Rivolta ancestrale in Colombia

In Colombia il governo del presidente Ivan Duque mostra i muscoli e risponde con la forza alle istanze di una straordinaria protesta indigena - la «minga per la difesa della vita, del territorio, della democrazia, della pace» - che da più di due settimane sta bloccando il Sud Ovest del Paese. Finora il saldo è di...

Wayuu, l’emergenza umanitaria dell’altro lato

«Guaidó sta facendo parecchi errori strategici, e il suo piano non sta funzionando. Uno di questi è lo stratagemma degli aiuti umanitari. Non dico che in Venezuela non ci sia una situazione critica, ma lanciare una "operazione umanitaria" da uno dei territori più poveri della Colombia è indecente»....

Il grande inganno contro i contadini

Magola Aranda si fa fotografare orgogliosa vicino alla sua fattoria, insieme al marito Justo. Alle loro spalle c’è la foresta amazzonica e il placido corso d’acqua, che abbiamo appena risalito con la lancia. È un ramo minore del Rio Putumayo, che segna il confine con l’Ecuador e che dà il nome alla...

Honduras, dolore collettivo «Per questo la gente scappa»

A Trento in questi giorni tengono incontri e seminari promossi dal nodo trentino della rete In Difesa Di per costruire un progetto di Shelter cities, o città rifugio, per i difensori di diritti umani. Il tema è urgente: secondo le organizzazioni per i diritti umani - da Frontline Defenders a Global Witness, ma anche...

LA MINGA INDIGENA SCUOTE LA TERRA

Faceva un certo effetto, durante la marcia «No al Quimbo» che il 12 ottobre ha percorso i 14 chilometri che separano il paesino di La Jagua dalla cittadella di Garzòn, vedere il prima fila i contadini di Asoquimbo con il tipico cappello e il poncho bicolore, insieme agli indigeni Nasa guidati dal leader Feliciano Valencia. E ancora di più...

UN PAESE CHE CAMBIA E SPERA

Raccontano a Sucre, cittadina della regione del Cauca, nel sud-ovest della Colombia, di quella notte del 7 maggio, quando un gruppo di 17 elenos - i guerriglieri dell'Eln, l'Ejército de Liberación Nacional - scesero in paese dalle montagne circostanti per attaccare il locale posto di polizia. Il saldo fu di un ferito e qualche danno alle...

ECOKILLER A OAXACA, UCCISO UN ATTIVISTA

Nel pieno dei lavori del Fame, il sesto Forum alternativo mondiale dell'acqua che a Marsiglia è arrivato al suo terzo giorno, l'assassinio del messicano Bernardo Vásquez Sánchez arriva come una bomba: i suoi compagni della Coordinadora de Pueblos Unidos del Valle di Ocotlán e dell'Asamblea Nacional de Afectados Ambientales - una...

«NOI ABBIAMO REAGITO IN MODO COESO... E ABBIAMO VINTO»

«Nel nostro Paese la lotta per il diritto all'acqua è stata un'esperienza che ha aggregato culture e storie politiche differenti. Decine di comitati locali formati da cittadini di tutte le età si sono messi in rete con le associazioni e i coordinamenti nazionali dando vita al Forum Italiano dei Movimenti per l'Acqua. Nel 2010, di fronte a...

COCHABAMBA ESPLODE. I MOVIMENTI SPINGONO IL GOVERNO FRENA

L'11 gennaio a Cochabamba un esercito irregolare di giovani appartenenti al movimento di destra Joventud democratica che sostiene il governatore del dipartimento, Manfred Reyes Villa, ha attaccato con brutale violenza, spalleggiato da gruppi paramilitari provenienti da fuori, i cocaleros che da giorni chiedevano le sue dimissioni. In 3...

L’anima divisa di una cattedrale

La storica parigina Mathilde Larrère, studiosa delle Rivoluzioni e in particolare di quella francese (fra i suoi ultimi libri, L’histoire comme émancipation, scritto con Laurence De Cock, Agone éditeur), in seguito all’incendio che ha devastato parte della cattedrale di Notre-Dame, ha accettato di...

Generazioni di donne tra memoria e futuro

Protagoniste della raccolta di racconti d’esordio della nigeriana Chinelo Okparanta La felicità è come l’acqua (Racconti Edizioni, pp. 212, euro 17, traduzione di Federica Gavioli, illustrazioni di Alberto Fiocco) sono donne sue connazionali che vivono in patria o si sono trasferite negli Stati Uniti, studentesse...

Un collezionista di insolite presenze

Chiunque affronti la figura e l’opera multiforme e ricchissima di Juan Rodolfo Wilcock, nato a Buenos Aires cento anni fa, esordisce con un riferimento al suo abbandono del paese di origine, nel 1957, per stabilirsi in un’Italia della quale avrebbe adottato la lingua, usandola con cristallina eleganza per scrivere romanzi,...

Virginia Woolf «danza» con Wayne McGregor

«Le rocce rompono la corrente della danza che stona, che vibra. Uno, due, siamo trascinati in un vasto disegno; ci tiene; non possiamo uscire dalle volute sinuose, esitanti, scoscese, che perfettamente ci chiudono». La citazione è da The Waves (Le onde), il terzo romanzo di Virginia Woolf che con Mrs. Dalloway e Orlando...

La Lingua dei segni come modello di sé nel mondo

In cosa consiste un accesso equo alla cultura? La domanda è l’interrogativo che vibra, prioritario, in una manifestazione che sul tema della comunicazione e del confronto tra diversità linguistiche e performative porta avanti dall’anno scorso una riflessione estetica, politica e sociale. È il Festival del...

La bellezza della diversità e il linguaggio del corpo

È cosa nota che il linguaggio del corpo, nella danza, nella performance come nel quotidiano, rende visibili miriadi di segni che si intrecciano nelle più svariate proporzioni con il movimento. Dettagli a volte anche minimi che svelano in modo sorprendente sensazioni, umori, pensieri. Fattoria Vittadini, collettivo milanese...

Paulina Flores, lo sguardo acuminato e crudele sulla realtà

Una comuna, cioè un enorme sobborgo nato dalle occupazioni dei terreni nella zona a nord di Santiago, durante la migrazione interna che nel secolo scorso portò nella capitale più di un milione di persone: questo è Conchalí, abitato soprattutto da famiglie operaie e piccolo borghesi in perpetua lotta con...

Sharon Eyal e il ritmo incalzante di una relazione

Dalla solida formazione tecnica e interpretativa maturata a Tel Aviv nella Batsheva Dance Company di Ohad Naharin, è uscita alcuni anni fa Sharon Eyal. Danzatrice di spicco nel formidabile linguaggio di movimento Gaga, inventato da Naharin, Sharon Eyal, che è stata anche co-direttrice della Batsheva, guida oggi da coreografa...

Non esiste una lotta efficace che ignori l’aspetto collettivo

Un féminisme décolonial, l’ultima opera di Françoise Vergès è stata pubblicata poco più di un mese fa presso le Éditions de la Fabrique di Parigi (pp. 142, euro 12). La politologa e militante francese ripercorre la storia dei legami tra un certo tipo di femminismo mainstream, il...

Nello sprofondo dell’altro

Posso vederli piangere, gridare, sanguinare, attaccarsi alle mie caviglie per una tanica d’acqua in più, pregare in ginocchio per un salvagente, morirmi davanti agli occhi. Non sento nulla. Sono salvo. Posso vedere i loro cadaveri riportati indietro dalle onde, gonfi d’acqua, deformati, sbattuti a faccia in giù...

Ezeulu, sciamano che combattela catastrofe colonialista

In attesa che sorga la luna nuova «magra come un orfano nutrito malvolentieri da una matrigna crudele», Ezeulu, sommo sacerdote dal potere illimitato sul corso delle stagioni, dei raccolti e sugli abitanti di Ulmuaro mangia igname senza olio di palma nella sua capanna di terra rossa e non lo condivide con nessuno. Così...



Pagina 1 di 50