La tratta di sesso e organi

L’indagine dell’Fbi sui flussi di denaro tra Castelvolturno (Caserta) e gli Stati Uniti per il traffico di organi di ragazze che, dopo lo sfruttamento sessuale da parte della mafia nigeriana diventano vittime di espianto, lascia sbigottiti. Si apre così in Campania un capitolo che fino ad oggi nessuna donna fuggita dal...

I beni culturali offrono lavoroe dignità. Qualche buon esempio

Quanti immobili storici giacciono abbandonati nel Mezzogiorno tra l'incuria ed il degrado, spesso per l'oggettiva incapacità delle proprietà di provvedere? Purtroppo quasi sempre i proprietari – privati o pubblici – respingono la disponibilità di associazioni e cittadini organizzati per restituire alle...

TRAVOLTO DA 50 QUINTALI

SICUREZZA Travolto da 50 quintali Domenico Nolasco è morto sotto il peso del portello di un forno della Ela, una fabbrica del casertano. Altri sei sono feriti FRANCESCA COLETI - CASERTA "L' INCIDENTE di stamani ripropone la necessità e l'urgenza di una nuova contrattazione per la tutela della salute in fabbrica...

CHI HA PAURA DELL'IMMIGRATO?

OPINIONIChi ha paura dell'immigrato? FRANCESCA COLETI * Q UELLO che è accaduto a Torino, non è nulla di nuovo per il profondo sud. Sono anni che a Villa Literno, nel casertano, cittadini organizzano cortei e a volte spedizioni punitive contro gli immigrati. E nessuno ha mai negato, nei partiti della sinistra e nel sindacato che è...

Nello sprofondo dell’altro

Posso vederli piangere, gridare, sanguinare, attaccarsi alle mie caviglie per una tanica d’acqua in più, pregare in ginocchio per un salvagente, morirmi davanti agli occhi. Non sento nulla. Sono salvo. Posso vedere i loro cadaveri riportati indietro dalle onde, gonfi d’acqua, deformati, sbattuti a faccia in giù...

Ezeulu, sciamano che combattela catastrofe colonialista

In attesa che sorga la luna nuova «magra come un orfano nutrito malvolentieri da una matrigna crudele», Ezeulu, sommo sacerdote dal potere illimitato sul corso delle stagioni, dei raccolti e sugli abitanti di Ulmuaro mangia igname senza olio di palma nella sua capanna di terra rossa e non lo condivide con nessuno. Così...

Wayuu, l’emergenza umanitaria dell’altro lato

«Guaidó sta facendo parecchi errori strategici, e il suo piano non sta funzionando. Uno di questi è lo stratagemma degli aiuti umanitari. Non dico che in Venezuela non ci sia una situazione critica, ma lanciare una "operazione umanitaria" da uno dei territori più poveri della Colombia è indecente»....

Quelle ardite mutazioni dei corpi senza preconcetti di stile e genere

A Quiet Evening of Dance di William Forsythe è uno spettacolo che mette in moto il pensiero sul linguaggio della danza e del balletto. Un viaggio quasi programmatico che regala al pubblico un affondo percettivo, tranquillo quanto incandescente per l’abilità con la quale mescola movimenti giocati sugli snodi delle...

La mia Patagonia onirica

Sono più o meno vent’anni che Adrián Bravi, nato vicino a Buenos Aires nel 1963 e dagli anni ’80 residente in Italia (dove fa il bibliotecario all’università di Macerata), scrive in italiano, lingua in un certo senso ereditata, ma che, in quanto argentino di seconda generazione, nipote di emigranti...

Harruna Attah, coltivare sogni in un mondo patriarcale

Terzo romanzo della ghanese Ayesha Harruna Attah, I cento pozzi di Salaga (Marcos y Marcos, pp.304, euro 18) è il primo a essere tradotto in italiano e uscirà domani, 13 febbraio, in contemporanea in cinque paesi, rivelando una giovane voce africana che affronta tematiche chiave per il continente - la schiavitù, il...

Il grande inganno contro i contadini

Magola Aranda si fa fotografare orgogliosa vicino alla sua fattoria, insieme al marito Justo. Alle loro spalle c’è la foresta amazzonica e il placido corso d’acqua, che abbiamo appena risalito con la lancia. È un ramo minore del Rio Putumayo, che segna il confine con l’Ecuador e che dà il nome alla...

«La mia trasgressione è essere sempre me stessa»

Comunque vada, questo è il Sanremo della Bertè. È suo perché è anche quello di Mimì e perché lo ha calcato da pantera sicura e sfamata. Ha conquistato la foresta, mangiato la gazzella e provato anche compassione per lei. Loredana è a posto. Finalmente. Non si può che essere...

Daniele Silvestri: «Il mio argentovivo è la pura creatività»

«La canzone dà voce ai sedicenni ma in realtà parla a quelli della mia età. Si rivolge ai genitori che si trovano spiazzati di fronte al potenziale vuoto cosmico in cui i loro figli rischiano di sprofondare. Ed è un delitto vedere quella fiamma, quell’Argentovivo che è il titolo alla canzone,...

«L’importante è lasciare dei semi dietro le spalle»

La coerenza è un valore importante. La musica di Simone Cristicchi rispetta la necessità umana e sociale che della coerenza ha una necessità impellente. Saranno anche solo canzonette quelle sanremesi ma restano pur sempre lo specchio del paese. Come ha detto Renzo Arbore: «Sanremo è il Natale dello...

Patty Pravo: «Vincere? Non ci penso proprio, è troppo faticoso»

Abbiamo sempre più bisogno di dive. Per non soffocare di tristezza, delusione e noia. Poco ci resta di un immaginario glam in cui fascino, talento, ideologie e ribellione andavano a titillare quella parte inconscia di noi capace, però, di renderci più simili al divino che al mercataro urlante (entrambi, si sa,...

Il dissidio del corpo che si specchia nel suo quotidiano

In un’intervista del febbraio del 1991, Attilio Bertolucci, interrogato sulla poesia contemporanea, scelse di citare tre poete: Alda Merini, Amelia Rosselli e Fernanda Romagnoli. Delle tre, l’ultima è certamente la meno conosciuta, nonostante le sue opere siano state editate da Guanda, Signorelli e Garzanti. Causa,...

Il legame avvicente del risentimento

Quella di Vera Giaconi, nata a Montevideo sul finire del 1974, è una storia comune a tanti bambini latinoamericani di quegli anni: la storia di una fuga, di un esilio, di un’infanzia diversa che gli adulti si sforzarono di rendere comunque «normale». Vera aveva nove mesi quando, insieme alla madre, raggiunse in...

Una «Spoon River» fotografica e tropicale. Dentro l’Africa

Una sola grande e irreversibile controindicazione potrebbe avere per il lettore prendere in mano Resilient di Marco Gualazzini (Contrasto editore, pp. 192, euro 29), quella di essere risucchiato, pagina dopo pagina, fotografia dopo fotografia, in un mondo tanto fantasmatico, sofferente e inquietante quanto corporeo, materico e pulsante di...

Prove di danza nella realtà, Preljocaj e il viaggio di Schubert

Una danza generosa, capace di toccare le corde più intime con l’incontro tra scrittura, intuizione d’immagine e un sotterraneo moto sentimentale distingue dagli esordi il percorso coreografico ormai più che trentennale di Angelin Preljocaj, oggi alla testa del centro coreografico di Aix-en-Provence Pavillon Noir....

Juan Octavio Prenz, da Ensenada al mondo grande

Non è un caso che nello stemma di Ensenada, tra La Plata e Buenos Aires, ci sia un «tre alberi» con le vele ammainate, fermo a poca distanza dalla costa: l’insenatura del Rio della Plata, dalla quale la cittadina prende il nome, è stata per secoli approdo di imbarcazioni d’ogni tipo, dai vascelli...



Pagina 1 di 50