Nell’intreccio di arte e vita

Le opere di Tania Bruguera rimangono addosso, sottopelle, accompagnano il visitatore anche dopo che ha lasciato gli spazi espositivi. L’artista e attivista, che per le sue azioni è sta

Troll e narcisisti in rete, l’arte contemporanea indaga i loro linguaggi

Distopica, dissacrante, respingente e seduttiva allo stesso tempo. La Biennale de l’Image en Mouvement - ospitata al Centre d’art contemporain di Ginevra - interroga lo statuto e le modalità dell’immaginario contemporaneo. Il guest curator di questa edizione della Biennale, co-timonata insieme al direttore del...

Sustaining Assembly, l’internazionale ambientalista dal basso

È un’esplorazione tra pratiche artistiche/attiviste che indagano la relazione tra sostenibilità, ecologia politica e lotta per la decolonizzazione dei corpi e della conoscenza, la mostra Sustaining Assembly. Pratiche Artistiche per una Transizione Ecologica dal Basso. Curata da Piero Gilardi e Marco Scotini al Pav...

Identità in divenire, l’installazione fiabesca di Simon Fujiwara

Identità in divenire e declinazioni immaginifiche. Di questo si occupa Simon Fujiwara nella personale Who the Bær. Nato a Londra, nel 1982, Fujiwara ha spesso lavorato su frammenti di memoria collettiva, dettagli autobiografici e finzione narrativa. In Welcome to the Hotel Munber (2010) aveva ricostruito il bar...

Voce, un paesaggio immersivo

Artista, musicista e pioniere nella sperimentazione multimediale, Roberto Paci Dalò è stato tra i primi in Italia e in Europa a individuare le connessioni tra tecnologia e teatro, e già dagli anni ’80 si è occupato di progetti che spaziano dall’ambito sonoro a quello cinematografico, radiofonico e...

Un «Cubo bianco» per inventare nuove economie

White Cube è un termine universalmente utilizzato per indicare gli spazi espositivi e le gallerie d’arte in occidente. È anche il titolo che Renzo Martens ha dato al suo film, la particolarità però è che il Cubo bianco di cui si occupa è stato costruito in una piantagione di olio di palma a...

Viaggio nella storia spirituale del popolo cinese

Quaranta anni di esplorazioni, proposte e approfondimenti, festeggiati in tempi pandemici. Per i suoi primi quaranta anni FilmmakerFest si irradia nelle maglie della rete in streaming nella piattaforma online MYmovies. Nella sezione Fuori concorso i documentari di due grandi maestri del cinema contemporaneo: Frederick Wiseman, vincitore...

Il grande puzzle alla marsigliese, tra ecosistema e cura

Ha dovuto anticipare la chiusura Manifesta 13, uno dei pochi appuntamenti artistici che non erano stati cancellati in seguito alla pandemia. Ospitata a Marsiglia - riprogettando il format espositivo con mostre aperte in tempi diversi per evitare assembramenti - avrebbe dovuto chiudere a fine novembre, ma con il lockdown iniziato in...

Beirut, l’incertezza come immaginario

Esplorazioni topografiche, testi e azioni performative sono gli strumenti multidisciplinari utilizzati dall’artista e architetto libanese Tony Chakar per indagare la storia recente del suo paese. Nato a Beirut nel 1968, Chakar da alcuni decenni analizza quella rete complessa di narrazioni che si sono stratificate tra le rovine della...

L’impurità dell’arte, una forma di riluttanza al controllo del presente

«Quello che appare come un’evidente contraddizione di fatto non lo è. Quando smetteremo di vedere il capitale come agente di libertà, circolazione, innovazione e svincolato dall’idea di stato centralizzato e autoritario sarà troppo tardi» dice Marco Scotini, autore di Utopian Display....

In tempo di quarantena l’immaginazione si fa radicale

Radio Virus, web radio del centro sociale Macao di Milano, restituisce le mutazioni del tempo presente con un esperimento sociale nato dalla volontà di fare un discorso comune, nonostante il confinamento e il distanziamento sociale in atto. Nasce l’8 marzo da uno streaming trasmesso dall’Hacklab di Macao da Non Una di...

Lo sciamano di Casalpusterlengo

Spaventi, sussulti e epifanie giocose. La pratica artistica di Marcello Maloberti, fin dai primi anni ’90, indaga la dimensione performativa e installativa con opere in cui l’osservazione e la trasformazione della quotidianità è contaminata da inserti onirici e dissacranti, facendo proprie le analisi...

Le frontiere cadono allo Spasimo

Sincretismo e multidisciplinarità. La seconda edizione della Biennale Arcipelago Mediterraneo ha fatto proprie queste due parole componendo un palinsesto polifonico, ideato a più mani dalla Fondazione Merz di Torino e da European Alternatives, che ha spostato a Palermo il proprio Transeuropa Festival. Il sindaco Leoluca...

L’isola arida divenuta un’opera d’arte

«Quando nacque César Manrique nel 1919, Lanzarote non appariva nelle mappe delle isole Canarie, era considerata un grande sasso arido, dove si diceva che le pecore mangiavano pietre, visto che mancava tutto, anche l’erba e l’acqua potabile», afferma Orlando Britto, direttore del Centro atlántico de...

Un mondo botanico migrante

I progetti di Maria Thereza Alves si basano su istanze investigative che nascono dall’analisi della storia dei luoghi da lei visitati. Un’opera di scavo che intende far riemergere la storia coloniale e la rete di relazioni commerciali dei diversi paesi in cui ha operato (Brasile, Messico, Senegal, Europa) attraverso indagini...

Le molte vite possibili dell’immagine

Il Festival internazionale del cortometraggio di Oberhausen è il più longevo festival di cortometraggi. Fondato nel 1954 da Hilmar Hoffmann, regista, scrittore e attivista culturale che credeva nella «cultura per tutti», come recita il titolo di un suo libro del 1979, continua a contraddistinguersi per...

Quel femminismo nato a misura d’arte

L’esplorazione del linguaggio verbale e del corpo femminile, inteso come processo di decostruzione degli stereotipi di genere: è questo il fil rouge che lega le opere raccolte ne Il Soggetto Imprevisto. 1978 Arte e Femminismo in Italia, l’esposizione milanese presso FM Centro per l’Arte Contemporanea che presenta...

Struth e l’insidiosa promessa tecnologica

Sono le strutture sociali e i codici che determinano il comportamento degli individui a interessare Thomas Struth, tra i maggiori fotografi contemporanei. Dopo i primi scatti in bianco e nero degli anni ’70, Struth, nato in Germania nel 1954 e formatosi alla Kunstakademie di Düsseldorf, prima con Gerhard Richter al dipartimento...

Suoni e immagini oltre i confini dello schermo

Proiezioni e immagini in movimento che si espandono oltre gli schermi di proiezione per impadronirsi dello spazio e moltiplicare rifrazioni visive e sonore. È questa la Biennale de l’Image en Mouvement 2018, dal titolo «The Sound of Screens Imploding», che raccoglie al Centro d’Arte Contemporanea di Ginevra...

Alfred Jaar, meglio il vuoto bianco di troppe immagini

Come può l’arte rappresentare e/o restituire la storia contemporanea? Alfredo Jaar da decenni si occupa delle ingiustizie che scandiscono l’agenda politica internazionale. Lament of the images è il titolo della sua mostra da poco inaugurata alla galleria Lia Rumma di Milano, dopo le tante esposizioni e più...



Pagina 1 di 3