTO

Le nostre certezze incrinate

UCRAINA/RUSSIA/EUROPA . Forse saranno gli orrori che ci vengono mostrati a incrinare le nostre certezze, noi che avevamo sempre creduto che la pace e il negoziato – da “negozio” – venissero sempre e comunque prima di ogni altra cosa. Come dopo Srebrenica, spontaneo viene il rigurgito: perché non abbiamo saputo, potuto evitarlo?Le...

COMMUNITY/COMMENTO

Non è così che dalla pandemia si esce a sinistra

ITALIA. In un intervista di qualche giorno fa a Repubblica, Peppe Provenzano ha ribadito lo slogan con il quale ai dirigenti Pd piace sciacquarsi la bocca. Perché è più una boutade che un’agenda, dacché nella realtà non sta accadendo nulla che va in quella direzione. Perché «uscire da...

COMMUNITY/COMMENTO

Tutti i limiti sociali della lotta al virus su un Paese sfiancato

ITALIA. L’anno Ventuno del XXI secolo - anno dantesco - si è chiuso e ancora enumeriamo contagiati e deceduti, «sì lunga tratta / di gente, ch’io non avrei creduto / che morte tanta n’avesse disfatta» per una pandemia che non pare avere fine. Mentre il Paese tira avanti, come sempre diviso tra i felici...

COMMUNITY/COMMENTO

Il Belpaese come sempre diviso tra italiani «luigini» e «contadini»

ITALIA. Se il panorama sul Paese fosse quello che un casuale visitatore straniero - di ritorno dopo molti anni - intravedesse dai titoli dei quotidiani di questi giorni decembrini, egli potrebbe passeggiare soddisfatto. Un’Italia in cammino, sotto la guida di un governo «autorevole», di nuovo «locomotiva...

COMMUNITY/COMMENTO

Un sondaggio rivela la voragine tra politica e società

ITALIA. Mentre Enrico Letta, a margine del summit del G20, riceveva i leader riformisti di un fantomatico nuovo «Ulivo mondiale», il «G20 della sinistra» è parso tanto ininfluente quanto confuso. Incapace di guardare il mondo e guardarsi dentro. Partiti progressisti e sinistre, ovunque in cerca di identità,...

COMMENTO

Svanisce, mentre il Paese si allonta

ITALIA. Il risultato elettorale potrà pure soddisfare il centro-sinistra imperniato sul Pd, ma ciò non toglie che sia stata una «vittoria a metà», come ha titolato questo giornale il 5 ottobre scorso. L’astensionismo record ha penalizzato I 5 Stelle, la destra e anche la sinistra, rivelando così il...

COMMENTO

Ma la sinistra non attrae nuovi elettori

ITALIA. Il comprensibile entusiasmo con cui il centro-sinistra (Cs) sta guardando ai risultati delle comunali del 3-4 ottobre sta portando a ritenere che quel «ciclo elettorale» iniziato ormai più di un lustro fa si sia concluso.Se quel «ciclo», che aveva visto l’affermazione del «populismo...

COMMUNITY/COMMENTO

Rilettura della storia e sinistra senza memoria

ITALIA. Del discorso di Mario Draghi all’assemblea di Confindustria il 23 settembre scorso, c’è un passaggio che merita di essere ripreso e confutato. Perché offre una lettura della nostra storia indicativa del clima culturale che oggi viviamo. Stupisce che - tranne il manifesto con l’editoriale di Alfonso Gianni...

COMMUNITY/OPINIONI

Mala informazione, sotto-cultura, estraneità a sinistra

ITALIA. Se molta attenzione è stata dedicata all’eterogeneo fenomeno «no-vax», non abbastanza si è riflettuto sulle ragioni della diffidenza nei confronti del vaccino, sulle sue matrici socio-culturali e sulla diffusione della mala informazione. Tra quei dieci milioni di italiani che devono ancora essere inoculati...

COMMENTO

Perché non siamo andati oltre l’orientalismo

USA/NEW YORK. Vent’anni dopo quell’11 settembre - su cui il manifesto ha prodotto ieri un importante Speciale di approfondimento - che aveva segnato un punto di svolta, possiamo dire che, con il ritiro delle forze statunitensi e Nato dall’Afghanistan, si è simbolicamente registrata la fine del «secolo americano», ma...

COMMENTO

I poveri non hanno colpe, il mercato del lavoro sì

ITALIA. La discussione sul reddito di cittadinanza (RdC) che si è riaperta di recente ha finora avuto il merito di svelare le posizioni in campo, rivelando un discrimine dalle origini antiche.Tra chi ritiene quella della povertà come una condizione subita e chi invece la considera una colpa. La povertà, ovvero la mancata...

COMMENTO

Se il potere offende e abbandona un pezzo di società

ITALIA. Già investito da una pandemia cui ha dato più di altri – ai primi posti in Europa per numero assoluto di decessi e per concentrazione degli stessi – questo povero Paese aveva pur superato la prima fase, stretto attorno al suo governo.Pagando un prezzo altissimo. Con una maggiore incidenza del Covid-19 in certe...

Supporta il manifesto e l'informazione indipendente

Il manifesto, nato come rivista nel 1969, è sinonimo di testata libera, indipendente e tagliente.
Logo archivio storico del manifesto
L'archivio storico del manifesto è un progetto del manifesto pubblicato gratis su Internet e aperto a tutti.
Vai al manifesto.it