Se Macchiavelli riparte da Ustica per indagare l’Italia

I tempi erano quelli delle indagini di Sarti Antonio, lo sbirro berlingueriano che nella Bologna inquieta e ferita, tra la fine degli anni ’70 e il debutto del nuovo decennio, si faceva dare una mano in ogni inchiesta da un «gruppettaro» come Rosas, precario dell’università soprannominato «il...

Grandi segreti celatinei piccoli centri -

Si potrebbe parlare del più classico «ritorno sulla scena del delitto», se però Joël Dicker l’avesse davvero lasciata anche solo per un istante. In realtà, con Il caso Alaska Sanders (La nave di Teseo, pp. 614, euro 22) che lo scrittore ginevrino presenterà nell’ambito della 34a...

Ideologia tossica e parole armate

Filosofo, saggista, già docente alla Sorbona, caporedattore di Philosophie Magazine, nato a Parigi in una famiglia di origine russa, Michel Eltchaninoff analizza da tempo sia il montare delle nuove destre in Europa, ha dedicato un libro alle idee di Marine Le Pen, che l’evoluzione della politica e della cultura di Mosca, ha...

Se a Kiev si assiste all’undici settembre della vecchia Europa

«La prima esplosione che trascina Kiev in guerra scuote il silenzio delle cinque. Un tonfo sordo, lontano. Che precede i latrati cupi delle antiaeree, fa scattare gli allarmi delle auto, fa vibrare i WhatsApp nelle case di chi non è scappato. “Ci siamo!”, scrive un amico di Leopoli. “È arrivato zio...

Un’epica flânerie nel crimine

Danny Ryan lo sa bene, se vieni da luoghi come Providence, Rhode Island, dove il mito delle Tredici Colonie dalle quali sarebbero nati gli Stati uniti si confonde con la storia di gente fuggita dalle persecuzioni religiose, contrabbandieri e criminali d’ogni sorta, l’oceano «ti entra nel sangue, come se ti scorresse...

Il cuore antico del «complotto» contro la Russia

Quando nel 1946 Jean-Paul Sartre pubblicò il suo celebre L’antisemitismo. Riflessioni sulla questione ebraica non aveva probabilmente in mente solo la tragedia della Shoah di cui il mondo era venuto a conoscenza di recente. Dopo che la prima metà del Novecento, anche grazie ad ogni sorta di tecnologia della...

Russkij Mir, nel cuore del grande complotto

«Russkij Mir», letteralmente il mondo russo, ma, allo stesso tempo, anche l’idea, l’anima, lo spirito perduto e indomabile di un grande popolo da riunire. È questo uno dei termini, e dei concetti, che tornano spesso nei discorsi pronunciati da Vladimir Putin. Dalla Conferenza di Monaco del 2007...

I fantasmi della memoria interrogano Trieste

Il peso irriducibile della Storia e il modo in cui la sua ombra si stende in forma implacabile sul presente. Nella Trieste di Veit Heinichen nulla accade per caso e nessun mistero, per quanto immediata possa apparirne la causa, conta radici che non coinvolgano almeno un paio di generazioni. Al punto che per arrivare alla verità,...

L’album di famiglia della memoria armena

Araxie e Haïganouch non sono che delle bambine quando la violenza della Storia si abbatte sulle loro vite cambiandole tragicamente per sempre. È la primavera del 1915 quando una banda di tchété, predoni curdi che fungono spesso da ausiliari dell’armata ottomana, attacca la loro casa nelle campagne di...

Il fascismo dopo il fascismo, tra revanche e senso comune

«Non occorre essere forti per affrontare il fascismo nelle sue forme pazzesche e ridicole: occorre essere fortissimi per affrontare il fascismo come normalità, come codificazione, direi allegra, mondana, socialmente eletta, del fondo brutalmente egoista di una società». È noto che quando Pier Paolo...

Il dolente e lucido diario di una città che resiste

«Mentre scrivo, a tarda sera, sento distintamente le spallate dell’artiglieria che scuotono l’aria. Gli ordigni sfondano la principale centrale elettrica della città. Kiev in poche ore potrebbe restare al buio. E a quel punto solo l’alba potrà dirci quanto sangue è stato versato. Si rischia una...

Tutto il nero del Cremlino

«In Occidente fino ad oggi si pensa che la libertà e l’uguaglianza siano ideali indiscutibili, che la democrazia sia un assioma per ogni persona “perbene”, che l’elezione sia sempre più alta e più utile della nomina, che la monarchia è sempre peggiore della repubblica (...)»....

Gli ingombranti sogni dei padri tra Asmara in guerra e la Roma dei bobo

C’è il senso di una perdita che incombe, di una forma slabbrata che si spalma sull’esistente lasciando esposte alle intemperie della vita troppo parti di sé. Anche se non manca la sensazione, all’inverso, che invece più che ciò che non è mai arrivato sia un eccesso di pieno, di risposte...

I fantasmi di Francia alla sfida del presente

C’è stato un tempo, che oggi non potrebbe apparire più remoto anche se da esso ci separa soltanto un ventennio o poco più, nel quale il dibattito pubblico francese sembrava articolarsi in larga misura intorno ad un bizzarro neologismo, la «lepénisation des esprits», vale a dire l’idea...

Lo Stato nello Stato degli ex Kgb tra oligarchi, repressione e nazionalismo

Uno Stato nello Stato formato da ex agenti del Kgb, o del suo successore Fsb, trasformatisi in oligarchi che controllano l’economia del Paese, garantendo la permanenza ai vertici di quel potere di cui fanno parte essi stessi di Vladimir Putin. Un sistema che alimenta la propria intrinseca debolezza interna, costruita su...

«Il De Martino» rilancia nel segno dell’indagine e della storia orale

Sono fili, segnali e ipotesi di indagine che tornano ad intrecciarsi in maniera feconda per riprendere il racconto del lato in ombra delle nostre società. Dopo trent’anni di attività, e trenta numeri all’attivo, la rivista Il De Martino rilancia inaugurando un nuovo ciclo di pubblicazioni a suggello della...

Il ritorno al futuro di Mosca

Masha Gessen ama profondamente il proprio Paese e la sua cultura, nata a Mosca ha lasciato una prima volta la Russia nel 1981, a soli tredici anni, per seguire negli Stati Uniti i genitori, ebrei laici cui «l’identità» era perlopiù imposta dallo sguardo e dai pregiudizi dell’ambiente circostante. Ma...

Lupi solitari, quel senso comune che uccide

Le idee che muovono la violenza, che fanno di una nuova generazione di estremisti di destra da un lato dei possibili terroristi, dall’altro dei sostenitori, forse solo tragicamente più coerenti, di tesi che caratterizzano ormai da tempo il dibattito pubblico in gran parte delle società del pianeta. Mentre, allo stesso...

Appunti da una biografia americana

«Il luogo da dove venite non c’è più, quello dove credevate di essere diretti non è mai esistito, e il luogo in cui vi trovate ora non ha senso, a meno che non riusciate a scappare via subito. La coscienza è solo un trucchetto: non esiste. E se invece credete di averla è meglio che la tiriate...

Una voce di libertà da Minsk a Kiev

«Avrei da raccontarle una storia assurda. Non è neanche una storia, anzi. La definirei una biografia della paura, piuttosto. Di come la paura può sopraffare un essere umano e cambiargli la vita». Quando il protagonista di Croci rosse (e/o, pp. 160, euro 16, traduzione di Claudia Zonghetti) incontra per la prima...



Pagina 1 di 50