Risultati per:

  • Autore: MAZZINO MONTINARI
Modifica ricerca

VISIONI/APERTURA

«Sono tornato ad Anna Frank per parlare del presente» -

ITALIA/ROMA. «Da quando sono arrivato qui ieri, tutti mi fanno domande sulla situazione politica. Lo capisco, io però posso parlare del mio paese, di Israele, che si sta spostando sempre più verso posizioni di estrema destra. La cosa che ritengo incredibile è che, ad esempio, in questo momento uno dei nostri principali...

VISIONI/APERTURA

«Wanna», nel gioco di specchi di una tv senza più memoria

ITALIA. La distopia applicata alla quotidianità. Un pianeta dove numerose persone erano attratte da un piccolo schermo e ascoltavano il predicatore che vendeva oggetti di dubbia utilità e opere d'arte senza valore. Sogni battuti all'asta che non avrebbero migliorato l'esistenza dell'ingenuo acquirente. Le chiese erano tante, sotto...

VISIONI/APERTURA

«In nome del cielo», un crimine per interrogare la religiosità

USA. Quando il 28 gennaio 1986 lo Space Shuttle Challenger esplose al decollo e il primo febbraio 2003 lo Space Shuttle Columbia si disintegrò al rientro appena sopra i cieli del Texas, si pensò in entrambi i casi a due casualità avverse, a situazioni contingenti che portarono alla morte di quattordici persone. Forse i due...

VISIONI/TAGLIO MEDIO

Dietro la facciata della perfezione un Grande Fratello da smascherare

USA. Alice e Jack vivono quella che si potrebbe definire banalmente un'esistenza da sogno. Come in una favola, sono belli, si amano, fanno sesso ripetutamente, persino sui tavoli (in questo caso più Il postino suona sempre due volte che Biancaneve o Cenerentola), non hanno problemi economici, possiedono una bella villetta anni Cinquanta...

VISIONI/APERTURA

Roger Federer, l’addio di un campione unico

SVIZZERA/BASILEA. Roger Federer ha annunciato il suo ritiro dal tennis. Poche battute per dire che è ora di pensare ad altro. La Rod Laver Cup, poco più di un'esibizione accanto ai suoi grandi rivali Rafa Nadal e Novak Djokovic, sarà l'ultimo grande spettacolo. E poi basta. A quarantuno anni, fisico e mente non hanno accettato sfide...

VISIONI/TAGLIO MEDIO

Un «Nido di vipere» in cerca di un’impossibile libertà

COREA SUD. Una valigia dimenticata nell'armadietto di uno spogliatoio con tanti soldi al suo interno e svariate persone a contendersela. Questa in breve è la traccia di Nido di vipere scritto e diretto da Kim Yong-hoon. Opera prima coreana presentata in numerosi festival (Rotterdam, Busan, Sitges, il Far East di Udine) e premiata da giurie...

VISIONI/TAGLIO BASSO

«Pearl», desiderare oltre l’orizzonte nel mezzo di un terribile presente

ITALIA/VENEZIA. Pearl vuole condurre un'esistenza diversa. Una fattoria con mucche, galline e poco altro intorno, il padre su una sedia a rotelle semi-cosciente, il marito partito per una guerra lontana e incomprensibile in Europa, le persone terrorizzate da un virus, la Spagnola, che ha invaso l'intero pianeta, e una madre di origine tedesca che le...

VISIONI/TAGLIO MEDIO

«Have you seen this woman?», simboli di decadenza e solitudini

ITALIA/VENEZIA. Un quartiere di Belgrado. Un cantiere dove si suppone che presto una nuova umanità ne soppianterà un’altra. Le rovine contro le costruzioni e, ancora una volta, i tanti sostituiti dai pochi. In questo scenario desolante che appartiene quasi a ogni zona abitata del mondo, si sente la voce frenetica di un giornalista...

VISIONI/TAGLIO BASSO

Questione di sopravvivenza: la disfida globale è un conflitto tra bene e male

ITALIA/VENEZIA. Chi sono le vittime? E chi sono i carnefici? Domande alle quali in molte occasioni pare scontato dare una risposta senza timore di smentita. Ad esempio nel film di Sergei Loznitsa, The Kiev Trial, sono abbastanza evidenti le colpe dei militari tedeschi, accusati di azioni criminali e di orrori spesso indicibili. Eppure, in questa sapiente...

VISIONI/TAGLIO BASSO

«In viaggio», nel labirinto di un conflitto tra la fede di un uomo e i suoi credenti

ITALIA/VENEZIA. Immaginare l’invisibile, ciò che ora non si dà ma che in un futuro prossimo o lontano sicuramente apparirà. Se a esprimere queste parole di speranza fosse un uomo di chiesa, saremmo immediatamente indotti a pensare a qualcosa di ultraterreno, alla promessa di un aldilà, di una dimensione soprasensibile....

VISIONI/TAGLIO BASSO

Negli inquietanti corridoi dell’ospedale: Lars von Trier torna sul luogo del delitto

ITALIA/VENEZIA. Non capita spesso di vedere sullo schermo una storia che inizia con una donna anziana che spegne la televisione, estrae un Dvd stizzita ed esclama più o meno: «Questa serie è proprio una boiata», riferendosi al prequel di ciò che non l’anziana donna, ma lo spettatore in carne e ossa si accinge a...

VISIONI/APERTURA

«Princess», vivere ai margini nella pineta che imprigiona

ITALIA/VENEZIA. Princess indossa una parrucca rosa fucsia, intercetta persone di ogni tipo sperando di guadagnare quanti più soldi possibile. È ai margini di una città e di un mondo, eppure da quella città e da quel mondo arrivano in molti per cercarla, per starci insieme il tempo necessario e, alla fine, per lasciarla dove...

VISIONI/APERTURA

Il paradosso dell’uno e dei molti nel segreto di «Progetto Lazarus»

USA. «Tu sei un mutante», rivela la donna in un edificio disastrato all'uomo spaesato che inizia a percepire qualcosa di sé che poco prima gli risultava del tutto ignoto. «Ma non come Wolverine o simili – insiste lei – le cellule del tuo corpo sono cambiate in modo insolito. Molto di rado qualcuno sviluppa...

VISIONI/TAGLIO BASSO

«Fire of Love», due viandanti nel battito del vulcano per andare oltre il mondo

ITALIA. È il due giugno 1991. L'ultimo intero giorno vissuto dalla celebre coppia di vulcanologi Katia e Maurice Krafft. All'indomani saranno travolti da una colata piroclastica in seguito all'eruzione, dopo un sonno durato due secoli, del Monte Unzen in Giappone. Non lo sanno ancora, ma il loro tempo sta per interrompersi alle sedici e...

VISIONI/TAGLIO BASSO

Dopo la devastazione di Katrina, nell’ospedale che fronteggia la morte

USA. Sheri Fink nel 2009 ha pubblicato un'inchiesta, The Deadly Choices at Memorial, scritta per il «New York Times Magazine». Due anni di indagini per comprendere cosa accadde in un ospedale di New Orleans nei cinque giorni in cui, a causa dell'uragano Katrina, morirono centinaia di persone. Con quell'articolo Fink vinse un Premio...

VISIONI/TAGLIO BASSO

Larry e Jimmy, una discesa agli inferi sdoppiata in piani narrativi paralleli

. Jimmy Keene e Larry Hall sono agli antipodi, vivono in mondi separati, destinati a non entrare mai in collisione. Il primo è uno spacciatore, figlio di un ex poliziotto che vive nel lusso portandosi dietro i rimpianti del ragazzo cresciuto a pane e football americano. Jimmy non è diventato il grande quarterback, non ha...

VISIONI/TAGLIO BASSO

Sogni, incubi e visioni: le (troppe) vite senza compromessi di Sophie

USA. Giunta al terzo episodio, il quarto sarà rilasciato domani, Surface, la serie di Apple Tv creata da Veronica West e che ha per protagonista Gugu Mbatha-Raw, è uno di quei prodotti che in corso d’opera non consente particolari spoiler. Nel senso che anche se dopo qualche puntata decidessimo di rivelare qualcosa,...

VISIONI/TAGLIO BASSO

Il sogno americano della celebrità e del benessere tra sesso e horror

USA. Un ranch apparentemente abbandonato. Deve essere accaduto qualcosa di orribile. Tra le macchine della polizia, scopriamo la presenza di un cadavere coperto da un lenzuolo. Il copioso sangue sul terreno e un'ascia fanno pensare a come possano essere andate le cose. Nell'abitazione nessun rumore, se non la voce impostata di un predicatore...

VISIONI

Il talento non basta, per sconfiggere i titani bisogna cambiare mentalità

GB/WIMBLEDON. Poteva essere l'anno della fantasia al potere, alla fine hanno prevalso disciplina e freschezza fisica. Non che ai due vincitori di Wimbledon 2022, Elena Rybakina e Novak Djokovic, manchi il talento, l'inventiva e la capacità di stupire il pubblico, ma il livello dei due sconfitti, Ons Jabeur e Nick Kyrgios, in quanto a...

VISIONI/APERTURA

Kyrgios, un talismano per battere i grandi e scordare il successo

GB/WIMBLEDON. Va detto subito. L'edizione maschile di Wimbledon non è stata scintillante, pochi incontri realmente combattuti, i soliti noti a fare la voce grossa, molti dei (quasi) giovani tennisti attesi che per vari motivi hanno perso l'appuntamento con la gloria, a partire dai russi e bielorussi estromessi dal torneo per motivi discutibili,...

Supporta il manifesto e l'informazione indipendente

Il manifesto, nato come rivista nel 1969, è sinonimo di testata libera, indipendente e tagliente.
Logo archivio storico del manifesto
L'archivio storico del manifesto è un progetto del manifesto pubblicato gratis su Internet e aperto a tutti.
Vai al manifesto.it