Lo scoglio di Westminster, Johnson a caccia di voti

Eccolo il new deal, tutto in minuscole. Boris Johnson aveva il sorriso del mariuolo perdonato mentre annunciava, al fianco di Jean-Claude Juncker, ieri pomeriggio a Bruxelles, il raggiungimento del sospirato accordo Brexit sul filo di lana dell’ennesima proroga. Doveva per forza succedere nell’arco di tempo fissato per il...

Extinction Rebellion, la polizia vieta le piazze

L’ottavo giorno di protesta e di semiparalisi del traffico londinese, dopo circa 1.450 arresti e dopo un blocco delle vie d’accesso allo hub finanziario della City, la polizia ha girato la vite della repressione su Extinction Rebellion. Il gruppo di disobbedienza civile da oltre una settimana paralizza varie parti della...

«Brexit entro il 31», lo scoglio di Johnson è il parlamento

Ieri, a soli cinque giorni dallo scadere del prossimo termine, il diciannove ottobre, per strappare un accordo di uscita dall’Ue ed evitare così il no deal il trentuno - sempre di ottobre - a Westminster si sono riaperti i lavori con il Queen’s Speech, il rituale discorso nel quale la sovrana squaderna il programma...

Basta aerei che inquinano, occupato lo scalo di Londra -

La giornata numero quattro della mobilitazione internazionale in difesa dell’ambiente promossa da Extinction Rebellion (Xr), che finora ha interessato 60 città nel mondo, ha avuto ancora Londra come epicentro della protesta. Ieri si è voluto agire nel settore dell’aviazione civile, da sempre uno dei massimi...

Brexit, l’accordo non si trova Johnson cerca un colpevole

L’approssimarsi minaccioso del no deal il prossimo 31 ottobre ha inasprito i toni in questi ultimi scampoli di trattativa. Secondo una fonte di Downing Street, nella conversazione telefonica di ieri mattina con Johnson, Merkel avrebbe definito l’accordo «quasi del tutto improbabile», ma Berlino si è ben...

Palazzi delle istituzioni accerchiati e ponti bloccati

No one is giving in! Nessuno si arrende, è uno dei tanti slogan intonati dai militanti di Extinction Rebellion (Xr), che dalle nove di mattina di ieri a Londra - come anche a Berlino, Parigi, Amsterdam, Sydney; in tutto una sessantina di città - hanno attuato l’annunciato blocco della capitale per sensibilizzare...

Il bluff di Johnson, Brexit verso il «no deal»

«Get Brexit done» realizzare Brexit: l’ardimentoso slogan campeggia dietro le spalle di Boris Johnson nel giorno del suo discorso alla platea adorante del congresso Tory a Manchester, la prima da leader del partito e del Paese. Nel quale ha squadernato alfine l’ultima offerta a Bruxelles per evitare l’uscita...

«Brexit, la più grave crisi costituzionale e politica dal 1945»

Donald Sassoon è professore emerito di storia europea comparata al Queen Mary College, University of London. Il suo ultimo libro è Sintomi Morbosi, edito da Garzanti. Boris Johnson è a testa bassa contro il parlamento e radicalizza lo scontro: ma è una strategia tenibile questa sua? Non mi ha sorpreso. Non ha...

Il parlamento processa Johnson. Ma la Brexit non si muove

Il giorno dopo l’incenerimento della prorogation da parte della corte suprema (poiché illegale, la sospensione non è mai esistita: dimenticatevela, è stato il senso del verdetto) i deputati sono tornati frettolosamente in una Westminster brulicante di turisti. Per ricalarsi esattamente nelle pastoie in cui si...

«Sospensione illegale», Johnson sotto pressione

Suprema corte, verdetto supremo. La sospensione (prorogation) del parlamento di Boris Johnson è «illegale, nulla e priva di effetto». Nelle inequivoche parole di Brenda Hale, settantaquattrenne presidente della Corte suprema britannica, nonché baronessa: «La decisione di raccomandare a Sua Maestà di...

Rimpatrio dei turisti nel caos per il crack di Thomas Cook

Era la Potemkin del turismo con 178 anni di storia, ed è colata a picco irreversibilmente alle prime ore di ieri, lasciando 600mila persone - di cui 150mila britannici - bloccate in giro per il mondo e migliaia di altre che avevano prenotato - e pagato - «il viaggio dei sogni» con un pugno di mosche. Il fallimento del...

Juncker-Johnson, dialogo tra sordi: «Nessuna proroga»

«È responsabilità della Gran Bretagna avanzare delle soluzioni operative legali che siano compatibili con l’accordo di uscita». Lo ha detto la portavoce di Jean-Claude Juncker dopo i colloqui avuti ieri con Boris Johnson in Lussemburgo. Il Presidente Juncker ha «sottolineato la disponibilità...

Un irlandese al commercio mentre Johnson perde ancora

La nuova presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen, che si insedierà il prossimo primo novembre, ha adottato i toni morbidi che ci si attendeva: Brexit sarà l’inizio di un nuovo rapporto fra l’Europa e il Regno Unito, non una fine. Nel caso in cui Brexit «accada», le due controparti...

Parlamento chiuso, Brexit nel caos

Ieri il parlamento è stato alla fine sospeso (prorogued) fino al prossimo 14 ottobre, data del Queen’s Speech in cui la sovrana dovrebbe elencare i provvedimenti del governo Johnson. Il premier ha così attuato la controversa disposizione, che aveva fatto gridare al colpo di stato le opposizioni. Mentre scriviamo,...

No alla Brexit senza accordo, la camera dei Lord approva la legge

Con la ratifica finale alla Camera dei Lord, la proposta di legge cosiddetta anti-no deal, avanzata dal deputato laburista moderato Hilary Benn, è diventata ieri legge senza emendamenti, il che significa che non tornerà indietro ai Comuni per una ridiscussione. Lunedì riceverà l’assenso della monarca,...

Boris Johnson è già in campagna elettorale. Ed è sempre più solo

E avanti, inizia l’ufficiosa campagna elettorale. Lunedì, ricevuto l’assenso reale dalla legge dei deputati “ribelli” (passerà oggi ai Lords senza ostruzionismo) che doveva rallentare l’avvitamento verso l’uscita senza accordo il prossimo 31 ottobre, Boris Johnson riproverà dove...

Brexit, i Comuni approvano la legge «anti-no deal»

Continua l’iter parlamentare della controffensiva volta a impedire la Brexit verso cui il neopremier Johnson tende con ogni fibra delle sue spoglie mortali: l’uscita senza accordo dall’Ue il prossimo 31 ottobre, Halloween, data appositamente mostruosa. CON UNA MAGGIORANZA di ventinove, 329 a 300, ieri i deputati hanno...

Johnson e il «no deal» passano in minoranza

Ieri è stata la prima giornata di lavori parlamentari dopo la pausa estiva e l’inizio della prova costumi delle elezioni anticipate. Questa sarà la settimana della resa dei conti fra le due unioni (europea e britannica), fra leave e remain, governo e parlamento. NON È DATO SAPERE mentre scriviamo quale...

Johnson: la legge «anti-no deal» equivale a un voto di sfiducia

Ennesimo macigno nello stagno Brexit. Ieri il premier Johnson ha convocato un consiglio dei ministri a sorpresa, nel quale non ha dichiarato di voler delle elezioni anticipate, ma si è appellato ai parlamentari perché non votino a favore di un ulteriore posticipo della data di uscita (ora fissata al prossimo 31 ottobre) come...

Brexit a ogni costo, Johnson manda il parlamento in pausa

Neanche disfatta la valigia al ritorno dal vertice di Biarritz, Boris Johnson ha chiesto e ottenuto dalla monarca la cosiddetta prorogation del parlamento. Che proroga non è: si tratta di una sospensione fino al 14 ottobre prossimo, ufficialmente per dare una pausa ai lavori camerali che si svolgono ininterrottamente dal 2017, in...



Pagina 1 di 16