Lupi e agnelli dell’esercito Usa sul fronte in Afghanistan

Come lupi fra gli agnelli. In fondo The Kill Team racconta, ancora una volta, quella che si potrebbe definire la origin story della caduta dell’innocenza americana. Gli agnelli sono i giovani idealisti statunitensi che vedono nella guerra un modo per difendere i valori del loro paese (anche se ovviamente ci sarebbe molto da ridire...

L’ultima frontiera di Hollywood: così ti «clono» il divo. In 3 D

Clonare un divo. Un po’ come stamparsi la moneta in casa. Una roba da falsari, insomma. D’altronde, però, il potere d’acquisto del denaro è un contratto che si contrae fra le parti. Se si accetta la sua «esistenza», quindi il suo valore, il denaro diventa «valuta» e...

«Mademoiselle», nel labirinto erotico di Park Chan-wook

A più di tre anni di distanza dalla sua presentazione in concorso al festival di Cannes, giunge il 29 agosto anche sui nostri schermi l’ultimo lavoro del regista sudcoreano cui si devono film assurti agli onori del culto come Old Boy e il dittico Mr. Vendetta/Lady Vendetta. Adattamento molto personale del romanzo di Sarah...

L’adolescenza con Charlie Manson

Cresciuta all’ombra della New York pre-Giuliani e del Cbgb, Mary Harron è andata configurandosi nel corso della sua carriera come una esploratrice dell’immaginario statunitense. Passando per la Valerie Solanas di Ho sparato ad Andy Warhol, Bettie Page e dando corpo all’American Psycho di Bret Easton Ellis, Harron,...

Da Waters a Gries, una filmografia

«Pink Flamingos» di John Waters:Nel finale Divine cammina lungo un muro sul quale campeggia un graffito che inneggia: «Free Tex Watson». Le shock tactics di Waters al massimo.«Bel-Air – La notte del massacro» di Tom GriesDiretto dal dimenticato ma eccellente Tom Gries e tratto dal libro di...

L’uomo ragno in viaggio nel vecchio mondo ai tempi della post-verità

Come un James Bond vintage, o una delle sue euro-imitazioni degli anni ’60, l’Uomo ragno prende, come si suol dire, armi e bagagli e se ne va a spasso nel vecchio mondo. Dopo avere annullato l’apocalisse secondo Thanos, pianto Tony Stark/Iron Man e accettato che Capitan American si ricongiungesse con la sua età...

Dai trionfi napoletani alla caduta: è la leggenda gioiosa del Santo Maradona

Il genio di Diego Armando Maradona si deve essere trasmesso per via transitiva anche ad Asif Kapadia, regista grazie al quale la nomea del documentario come cinema figlio di un dio minore continua a pertuarsi. Specializzato in centoni dedicati a figure quali Ayrton Senna o Amy Winehouse cosa che gli permette di vivere di gloria riflessa...

Distopia e fantasia di riscatto degli Avengers

Il primo grande ciclo del Marvel Cinematic Universe si chiude dopo ben 21 film. Iniziato nel 2008 con Iron Man, il Mcu è diventato un genere a sé stante. Film dopo film Kevin Feige, l’architetto supremo dell’universo Marvel cinematografico, ha composto un mosaico complesso e affascinante che è andato...

Il gesto della classe operaia afroamericana

Il lavoro cinematografico di Kevin Jerome Everson si offre come un punto d’intersezione fra diverse discipline espressive. Situandosi fra la performance e l’arte figurativa, l’antropologia e la documentazione sociale, il suo corpus filmico sfida naturalmente la tradizionale definizione di documentario. Del documentario...

Cronache e misfatti fra guardie, ladri e droga nella Detroit operaia

Yann Demange è il regista di Dead Set, una miniserie del 2008 nella quale il reality stile Grande fratello s’ibridava con un’epidemia zombie. Una piccola cosa che aveva il merito soprattutto di non durare più del dovuto e di recuperare lo spirito della polemica romeriana. Sorpresa tanto maggiore, dunque, questo...

Frammenti di un dialogo sul desiderio

L’Orso d’oro della discordia, e delle reazioni scomposte dei maschi bianchi feriti nella loro virile immagine di femministi autoproclamati che al momento opportuno invocano però l’inviolabilità dell’arte cinematografica per mettersi al riparo. Sarebbe però perpetuare un torto nei confronti del...

Michel Legrand, il genio delle colonne sonore che amava il jazz

A scorrere la filmografia di Michel Legrand, si comprende come il musicista e compositore francese nato a Parigi il 24 febbraio del 1932 e morto ieri a 86 anni, abbia attraversato da protagonista assoluto e incontrastato la storia del cinema e della musica del ventesimo secolo. Si pensa a Michel Legrand e scorrono immediatamente davanti...

«Creed II», il tempo dell’eroe operaio

Sylvester Stallone ha sempre saputo cosa faceva. E perché. Anche quando magari i risultati non erano all’altezza delle sue aspettative di regista e interprete. All’altezza di Rocky IV, il capitolo più fustigato della saga, l’attore e regista era considerato alla stregua di un megafono reaganiano. Lui,...

La parabola politica di Maya Arulpragasam aka M.I.A., rapper senza compromessi

Il documentario «rock» è un terreno minato, bisogna sempre ricordarlo, perché solo così è possibile apprezzare le poche eccezioni che sfuggono occasionalmente alla regola. Il classico «rockumentary», perversamente, è una collezione di teste parlanti intervallate da materiali...

Dick Cheney, un burattinaio alla Casa Bianca

Che Adam McKay sia uno dei registi statunitensi più interessanti in circolazione non siamo poi in tanti ad affermarlo. Fattosi conoscere per il suo lavoro nel Saturday Night Live e per essere il partner e regista di alcuni film più clamorosi ed esilaranti di Will Ferrell, straordinario attore ancora troppo poco apprezzato in...

La macchina da presa «imita» l’inafferrabile vitalità del pennello

Sulle problematiche relative ai rapporti fra pittura e cinema sono stati scritti numerosi saggi e volumi. Il cinema, ovviamente, si è posto questo problema innumerevoli volte (ed è inutile stare a elencare titoli e opere tanto è vasto l’elenco…). JULIAN SCHNABEL, pittore e regista, nell’affrontare...

Ringo Lam, nella mitologia dello schermo di giada

C’è stato un momento in cui il cinema d’azione più innovativo, moderno, entusiasmante, visionario si produceva a Hong Kong. Alla fine degli anni Settanta viene meno il monopolio detenuto dall’impero dei fratelli Shaw. Lo schermo di giada, insidiato dall’allentarsi delle maglie produttive e...

Un gesto d’amore e tradimento

C’è un equivoco di fondo. Luca Guadagnino non ha «rifatto» Suspiria; semmai ha ripensato tutto l’universo di Dario Argento a partire dalla riscrittura di quello che giustamente è considerato il capolavoro del regista romano. La differenza è fondamentale. Guadagnino non ha tentato di replicare i...

«Creed II» e «Rambo V», il senso profondo del paese America

L’anno che verrà si annuncia cruciale per Sylvester Stallone. Con il secondo capitolo di Creed e il quinto di Rambo, l’attore e regista ha annunciato di volere prendere congedo definitivo dai due personaggi che hanno segnato tutta la sua carriera e persona pubblica. Stallone è stato, attraverso molti alti e...

La doppia vita (pericolosa) della Befana

Michele Soavi è l’ultimo grande rappresentante del cinema di genere italiano. Uno che si è fatto le ossa passando dai set di Umberto Lenzi (Il grande attacco) a quelli di Ciro Ippolito (Alien 2: Sulla terra). Regista che è morto atrocemente per Lucio Fulci in Paura nella città dei morti viventi prima di...



Pagina 1 di 5