Risultati per:

  • Autore: FEDERICO M. BUTERA
Modifica ricerca

COMMUNITY/COMMENTO

Non fatevi illusioni sulle Cop, non salveranno il pianeta

EMIRATI ARABI /DUBAI. Le fonti fossili, si sa da sempre, sono la causa principale del cambiamento climatico, con tutti i suoi effetti devastanti, eppure finora nelle Cop non si era neanche osato nominarle. E quindi si esulta per il solo fatto che alla Cop 28 a Dubai finalmente si nominano, e si dice che bisogna attivare un processo di transizione che ce ne...

COMMUNITY/COMMENTO

L’impronta delle multinazionali del fossile sul Piano per l’Energia

EUROPA. Finalmente, eccolo, il tanto atteso Piano Nazionale Integrato per l’Energia e il Clima (PNIEC) 2023. Un corposo documento che richiede un attento esame, ma che a una prima veloce lettura rivela subito le impronte delle multinazionali del fossile. Già, perché gli obiettivi di decarbonizzazione richiesti...

COMMUNITY/RUBRICA

L’incredibile ostinazione sui biocarburanti

ITALIA/EUROPA . Non più solo auto elettriche a partire dal 2035, ma anche a combustione interna. Vittoria, pensava il governo italiano. Ma l’esultanza si è trasformata in un boccone amaro: si possono usare solo i carburanti sintetici verdi, cioè fatti combinando chimicamente idrogeno prodotto con fonti rinnovabili e carbonio...

COMMENTO

Un sabotaggio del Green Deal europeo

ITALIA/MESSINA. Il dibattito sempre infuocato che si accende sul ponte di Messina copre un ampio ventaglio di criticità che vanno dal rischio sismico all’impatto sull’ambiente marino, dal rischio idrogeologico a quello delle infiltrazioni mafiose e così via. Nulla si dice, però, su un altro impatto.Quello sul Green Deal...

COMMENTO

Il piano oscuro del gas a sei zampe

ITALIA/ALGERIA. Dopo il premier Draghi è la volta della Meloni, in Algeria per il gas. E questa volta non soltanto per ottenere un aumento della fornitura, ma per avviare un «piano Mattei».Il piano Mattei, a quanto sembra, è un piano che vorrebbe fare dell’Italia “la porta di accesso per la distribuzione...

PRIMA/COMMENTO

Il rilancio di tutte le menzogne

ITALIA. In campagna elettorale, e dopo, la nostra destra e il sedicente centro che in realtà guarda a destra sono stati presi da un raptus incontrollato, un amore irresistibile per il nucleare, sostenendo che:- è la sola soluzione a emissioni zero per compensare completamente la non programmabilità delle fonti rinnovabili. E...

COMMENTO

Gas e fertilizzanti gonfiano l’inquinamento

ITALIA/RUSSIA/UCRAINA. La guerra in Ucraina mette a nudo intrecci nascosti. Uno è quello che lega gas russo, cereali russi, ucraini e fertilizzanti azotati russi. Il motivo per cui la Russia è un importante fornitore di fertilizzanti azotati dipende dal fatto che questi si fanno sintetizzando l’azoto atmosferico e l’idrogeno, prodotto...

COMMENTO

Le fonti fossili mettono l’elmetto e vanno al fronte

UCRAINA/RUSSIA. E così anche l’invasione dell’Ucraina trova un forte punto di appoggio nelle fonti fossili, già alla base di tutte le guerre dai tempi del Vietnam. Se l’Europa non fosse stata ricattabile dalla Russia per via del gas (e del petrolio), è improbabile che Putin avrebbe agito in questo modo.E così...

COMMENTO

L’aumento dei prezzi tra grandi profitti

ITALIA. Mentre le compagnie petrolifere e del gas fanno profitti da capogiro, l’aumento del prezzo del gas, specialmente in Italia, avviene in un quadro poco chiaro, così come chi fa la politica energetica,e nell’interesse di chi. Eni e governo devono una risposta“Il direttore finanziario della compagnia petrolifera e del...

COMMENTO

Roberto Cingolani, Dr Jekyll e Mr Hyde

ITALIA. L’intervista rilasciata all’Espresso dal Ministro per la Transizione Ecologica Roberto Cingolani fornisce una immagine ben diversa, rispetto a quella che emergeva dalle sue precedenti affermazioni su argomenti vari, dal ruolo del nucleare a quello del gas e dal futuro «lacrime e sangue».Fino ai «radical...

COMMENTO

Contro il Ponte lavora l’economia circolare

ITALIA/MESSINA. Tutte le volte che qualche parte politica decide di riproporlo, il dibattito sul Ponte di Messina si accende immediatamente e la litania delle ragioni pro e contro si svolge secondo un copione ben consolidato. Da una parte quelli che dicono che è indispensabile per lo sviluppo della Sicilia, anzi, questo sviluppo sarebbe...

COMMENTO

La verniciata di verde che nasconde il nero

ITALIA. Dopo 50 anni a negare e a seminare dubbi sulla CO2 come causa del cambiamento climatico, elargendo cospicui fondi per pseudo scienziati compiacenti e politici senza scrupoli, le grandi compagnie del petrolio e del gas finalmente non negano più.Anzi hanno cominciato massicce campagne pubblicitarie per mostrare come anche loro sono...

COMMENTO

Una ragione in più per fermare il conflitto ucraìno

UCRAINA. La guerra in Ucraina sta facendo precipitare il mondo, tutto, in un futuro da brividi. Un futuro in cui il grosso degli investimenti, pubblici e privati converge sulle industrie del fossile e degli armamenti. La guerra in Ucraina sta facendo precipitare il mondo, tutto, in un futuro da brividi. Un futuro in cui il grosso degli...

COMMENTO

Il funerale del New Green Deal

EUROPA. “Missione compiuta”, seguito dall’emoji dei bicchierini che brindano. È questo, si può immaginare, il messaggio scambiato tra i vertici di Shell, Total ed Eni, nonché tra i capi delle aziende della filiera nucleare.Dopo la pubblicazione del documento della Commissione europea, che include nella...

COMMUNITY/COMMENTO

Il governo chiede di alzare i limiti della Commissione Ue

ITALIA. Sembra di essere finiti in un incubo. Un incubo in cui rinnovabile significa fossile. Un incubo in cui le compagnie Oil&Gas hanno il potere assoluto.I fatti che ci hanno fatto preci

CAPIT/LAVORO

ALTA VELOCITA DA RIVEDERE

ITALIA. FERROVIE ALTA VELOCITA

INTERNAZIONALE/APERTURA

In Argentina Legge Omnibus per dare tutti i poteri a Milei

ARGENTINA/BUENOS AIRES . Il governo di Javier Milei ha presentato mercoledì sera un nuovo disegno di legge per la riforma dello stato, che il parlamento dovrà trattare durante le sessioni straordinarie convocate dal presidente fino al 31 gennaio. Si tratta di un'integrazione alle misure economiche annunciate dal ministro Luis Caputo oltre che al...

INTERNAZIONALE/APERTURA

Sindacati in piazza contro la mannaia-Milei. Lui: plebiscito

ARGENTINA/BUENOS AIRES . Lavoratori e lavoratrici in pazza ieri a Buenos Aires nella prima mobilitazione nazionale indetta dalla Confederazione generale del lavoro (Cgt) contro il governo di Javier Milei. La giornata di protesta, a cui hanno aderito anche le altre due centrali sindacali nazionali, ha mobilitato decine di migliaia di persone contro il mega-Decreto...

INTERNAZIONALE/TAGLIO BASSO

Sturzenegger e Caputo, due bramini alla guida del clan anti-casta

ARGENTINA/BUENOS AIRES. Il presidente Javier Milei ha presentato il fatidico decreto di deregolamentazione dell'economia mercoledì sera attraverso un video-messaggio a reti unificate accompagnato da tutti i ministri del suo governo. Al suo fianco però, invece della vice-presidente Victoria Villarruel, si trovava l'economista Federico Sturzenegger,...

INTERNAZIONALE/APERTURA

Picchetti e cacerolazos contro l’Argentina iper-deregolata di Milei

ARGENTINA/BUENOS AIRES . Seconda notte di proteste nelle principali città argentine dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del maxi-decreto con cui il governo di Javier Milei intende deregolamentare l'economia e privatizzare tutte le aziende statali. Dopo i cacerolazos spontanei esplosi mercoledì notte, a Buenos Aires, Rosario, Luján,...

Supporta il manifesto e l'informazione indipendente

Il manifesto, nato come rivista nel 1969, è sinonimo di testata libera, indipendente e tagliente.
Logo archivio storico del manifesto
L'archivio storico del manifesto è un progetto del manifesto pubblicato gratis su Internet e aperto a tutti.
Vai al manifesto.it