Risultati per:

  • Autore: PAOLO PILERI
Modifica ricerca

POLITICA/COMMENTO

Se i sindaci «smart» dimenticano il consumo di suolo

ITALIA. In questa tormentata estate fatta di incendi, siccità, frane e colate fangose, dove non ci viene risparmiato il naufragio dei politici con i loro spettacolini sempre meno degni del compito che li attende, una ‘piccola’ comunità di 100.000 studiosi ed esperti, me incluso, ha mandato loro un appello chiedendo di...

COMMENTO

Da Berlusconi a Meloni l’obiettivo è la Carta

ITALIA. Quasi vent’anni fa lo storico Sergio Luzzatto si chiedeva quale altro nome, invece che quello di fascismo, avrebbe assunto quel fenomeno di rimozione/rifiuto della Resistenza e dei suoi esiti (la Costituzione).Fenomeno che era ormai diventato, esplicitamente, importante componente dell’antropologia culturale italiana e delle...

CULTURA/APERTURA

Quelle forme contraddittorie nell’universo ideologico

ITALIA. Non era facile guidare il lettore negli itinerari di una forma discorsiva che, con il nome di Ideologia, accompagna la nostra modernità da più di due secoli; un discorso che ha prodotto, anche solo come riflessione sulle sue forme, una letteratura teorica e politica sterminata. Carlo Galli, in un breve, ma nello stesso tempo...

INTERNAZIONALE/INTERVISTA

«L’Internazionale dell’ultradestra utilizza la democrazia per sabotarla»

BRASILE. Jean Wyllys, membro della Camera dei deputati in Brasile dal 2011 al 2019 per il Partido Socialismo e Liberdade (PSOL) e poi per il Partido dos Trabalhadores (PT), ha dovuto lasciare forzatamente il Paese a causa delle continue violenze e minacce subite da Bolsonaro e suoi seguaci. Il suo impegno per i diritti umani, la sua analisi...

INTERNAZIONALE/INTERVISTA

Il selfie del ladro mentre ruba. «È l’arroganza dell’impunità»

BRASILE/BRASILIA. Pablo Gentili, uno dei maggiori intellettuali dell’America Latina e tra i registi della campagna elettorale di Lula, analizza le minacce alla democrazia che si stanno consumando negli ultimi giorni da parte dei bolsonaristi, una sorta di riedizione brasiliana di Capitol Hill andata in scena grazie alla connivenza di settori della...

INTERNAZIONALE/COMMENTO

I settori subalterni più vulnerabili al centro della scena

BRASILE/BRASILIA. «Il Brasile ha conosciuto nei primi tempi coloniali la ricchezza delle piantagioni di canna da zucchero, ha proclamato l’indipendenza nazionale, ha conosciuto le ricchezze delle miniere d’oro a Minas Gerais, e delle produzioni di caffè, si è industrializzato, ma non ha sconfitto la fame»....

COMMENTO

La politica, il mercato e l’etica dello scambio

QATAR/EUROPA/STRASBURGO. Antonio Panzeri è stato, per otto anni, segretario della Camera del Lavoro di Milano. È stato, cioè, un dirigente del movimento operaio nel senso pieno del termine. Come tale Panzeri si trovava al centro delle logiche conflittuali tra capitale e lavoro.E non c’è dubbio che, indipendentemente dal grado di...

CULTURA/APERTURA

Un viaggio di rotture epocali tra il vecchio e il nuovo secolo

ITALIA. Il Novecento è stato davvero l’«età degli estremi» come lo ha definito Hobsbawm. Orrore, emancipazione utopica, emancipazione reale, rivoluzioni e controrivoluzioni, rivoluzioni del pensiero e regressioni profonde, si sono mescolate in un insieme di relazioni dove gli aspetti estremi di tale età non...

COMMUNITY/COMMENTO

La normalità della guerra e i «pacificati»

RUSSIA/UCRAINA . «Io, come la Teresa Batista di Jorge Amado, sono stanca di guerra». L’affermazione (14/5/ 2008) è di Angela Finocchiaro, una delle più importanti dirigenti del Pd nel primo periodo della sua storia. Stanchezza per una guerra contro un avversario che appare invincibile. La sconfitta catastrofica di fine...

ULTIMA/INTERVISTA

La cultura è il nemico

BRASILE. In seguito alla sconfitta elettorale, le milizie bolsonariste in Brasile hanno promosso un'escalation di violenza contro i movimenti sociali, le università e i centri di cultura. Roberto Leher, pedagogista e analista politico, rettore dell’Università Federale di Rio de Janeiro dal 2015 al 2019, vede gli ultimi atti...

COMMUNITY/RUBRICA

Sarà di lunga durata se la sinistra non cambia paradigma

ITALIA. Due editoriali di Norma Rangeri (22 e 26 ottobre) hanno fatto il punto su ciò ch’ella definisce l’«incubo» del momento attuale. Nel primo Rangeri si chiede la ragione per la quale «il nostro mondo stia vivendo un dramma tanto profondo, quasi esistenziale». Nel secondo si dà una risposta:...

INTERNAZIONALE/INTERVISTA

C’è un sistema dell’odio da estirpare, «ma ora dobbiamo liberare la gioia»

BRASILE. Marcio Tavares, segretario della cultura del Partido dos Trabalhadores, ha vissuto in prima persona la campagna elettorale al fianco Lula. Dopo la vittoria di misura, riflette sulla necessità di un lavoro culturale profondo per estirpare il sistema di odio e fake news che ha messo radici in un paese che ora ha bisogno di pace e...

COMMENTO

Contro e ancora contro. Lo spettro della lotta di classe

RUSSIA/USA/EUROPA . Dal punto di vista dei conflitti che attraversano ogni paese, non ci sono differenze tra miserevoli micro-nazionalismi, grandi nazionalismi con vocazione di imperialismo territoriale, grandi nazionalismi, più «moderni» con vocazione di imperialismo globale.Come ha ben rimarcato il 7 ottobre Marco Bascetta «il...

INTERNAZIONALE/INTERVISTA

«Un’ondata di speranza contro la strategia dell’odio»

BRASILE. Marcia Tiburi, scrittrice, filosofa femminista brasiliana si trova in esilio a Parigi per i continui attacchi da parte di gruppi violenti come il Movimento Brasil Livre. Oggi guarda alle elezioni del suo Paese con fiducia, ma una possibile vittoria di Lula non sarà sufficiente a sconfiggere il clima di odio e disinformazione...

CULTURA/CORSIVO

Una lettera

ITALIA/MILANO. Carissimo Tommaso Di Ciaula,il tuo libro e la tua lettera mi hanno fatto molto piacere. Ti sono vicinoaffettuosamente e ti dico che potresti scrivere un romanzo importanteproprio sui calci che ti hanno dato: cioè sulla discriminazione in fabbrica, eanche nel tempo libero, dai servi devoti più o meno pallavolisti. Io ho...

COMMUNITY/COMMENTO

Sinistra per simmetria con sinistra patella

ITALIA. «Non dobbiamo partire dalle buone vecchie cose ma dalle cattive nuove cose»; così ci avvertiva Walter Benjamin, il filosofo marxista tedesco facente parte «del gruppo di ingegni più intelligente» del suo tempo, come lo definiva Thomas Mann. Le «cattive cose» che caratterizzano lo scenario...

COMMUNITY/OPINIONI

Una fertile stagione che chiamò a ruolo la socialdemocrazia

RUSSIA/MOSCA. L’età di Gorbaciov fu quella di una fecondazione fra culture politiche sparse per l’Europa e capaci di circoli virtuosi. Willy Brandt, prima con la Ostpolitik varata al tempio della sua cancelleria, poi con la sua presidenza dell’Internazionale Socialista (1976) creò reti e seminò ovunque concetti...

CULTURA/APERTURA

Se i padroni vanno in paradiso i lavoratori finiscono all’inferno

ITALIA. La Rivoluzione francese aveva mostrato come fosse già presente, nel tumultuoso accelerarsi dei tempi tipico dei processi rivoluzionari veri, un «quarto stato» le cui istanze e soprattutto le ragioni profonde che facevano di tale realtà sociale qualcosa che non poteva considerarsi semplicemente come un...

POLITICA/COMMENTO

Contro le destre, senza il ricatto del voto utile

ITALIA. La precipitazione elettorale rischia di far arretrare pesantemente quel livello di maturazione di un campo largo e progressista che a partire dal governo e della maggioranza giallorossa era diventato un punto acquisito delle forze che dal Pd al M5s oltre a Leu ne erano state protagoniste Insieme di forze che ad oggi sembrano destinate a...

POLITICA/INTERVISTA

«Bisogna unire partiti, sindacati, associazioni contro le politiche neoliberali»

FRANCIA. L’esperienza della sinistra radicale in Francia ha aperto un dialogo con i giovani delle periferie, i lavoratori, i settori popolari. Manon Aubry, europarlamentare ed esponente di primo piano di Union Populaire, mostra come un’agenda su pensioni, salario minimo ed ecologia sia stata vincente in questo senso. Un esempio da...

Supporta il manifesto e l'informazione indipendente

Il manifesto, nato come rivista nel 1969, è sinonimo di testata libera, indipendente e tagliente.
Logo archivio storico del manifesto
L'archivio storico del manifesto è un progetto del manifesto pubblicato gratis su Internet e aperto a tutti.
Vai al manifesto.it